Cerca nel blog

lunedì 31 ottobre 2011

Teatro Lo Spazio - Massimo De Rossi

Martedì  8 novembre ore 20,45

repliche fino al 20 novembre 

TEATRO LO SPAZIO

Via Locri 42/44 
 

Produzione YOUKALI 

WELCOME TO PARADISE

di Karl Weigel  
 

Con (in ordine dell'autore)

MASSIMO DE ROSSI

GIULIA INNOCENTI

MARZIA DAL FABBRO

GIANCARLO MICI 

Scena e costumi  JEAN LEPARVIER  Realizzazione costumi ELEONORA GISMONDI

Consulenza musicale MARGOT ILJABIT  Musiche originali GIANCARLO MICI

Traduzione ANGELA SICKLER Assistente alla regia ANNA CECI 
 

Regia

MASSIMO DE ROSSI 
 

Berlino 1920. La nostra storia si svolge in un kabarett, il PARADISE. Il protagonista della commedia, David Tucholsky è un uomo sui cinquanta, un artista di varietà, un fantasista-ventriloquo incagliato in una vita difficile, forse sbagliata. Egli nasconde un'altra identità, un misterioso episodio del suo passato riaffiora. L'affascinante cantante del locale, Kathi Schleyer, lo riconosce. Tra i due si stabilisce un patto faustiano assolutamente ambiguo, vampiresco.

C'è un terzo personaggio, la giovane Trude. È dichiarato fin dall'inizio il legame lesbico che unisce le due donne. A questi si aggiunge il pianista del locale, Martin, un artista dall'animo buono che sogna fughe d'amore con Trude. Nel continuo farsi e disfarsi della trama corre lo spirito del gioco delle affettività morbose, dell'humour noir e della sensualità tra i personaggi.

Già dalle prime battute Weigel prepara il pubblico a una lettura distesa, tranquilla del testo. Ma non ci si deve fidare, il "racconto" riserva subito delle sorprese, dei salti, delle spezzature. Si viene così a creare un clima di vera suspense. Le scene scorrono veloci in un montaggio di tipo cinematografico. La commedia si risolverà in un finale inatteso, che potremmo definire Pulp. Sullo sfondo, le musiche, le canzoni e gli eventi della Germania in quegli anni. 

Karl Weigel nasce a Berlino nel 1970. Studioso di letteratura tedesca, saggista, sceneggiatore per il cinema e la televisione, questa è la sua opera prima per il teatro. Vive tra Berlino e New York. 


Ufficio Stampa: Viola Sbragia

venerdì 28 ottobre 2011

CORSO "LO SPAZIO TEATROGIOCO" per insegnanti scuola dell'infanzia

Il corso di formazione "Lo Spazio TeatroGioco", con la metodologia Helga Dentale-Teatro in Gioco, si rivolge agli educatori della scuola dell'infanzia ed ha l'obiettivo di creare e favorire uno spazio creativo propedeutico al lavoro da svolgere con i bambini e di costruire uno spazio di gioco ed ascolto attivo attraverso il gioco del teatro. Nel corso di formazione gli insegnanti saranno guidati in un percorso espressivo e didattico finalizzato all'acquisizione di strumenti e metodologie operative per condurre giochi di espressione teatrale con i bambini.
Tematiche del corso:  Rilassamento creativo, percorsi di movimento creativo e pittura gestuale, costruzione dello spazio teatrogioco (giochi espressivi con il corpo e la voce, alfabetizzazione emotiva, personaggio teatrale), lavoro sulla fiaba, fiabe interattive.
Nel corso verrà dato ampio spazio alle fiabe interattive come strumento espressivo e didattico da raccontare ed elaborare con i bambini. 

Ai corsisti verranno rilasciate dispense integrative e il testo "Io racconto..tu ascolti..insieme giochiamo" (manuale di fiabe interattive di H.Dentale)
Il corso si struttura in:
A scuola: Nelle strutture scolastiche il corso si svolge con l' equipe degli insegnanti interessati e si struttura in 4 incontri da 3 ore
In sede GirasoliTeatro: Il prossimo corso si svolgerà il 14 e 15 gennaio 2012, dalle 12.00 alle 14.00 e dalle 14.30 alle 17.30. 
Sono aperte le iscrizioni
girasoliamoci@tiscali.it
www.teatroingioco.blogspot.com/

Teatro. Compagnia dei Merli Bianchi: “Mafie, Sud e Resistenza”



Teatro, la Compagnia dei Merli Bianchi di scena in Umbria con "Mafie, Sud e Resistenza"

Dal 3 al 6 novembre, gli artisti giuliesi saranno a L'Aquila per la riapertura della Casa del Teatro


GIULIANOVA – La Compagnia dei Merli Bianchi di Giulianova ospite in Umbria per "Finestre sull'Uomo-Teatro" (31 ottobre-3 novembre), il festival teatrale organizzato dal Teatro Laboratorio "Isole di Confine" in collaborazione, tra gli altri, con la Regione Umbria e la Provincia di Terni.

Martedì 1° novembre, alle 22 presso la Sala De Filippo di Marsciano (provincia di Perugia), andrà in scena "Mafie, Sud e Resistenza". Al centro dello spettacolo, storie di 'resistenza al femminile' raccontate prendendo spunto dalle vite esemplari di due donne diventate simbolo della lotta alla mafia: Felicia Impastato, madre di Peppino, e Rita Atria, figlia di un boss mafioso e poi testimone di giustizia, morta suicida a soli 17 anni una settimana dopo la strage di via D'Amelio. "Mafie, Sud e Resistenza" è prodotto dalla Compagnia dei Merli Bianchi con il Teatro Proskenion e il Museo della 'ndrangheta di Reggio Calabria. Sul palco, le attrici Margherita Di Marco e Mariangela Berazzi, la regia è di Claudio La Camera – coordinatore del Museo della 'ndrangheta – le scenografie sono invece curate da Rossano Farabbi. Lo spettacolo verrà rappresentato nel corso della giornata dedicata alla "cultura come strumento di legalità", in collaborazione con il Museo della 'ndrangheta di Reggio Calabria e l'associazione Libera Marsciano.

Quest'anno la rassegna umbra è gemellata con il festival "Luoghi Sicuri"  in programma dal 3 al 6 novembre nella Casa del Teatro di Piazza D'Arti che riapre dopo il terremoto del 6 aprile. I promotori del festival, insieme a rappresentanti istituzionali dell'Umbria, raggiungeranno il Capoluogo abruzzese con una vera e propria "marcia verso L'Aquila". Interverrà il sindaco aquilano Massimo Cialente.

Anche gli artisti della Compagnia dei Merli Bianchi prenderanno parte alla "quattro giorni" promossa dalla rete degli "Artisti Aquilani", dall'Associazione Teatrabile e dall'Arci L'Aquila, L'inaugurazione dello spazio culturale ci sarà giovedì 3 novembre alle 11 alla presenza di Massimo Cialente e delle autorità provinciali e regionali. Tanti gli eventi in calendario così come gli ospiti del mondo del teatro e della cultura. Durante la rassegna si alterneranno spettacoli, tavole rotonde, dialoghi attivi, dimostrazioni di lavoro di attori, tavole rotonde e spettacoli teatrali intorno al tema della memoria. Saranno presenti sociologi, antropologi, registi, attori, geografi, scenografi e artisti di fama nazionale e internazionale. Per informazioni sul programma completo consultare il sito www.artistiaquilani.it

giovedì 27 ottobre 2011

Ulderico Pesce: FIATo sul collo

AMBRA TEATRO ALLA GARBATELLA

piazza Giovanni da Triora 15, Roma - ore 21 mar/sab h 21.00 dom h 17.00

BIGLIETTI: ridotto € 12,00 intero € 15,00

1- 6 novembre

Il Centro Mediterraneo delle Arti

Legambiente

Teatro dei Filodrammatici

diretto da Ulderico Pesce

presentano

IL TESTO VINCITORE DEL PREMIO MARISA FABBRI 2005 sezione Premio Riccione

FIATo sul collo

I 21 giorni di lotta degli operai della Fiat di Melfi

 
 

di e con

ULDERICO PESCE 

indagini sonore

Têtes de Bois 

Il Premio Marisa Fabbri, sezione del Premio Riccione Teatro, è destinato a indicare un'opera particolarmente impegnata nella ricerca di un linguaggio aperto e poetico ed  è stato attribuito a "FIATo sul collo" di Ulderico Pesce con la seguente motivazione: 

      Dal cuore della Basilicata, il racconto irridente e appassionato, in forma di monologo e nel solco del teatro di narrazione, di una vita costruita sulla speranza di un lavoro che mina ogni legame e sicurezza. Voci, pensieri e sentimenti intrecciati in una scrittura che parte da una base leggera e ironica per affondare nella crudezza cronachistica degli scioperi alla Fiat di Melfi e nella disperazione delle prospettive future. Il testo s'infiamma per via e sarebbe piaciuto a Marisa Fabbri per il suo impegno e il gusto con cui s'inventa parole e personaggi, tanto da supporre che le sarebbe piaciuto interpretarlo in abiti maschili. 
       
       
       

"FIATo sul collo" racconta la vita di Antonio e Angela. Lavorano nello stabilimento lucano della Fiat-Sata di Melfi. Vivono ad Acerenza (PZ) e quando nel 1994 la Fiat seleziona gli operai da assumere attraverso contratti di formazione lavoro, parte il loro "sogno americano": entrare in Fiat ed avere lo stipendio fisso. La realizzazione del sogno, che festeggiano con torta e candeline, li porta al matrimonio, all'acquisto, attraverso mutui bancari, di una piccola casa e di una fiat Punto. E' tale l'illusione della raggiunta tranquillità economica che subito mettono al mondo due bambine.

La vita quotidiana in fabbrica però, a poco a poco, trasforma il loro sogno in incubo. Attraverso la loro vita scopriremo cosa significano formule come "doppia battuta": la fatica di 12 notti consecutive di lavoro anche per le donne; ritmi impossibili da sostenere e salari striminziti che provocavano focolai di protesta e conseguenti licenziamenti e provvedimenti disciplinari.

Antonio e Angela usciranno dall'incubo partecipando con "nuova coscienza" alla lotta iniziata il 19 aprile del 2004 con la creazione di presidi davanti alla fabbrica, una lotta sostenuta dalla sola Fiom-Cgil, in cui le operaie e gli operai di Melfi di fronte ai soprusi della direzione aziendale rispondono "assediando la fabbrica", una lotta che li vede costretti a resistere alle cariche della polizia con determinazione e orgoglio, una lotta storica, durata 21 giorni e che finisce con l'accettazione da parte della Fiat Sata delle richieste degli operai, tra le quali l'equiparazione del salario agli altri stabilimenti Fiat d'Italia e l'eliminazione della doppia battuta.   

"La stesura del testo è stata possibile grazie ai tanti operai Fiat che mi hanno voluto raccontare la loro esperienza e ad alcuni sindacalisti della Cgil." Ulderico Pesce 
 
 

"E' difficile che qualcuno oggi si occupi degli operai metalmeccanici, di quelli che fabbricano le macchine. La TV e i giornali in genere non si occupano della loro vita, della loro condizione di lavoro che spesso nella storia anche recente d'Italia ha significato "schiavitù istituzionalizzata". Nessuno o pochi si occupano di indagare sui contributi a fondo perduto che la FIAT ha avuto dallo Stato italiano e se quei soldi sono stati gestiti per difendere gli operai e le loro famiglie.

Con questo spettacolo ho voluto occuparmi di queste cose. Strada facendo ho incontrato un gruppo musicale: i Têtes de Bois che cantano con forza, passione e ironia i temi del Lavoro. Abbiamo deciso di camminare assieme".

                                                                                                                               Ulderico Pesce 
 

" Nel nostro viaggio sul vecchio camioncino Fiat 615 con il nostro evento itinerante "AVANTI POP", che abbiamo portato in quei luoghi in cui la dignità dei lavoratori è stata violata o riscattata, abbiamo piacevolmente incontrato Ulderico Pesce davanti ai cancelli della Fiat Sata di Melfi. Le indagini sonore e i brani che ci piace regalare a "FIATo SUL COLLO" nascono e si muovono nel respiro di questo progetto. Ulderico ha già seguito gli amici Têtes sul vecchio camion e i Têtes de Bois ora lo seguono sul palco teatrale".

                                                                                                                                                                                                                                                  i Têtes de Bois

Corsi Clown Roma-UP & CLOWN Tony Clifton Circus 18-19-20 Novembre

Up & Clown
metti in scena il tuo Clown
18-19-20 Novembre


Tipologia
Lab

Livello
Avanzato

Docenti
Nicola Danesi
della compagnia “Tony Clifton Circus”
www.tonycliftoncircus.com

Cosa insegna:
a costruire una performance di Clown Moderno da mettere in scena in contesti teatrali
e di arte di strada, partendo dal potenziale, dallo stile e dal repertorio di ciascun allievo

Programma:
1) Il Clown Egocentrico
La dimensione comica del Clown come superamento ed esasperazione dei propri limiti
2) Il Clown con gli altri e per gli altri
Il gruppo ,il gioco collettivo, azioni e reazioni comiche
3) Il Clown in scena
Sorpresa, spiazzamento, anomalia nella costruzione comico- espressiva.

Durata
18-19-20 Novembre

Giorno e Orario
Venerdì 18, Sabato 19 e Domenica 20 Novembre
10-16 con pausa pranzo 13-14

Consigliato a
clown, mimi, artisti di strada, attori, comici, cabarettisti, tutti coloro che vogliono ottimizzare e potenziare la loro performance clown per metterla in scena in scena in contesti teatrali e di arte di strada...

Requisiti
esperienza clown e arte di strada/teatro/teatro comico e cabaret base, età minima 16 anni

Attestato Partecipazione
no

Per info,iscrizioni e colloqui propedeutici
Accademia Comico Roma
3471222239
infoline@morinibros.it
www.morinibros.it

mercoledì 26 ottobre 2011

Rassegna Teatro a Taglio Corto. seconda edizione

Rassegna Teatro al Taglio Corto Eventi a Roma

19- 20 novembre 2011. Due nuove serate per Teatro a Taglio Corto ... per raccontare, incuriosire, emozionare, sognare!

Torna, per la seconda edizione Teatro a Taglio Corto al Piccolo Teatro Woody Allen di Roma.
E' stata il 16 ottobre la serata Inaugurale per iniziare la stagione e ritrovare vecchi e nuovi spettatori. Anche in questa seconda edizione le serate saranno composte da corti teatrali, performance, monologhi, teatro di narrazione, insomma:"Storie diverse, spazi emotivi completamente diversi, dalla risata più autentica e genuina alla commozione, dall’indignazione alla riflessione, tematiche davvero varie. È questa la formula vincente di Teatro a Taglio Corto, la rassegna teatrale ideata dalla compagnia GirasoliTeatro di Helga Dentale e Fabio Filippi." (Les Flaneurs)

Teatro a Taglio Corto è un’occasione per vedere il teatro in uno spazio informale, off, rinnovato e ristrutturato, grazie anche al successo della passata stagione di questa rassegna. Gli spettacoli che compongono la rassegna, come lo scorso anno, saranno caratterizzati da una contaminazione di diversi linguaggi artistici che si orienta verso un teatro contemporaneo. Ogni serata sarà composta da 4 corti teatrali inediti ed un corto della passata edizione.

Non mancheranno delle novità, viste sin dalla prima serata di questa seconda edizione, che gli spettatori avranno la possibilità di scoprire di volta in volta.

Teatro a Taglio Corto, dice Helga Dentale, una degli ideatori insieme a Fabio Filippi di questa rassegna, è il teatro che amo e che mi piace. Il teatro senza troppi lustrini, il teatro del dialogo fra attori e spettatori, il teatro che non ha bisogno di uno spazio troppo pomposo e formale per esistere perché già esiste così com’è: ha già la sua forza, ha un’idea vera, ha il cuore. Il teatro che non deve far pagare un biglietto proibitivo ma che si sostiene con una sottoscrizione e quindi è per tutti, è di tutti. Il teatro che vuole raccontare, dire, comunicare, condividere. In una società che vorrebbe abituarci al non pensiero la vera rivoluzione culturale è non smettere di pensare e di dialogare.

In ogni serata la rassegna ospiterà Emergency con i suoi volontari che con il banchetto informativo e i loro gadget daranno l’opportunità, a chi vorrà e potrà, di conoscere e far sostenere questa associazione umanitaria con cui la compagnia GirasoliTeatro collabora dal 2002.

Citando F. Garzia Lorca: “Un teatro ben orientato in tutti i rami può cambiare in pochi anni la sensibilità del popolo; mentre un teatro rovinato può addormentare un’intera nazione.”

Informazioni:  Teatro a Taglio Corto è in scena, da ottobre a maggio.

Da Novembre ogni 3° sabato del mese e replica la domenica sempre alle 21.00
Prossima data: Novembre 19 e 20 ore 21.00

Ingresso a sottoscrizione (consigliata la prenotazione)



Leggi tutto: http://www.romatoday.it/eventi/teatro/rassegna-teatro-woody-allen.html
Diventa fan: http://www.facebook.com/pages/RomaToday/41916963809

LABORATORIO OLIMPICO, “HAMLICE”: I DETENUTI ATTORI DI ARMANDO PUNZO IN VIAGGIO DA SHAKESPEARE A CARROLL

Da Amleto ad Alice nel paese delle meraviglie, in un viaggio di cui non si conosce la fine, attraverso l’immaginario letterario che in ogni tempo ha affrontato il tema della trasformazione: si apre con “HAMLICE - Saggio sulla fine di una civiltà”, la decima edizione del progetto Laboratorio Olimpico che ha invitato sul palcoscenico del Teatro Olimpico di Vicenza il regista Armando Punzo e i detenuti attori della Compagnia della Fortezza del carcere di Volterra.
Con un allestimento site specific appositamente pensato per gli spazi particolarissimi dell’Olimpico, “HAMLICE” andrà in scena venerdì 28 ottobre alle 21; grazie alla collaborazione tra i promotori del Laboratorio Olimpico (direttore artistico Roberto Cuppone) - Accademia Olimpica e Comune di Vicenza - e La Piccionaia I Carrara Teatro Stabile di Innovazione, lo spettacolo costituirà contemporaneamente il primo appuntamento della nuova stagione del Teatro Astra di Vicenza, NIENTE STORIE 2011-2012. Il giorno dopo, Laboratorio Olimpico proseguirà con un incontro con il regista, artisti, docenti e associazioni.
Con un cast di 25 attori, e una macchina organizzativa che ha mosso complessivamente 52 persone, lo spettacolo si preannuncia un evento unico per la città: grazie alla capacità di andare oltre la drammaturgia tradizionale, il lavoro della compagnia, guidato da più di vent’anni da Armando Punzo, è divenuto infatti esempio di successo artistico riconosciuto a livello internazionale con premi tra i più ambiti del settore (tra gli altri, cinque Premi Ubu e il Premio Europa).
“HAMLICE - Saggio sulla fine di una civiltà” propone un percorso che parte dalla tragedia del potere di William Shakespeare e arriva all’anarchia di Lewis Carroll. Il lavoro affronta il tema della trasformazione, intesa come possibilità di sottrarsi a un ruolo che sembra definito per sempre. I personaggi di Shakespeare incarnano la volontà forte di liberarsi del proprio ruolo e attraversare “un’altra storia”: e il richiamo ai detenuti di questa Compagnia, che trovano nel tema dell’esistenza negata il centro della loro quotidianità, diventa lampante.
La Compagnia della Fortezza si configura infatti come un progetto di “teatro necessario”, sviluppato per dare l’opportunità ad alcuni detenuti di costruire una carriera artistica all’interno di quella porzione della società che si sviluppa in carcere: e proprio per approfondire le specificità di questa realtà artistica, il giorno dopo lo spettacolo, sabato 29 ottobre (ore 10), il Laboratorio Olimpico propone un incontro con Armando Punzo sul tema “Per un Teatro Stabile in carcere”. All’incontro, programmato all’Odeo del Teatro Olimpico di Vicenza, parteciperanno Massimo Marino (Università di Bologna) e due esponenti della scena teatrale contemporanea veneta: Michele Sambin per TAM Teatro di Padova ed Enrico Castellani di Babilonia Teatri (Verona). L’incontro coinvolgerà anche la Consulta per le problematiche penitenziarie, con la partecipazione di Federica Berti, Garante dei diritti delle persone private della libertà personale, oltre alle associazioni della città: interverranno infatti anche Andrea Moroni (CTP Vicenza est), Davide Bellarte (Progetto Jonathan) e Massimo Cassan (Lembo del Mantello - Caritas Vicenza).

I biglietti per “HAMLICE. Saggio sulla fine di una civiltà” (15 euro intero, 13 ridotto) sono acquistabili presso il botteghino del Teatro Olimpico dalle 20 della sera di spettacolo; oppure, in prevendita, all’Ufficio Teatro Astra dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18; mercoledì fino alle ore 19. L’ingresso all’incontro è libero.

www.laboratoriolimpico.org

Laboratorio Olimpico dal 2001 promuove una riqualificazione del Teatro Olimpico di Vicenza come laboratorio teatrale permanente. Il progetto è ideato dall’Accademia Olimpica, è promosso dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza in collaborazione con l’assessorato alla famiglia e alla pace, e ha il sostegno di Regione del Veneto, Fondazione Cariverona e di UniCredit S.p.A. Laboratorio Olimpico è diretto da Roberto Cuppone, con il supporto organizzativo de La Piccionaia – I Carrara Teatro Stabile di Innovazione.

La stagione NIENTE STORIE 2011-2012 è curata da La Piccionaia-I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per l’Assessorato alla cultura del Comune di Vicenza anche con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Fondazione Antonveneta e Askoll.

PLAYTIME: GLI ABBONAMENTI ALLA STAGIONE DI VILLA DEI LEONI. E, DAL 3 NOVEMBRE, CARNET E BIGLIETTI

Prosegue la campagna abbonamenti a PLAYTIME, l’edizione 2011/2012 della stagione del Teatro di Villa dei Leoni di Mira (VE): per tutta la settimana in corso (dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18) e - ultimo weekend di apertura straordinaria - anche sabato 29 ottobre (dalle 10 alle 13) sarà ancora possibile acquistare un posto in platea per l’intero cartellone presso l’Ufficio del Teatro di Villa dei Leoni; da giovedì 3 novembre, inoltre, inizierà la vendita dei carnet tematici e dei biglietti per i singoli spettacoli.
La vendita degli abbonamenti continuerà comunque parallelamente ai biglietti fino all’apertura della stagione.

Sul fronte dei prezzi, rimasti proporzionalmente invariati rispetto alla scorsa stagione, l’abbonamento a dieci spettacoli costerà 100 euro: in sostanza, acquistando le tessere di abbonamento, ogni spettacolo verrà a costare 10 euro, con un risparmio fino a cinque euro a serata rispetto al singolo biglietto.

A partire dal 3 novembre sarà inoltre possibile acquistare i due carnet di cinque spettacoli della stagione, al costo di 55 euro ciascuno. Il carnet “Play”, con un percorso all’interno dei nuovi linguaggi scenici e del divertimento d’autore, comprende “L'IDIOTA DI GALILEA” di Natalino Balasso, “IDOLI” di Carrozzeria Orfeo, “A TUA IMMAGINE” di Odemà, “120 CHILI DI JAZZ” di César Brie e “L’AVARO IN BLUES” de La Piccionaia - Tradimenti; il carnet “Time”, invece, invita ad addentrarsi all’interno di tematiche sociali e psicologiche, anche attraverso le grandi drammaturgie del passato: sono in programma “PRO PATRIA” di Ascanio Celestini, “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” di Punta Corsara, “LA RAGAZZA OLANDESE” de La Piccionaia - I Carrara, “I CAVALIERI - ARISTOFANE CABARET” di Mario Perrotta, e infine “DUE PASSI SONO” di Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi.

Sempre dal 3 novembre saranno messi in vendita anche i biglietti per tutti gli spettacoli: per gli appuntamenti di Balasso e Celestini il biglietto intero verrà a costare 15 euro (13 il ridotto); per tutti gli altri spettacoli, l’ingresso costerà 13 euro (10 con la riduzione).
I carnet e i biglietti per tutti gli spettacoli saranno in vendita presso l’Ufficio Teatro di Villa dei Leoni in via Don Minzoni 26 a Mira il lunedì dalle 14 alle 18, e dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18.
Per ulteriori informazioni: 041 4266545.

PLAYTIME, la stagione 2011-2012 del Teatro Villa dei Leoni è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano


INFO > Ufficio Teatro Villa dei Leoni
tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it
www.teatrovilladeileoni.it

Il 28 ottobre Sergio Rubini di scena a Matera


Prenderà il via sabato prossimo, 29 ottobre, al Teatro Duni,"Teatri uniti d'Italia - Le città della scena a Matera", la stagioneteatrale 2011/2012 organizzata nella città dei Sassi dall'AssociazioneCulturale Incompagnia: alle 21.00 sarà di scena Sergio Rubini con "A cuoreaperto - Voci del Novecento da Neruda a Sanguineti".

Lo spettacolo,diretto dallo stesso Rubini e prodotto da Angelo Tumminelli, prevede lapartecipazione del trio jazz composto dal pianista Michele Fazio - autore deibrani musicali, Emanuele Smimmo (batteria) e Marco Loddo (contrabbasso), epropone un'alternativa alla classica narrazione teatrale di opere conosciutenota come reading; si tratta infatti di un volo planato intorno ad alcuni"fari" della poesia contemporanea - Neruda, Pavese, De Filippo,Prévert, Sanguineti, alimentato dalle correnti ascensionali della musica, cheinfonde tensione emotiva al pari dei versi prediletti, rimestando note e parolein un accidentale accostamento.


La cordiale apertura passionale, accende nello spettatore la lusinga di unapartecipazione incantata e più volte protagonistica: la sottile magia di unequilibrio precario accentuato dalla musica d'improvvisazione, da luci edeffetti sonori ricercati, rende l'esperienza personalissima e generosa dispunti di meditazione.



Nato a Grumo Appula (BA), Sergio Rubini non ha mai nascosto le sue originipugliesi, che al contrario hanno contribuito notevolmente al suo successo,conferendo ai suoi personaggi una sorta di "onirico realismo".Vincitore nel 1990 del David di Donatello e del Nastro d'Argento per la suaopera prima, il film "La Stazione", il poliedrico artista ha semprealternato esperienze da interprete e regista in 26 anni di carriera. Ilpubblico di Matera lo ricorda anche come il buon ladrone del kolossal "ThePassion of the Christ" girato nel 2004 da Mel Gibson proprio nella cittàdei Sassi. Oggi, a 52 anni, Rubini è professionista impegnato, acclamato dallegenerazioni vecchie e nuove come virtuoso rappresentante della migliore scuolaitaliana del cinema e delle arti performative.


Per prenotazioni ed informazioni si può contattare l'Associazione CulturaleIncompagnia ai numeri 0835/337220 e 0835/331812; come di consueto, tutte leinformazioni sulla rassegna teatrale sono disponibili su internet sul sito dell'associazione www.incompagnia.com.

Corsi Scrittura Roma-SCRIVERE COMICO 19-20 Novembre

Scrivere Comico
19-20 Novembre

Tipologia
Stage

Livello
Base

Docenti
Max e Francesco Morini
autori, direttori Accademia Comico Roma

Cosa ti insegna:
-ad avvicinarsi al Pensiero e al Linguaggio Comico e a liberare la propria Vis Comica;
-ad imparare le tecniche, i meccanismi e le dinamiche base della Scrittura Comica applicata
ai diversi campi espressivi, Teatro Comico e Cabaret, Radio e Tv, Cinema e Narrativa;
-a mettersi in gioco, a comunicare e a scrivere meglio attraverso l’Umorismo e la Comicità.

Programma:
A) Pensare Comico
"Occhio" Comico, Senso dell’Umorismo e Umorismo
L' Attesa Disattesa
L' Idea Comica e l’ Incongruo
I Meccanismi della Comicità
Comicità Verbale e Non Verbale
Battute, Situazioni e Gags
B) Scrivere Comico
La Sintesi Comica
Doppi Sensi, Calembour, Letteralizzazioni
Similitudini e Metafore
La Sintassi Comica
Umorismo e Comicità, Ironia, Satira e Parodia
Teatro & Cabaret, Tv e Cinema, Narrativa

Durata
19-20 Novembre 2011

Giorno e Orario
Sabato 19 e Domenica 20 Novembre
10-16 con pausa pranzo 13-14

Consigliato a:
autori,scrittori, giornalisti, attori, comici, cabarettisti e a tutti coloro che sono interessati ad avvicinarsi al Pensiero e al Linguaggio Comico e a liberare la propria Vis Comica, ad imparare le tecniche, i meccanismi e le dinamiche base della Scrittura Comica applicata ai diversi campi espressivi, Teatro Comico e Cabaret, Radio e Tv, Cinema e Narrativa e a mettersi in gioco, a comunicare e a scrivere meglio attraverso l’Umorismo e la Comicità

Requisiti
nessuna esperienza di scrittura comico-umoristica richiesta, età minima 16 anni

Attestato Partecipazione
no

Per info ed iscrizioni:
Accademia Comico Roma
3471222239
accademiacomico@morinibros.it

lunedì 24 ottobre 2011

“FAMIGLIE A TEATRO”: ALL’ASTRA DI VICENZA UN PERCORSO TRA FIABA E FANTASIA

Un percorso che si snoda tra fiabe, dipinti, misteriosi fondali marini, e dimore principesche per protagonisti da favola: gioca sul divertimento e sull’incanto il cartellone di FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012 che La Piccionaia I Carrara - Teatro Stabile di Innovazione e l’Assessorato alla Cultura del Comune di Vicenza propongono al Teatro Astra di Vicenza a partire da domenica 6 novembre.
Dato il successo della precedente edizione e l’altissima richiesta da parte delle famiglie vicentine, tutti gli spettacoli saranno presentati in doppia replica, alle ore 15 e alle 17, per permettere a quante più persone possibili di partecipare: gli abbonamenti sono in vendita - a prezzi immutati - fino al 29 ottobre.
Sedici spettacoli in otto domeniche, fino al 25 marzo 2012, per far sì che, nei finesettimana invernali, il teatro Astra diventi simbolicamente la casa delle famiglie: un luogo dove genitori e figli possano non soltanto condividere emozioni e riflessioni, ma anche vivere una dimensione comunitaria dell’esperienza culturale attraverso l’incontro con altre famiglie e con alcune tra le compagnie più rappresentative del Teatro Ragazzi italiano.
Inaugura il programma di FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012, domenica 6 novembre, La Piccionaia – I Carrara con “MIMÌ E LA FELICITÀ”, la nuova produzione firmata da Ketti Grunchi e Valter Rado: ispirato al lavoro del regista francese Jean Pierre Jeunet (“Il favoloso mondo di Amelie”), lo spettacolo mette in scena un personaggio leggero, fantasioso, poetico, e ingenuo, felice di assaporare il tempo che ha a disposizione senza limiti, giocando, pensando, sognando e contando.
Il cartellone prosegue domenica 20 novembre con “CAPPUCCETTO ROSSO”: presentato, da Teatro delle Briciole - Solares Fondazione delle Arti e Compagnia Rodisio, nella versione di Perrault, tra le più antiche, lo spettacolo racconta di un bosco delle meraviglie dove una bambina bellissima si perde fino ad incontrare il più famelico dei lupi. Una metafora per riuscire a sopravvivere alle fiabe, oltrepassando il bosco.
Domenica 4 dicembre (ore 17) è la volta di Teatro del Buratto, diretto da Jolanda Cappi e Giusy Colucci, con “NEI CIELI DI MIRÒ”. Lo spettacolo nasce da due suggestioni, una letteraria e una artistica: il racconto di Daniel Pennac “Il giro del cielo” e i quadri di Mirò. Per Mirò il colore da cui nascono i sogni è il blu, e a quel cielo blu e alle immagini fantastiche del pittore catalano si è ispirato Pennac per raccontare un tenero dialogo tra un padre e una figlia che, in un sogno di quando era piccola, si ritrova nei luoghi e tra i personaggi dell’infanzia del papà: un gioco ricco di poesia per leggere e amare l’arte.
Inaugura l’anno nuovo, domenica 15 gennaio, “AQUARIUM” di Teatro dell’Angolo - Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, che vede la collaborazione alla drammaturgia di Gabriele Vacis. Lo spettacolo è un’immersione nel mondo sottomarino: evocata dal suono di una conchiglia e dai giochi di tre ragazzi, la vicenda si snoda attraverso una serie di passaggi e microstorie di animali che popolano i fondali.
Domenica 29 gennaio la Compagnia del Sole in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano propongono “LA VERA STORIA DI PINOCCHIO”: Flavio Albanese racconta in prima persona la storia del burattino sulle note della celebre colonna sonora che Fiorenzo Carpi scrisse per il film TV di Comencini. Tra prose, filastrocche, canzoni, arie e recitativi, lo spettacolo ripercorre le ben note vicende del semplice “ciocco di legno”, divenuto con le buone azioni un bambino vero.
FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012 prosegue domenica 12 febbraio con il Teatro del Piccione in “ROSASPINA”: una versione dolce e visionaria, tra comicità e poesia, del capolavoro narrato anche da Charles Perrault. Rosaspina ha un destino crudele: “La bambina si pungerà un dito e si addormenterà”, recita l’anatema della strega; ma, come in tutte le fiabe, non mancherà il lieto fine.
Penultimo appuntamento del cartellone, domenica 11 marzo, Fontemaggiore propone le sue “STORIE DI PRINCIPESSE”: in uno spazio dalle atmosfere nordiche, due donne-troll buffe ed appassionate evocheranno le Principesse e il pubblico, tra realtà e magia, verrà catapultato nel loro mondo, scoprendo che le Principesse non sono donne di casa, ma sono comunque capaci di sbrigare le loro intricate faccende.
Chiude il programma 2011-2012 il Teatro Crest con “LA STORIA DI HANSEL E GRETEL”: una rilettura della celebre fiaba dei fratelli Grimm, che prende avvio dalla prosaica difficoltà di un padre e di una madre a sfamare i figli. Uno spettacolo sospeso tra realtà e favola, perché i bambini imparino a dare valore alle cose e soprattutto alla loro capacità di discernere e conquistarle.

Gli abbonamenti sono disponibili a 36 euro (22 ridotto) per l’intero cartellone; mentre le formule “Coccinella” o “Lupetto” propongono l’acquisto di cinque spettacoli a 25 euro (16 con la riduzione).
“Coccinella” è il percorso pensato per i bambini più piccoli e comprende MIMI’ E LA FELICITA’ - CAPPUCCETTO ROSSO - NEI CIELI DI MIRO’-ROSASPINA - STORIE DI PRINCIPESSE; “Lupetto” è dedicato ai più grandi e propone CAPPUCCETTO ROSSO - AQUARIUM - PINOCCHIO - ROSASPINA - HANSEL E GRETEL.

Gli abbonamenti sono in vendita fino al 29 ottobre presso l’ufficio del Teatro Astra (nuova sede in Stradella Barche 5, Vicenza) con i seguenti orari: martedì, giovedì e venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 18, e, solo in campagna abbonamenti, il mercoledì dalle 9.30 alle 13 e dalle 15 alle 19 e il sabato mattina dalle 10 alle 13.
I biglietti (intero 6,50 euro, ridotto under 14 a 4 euro, ridotto carta 60, soci coop e enti convenzionati 5 euro) saranno in vendita da mercoledì 2 novembre.


Informazioni per il pubblico
Ufficio Teatro Astra
NUOVA SEDE - Stradella Barche 5
Tel. 0444 323725, astra@piccionaia.org
www.piccionaia.org

"FAMIGLIE A TEATRO" 2011-2012: LA RASSEGNA DOMENICALE A MIRA. ULTIMI ABBONAMENTI ANCORA DISPONIBILI

Dopo il successo di pubblico delle scorse edizioni, torna a Mira (VE) il cartellone dedicato ai ragazzi: anche per la stagione 2011-2012 il Teatro di Villa dei Leoni propone “FAMIGLIE A TEATRO”, l’ormai consolidata rassegna domenicale pensata per grandi e piccini all’insegna dell’incontro tra generazioni. Un progetto che porta con sé un forte valore educativo: l’obiettivo è quello di avvicinare il pubblico al fascino del teatro fin dalla più tenera età, facendone condividere il valore formativo e gli aspetti di intrattenimento con le proprie famiglie.

“FAMIGLIE A TEATRO” propone un percorso che unisce divertimento e magia attraverso quattro appuntamenti in programma la domenica pomeriggio, dal 27 novembre al 18 marzo, a cui è possibile abbonarsi fino al primo spettacolo.
Apre il cartellone, il 27 novembre, “MIMÌ E LA FELICITÀ”, la nuova produzione targata La Piccionaia – I Carrara e firmata da Ketti Grunchi e Valter Rado: ispirato al lavoro del regista francese Jean Pierre Jeunet (“Il favoloso mondo di Amelie”), lo spettacolo mette in scena un personaggio leggero, fantasioso, poetico, e ingenuo, felice di assaporare il tempo che ha a disposizione senza limiti, giocando, pensando sognando e contando.
Il 29 gennaio è la volta di Teatro Giocovita che presenta lo spettacolo di figure e ombre “PÉPÉ E STELLA”: scritta da una delle autrici per l’infanzia più amate, Babro Lindgren, la storia racconta l’amicizia tra un bambino e il suo cavallo, nati nella stessa notte in un grande circo. Ma quando il direttore deciderà di cacciare il cavallino dal circo, inizierà per i due amici un lungo viaggio attraverso nuove emozioni.
Il terzo appuntamento, il 26 febbraio, sarà con “PIUME”, di Antonella Caruzzi per CTA - Centro Teatro Animazione e Figure: lo spettacolo, che unisce alla tecnica del teatro d’attore l’utilizzo dei pupazzi, è ispirato ad alcune favole di animali della tradizione classica ed è costruito come un gioco di parole e musica.
Chiude il programma di “FAMIGLIE A TEATRO 2011-2012”, domenica 18 marzo, “AQUARIUM” di Teatro dell’Angolo - Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani, che vede la collaborazione alla drammaturgia di Gabriele Vacis. Lo spettacolo è un’immersione nel mondo sottomarino: evocata dal suono di una conchiglia e dai giochi di tre ragazzi, la vicenda si snoda attraverso una serie di passaggi e microstorie di animali che popolano i fondali.

Tutti gli spettacoli iniziano alle ore 16.

L’abbonamento - intero 20 euro, ridotto (under 14) 12 euro - è acquistabile fino al 27 novembre all’Ufficio Teatro Villa dei Leoni in Villa Principe Pio (via Don Minzoni 26, Mira) dal martedì al venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18. I sabati di ottobre dalle 10 alle 13.
I biglietti per i singoli appuntamenti saranno messi in vendita dal 3 novembre all’Ufficio Teatro da martedì a venerdì dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 14 alle 18 (e, nei giorni di spettacolo, a partire dalle ore 15, presso il botteghino del teatro): il biglietto intero costa 6,50 euro, il ridotto (fino ai 14 anni) 4,50 euro. Gli over 65, invece, pagheranno 5 euro.

“FAMIGLIE A TEATRO” è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano.

INFO > Ufficio Teatro
tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it
www.teatrovilladeileoni.it

venerdì 21 ottobre 2011

VICENZA, NIENTE STORIE 2011-2012: ULTIMI GIORNI PER GLI ABBONAMENTI

Proseguirà fino a martedì 25 ottobre la campagna abbonamenti a NIENTE STORIE 2011-2012, la nuova stagione del Teatro Astra di Vicenzache propone nove spettacoli all’insegna del contemporaneo dal 28 ottobre 2011 al 24 marzo 2012.
Sono diverse le formule di tesseramento pensate da La Piccionaia – I Carrara per soddisfare le diverse esigenze di un pubblico in continuo rinnovamento: si può acquistare l’intero percorso, oppure scegliere tra i due carnet parziali proposti.
Sono inoltre già in vendita I biglietti per “HAMLICE”, il primo spettacolo della stagione programmato al Teatro Olimpico il 28 ottobre per il progetto Laboratorio Olimpico proposto da Accademia Olimpica e Comune di Vicenza.

L’abbonamento ai nove spettacoli in cartellone costa 100 euro (85 euro con la riduzione) e permette di seguire cinque produzioni per la prima volta in Veneto - “HAMLICE- Saggio sulla fine di una civiltà” di Armando Punzo per la Compagnia della Fortezza; “PRO PATRIA” di Ascanio Celestini; “KARAMANZOV” di César Brie; “DUE LUPI” di Virgilio Sieni; “ATTO FINALE - FLAUBERT” di Mario Perrotta - e il debutto in prima nazionale de “L’AVARO IN BLUES” firmato da La Piccionaia - Tradimenti. E ancora, “ALEXIS, UNA TRAGEDIA GRECA” dei Motus, “THE END” di Babilonia Teatri, e “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” proposto dai giovani di Punta Corsara.

I carnet offrono la possibilità di seguire quattro appuntamenti. Il carnet “Parziale A” (intero 50 euro, ridotto 42) assicura il posto in sala per gli spettacoli di Ascanio Celestini, La Piccionaia, César Brie e Mario Perrotta; il “Parziale B” (intero 45 euro, ridotto 40) propone invece un percorso che più specificamente si addentra nei linguaggi espressivi del nuovo teatro, con i lavori di Motus, Punta Corsara, Virgilio Sieni e Babilonia Teatri.

Gli abbonamenti a NIENTE STORIE 2011-2012 si possono sottoscrivere fino a martedì 25 ottobre presso l’Ufficio Teatro Astra (nuova sede: Stradella Barche 5, Vicenza) nei seguenti giorni e orari: venerdì 21 e martedì 25 ottobre dalle ore 9.30 alle 13.00 e dalle 15 alle 18, sabato 22 ottobre dalle 10 alle 13.
Hanno diritto alle riduzioni i ragazzi fino ai 26 anni, gli abbonati alla rassegna Famiglie a Teatro, i possessori delle tessere: Carta60, Arci, Coop, Ossidiana, Cgil, Associazione Noi, Fita, Azione Cattolica, Società del Quartetto di Vicenza, Cinema Primavera, Cineforum Odeon, Assogevi, Fadac, Centro Sport Palladio, Auser, Centro Culturale San Paolo, Meccano 14.

I biglietti (15 o 13 euro l’intero a seconda dello spettacolo, 13 o 11 euro il ridotto) saranno disponibili a partire da mercoledì 26 ottobre.


La stagione NIENTE STORIE 2011-2012 è curata da La Piccionaia-I Carrara Teatro Stabile di Innovazione per l’Assessorato alla cultura del Comune di Vicenza anche con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione del Veneto, Provincia di Vicenza, Fondazione Antonveneta e Askoll.


Informazioni per il pubblico
Ufficio Teatro Astra
NUOVA SEDE - Stradella Barche 5
Tel. 0444 323725, astra@piccionaia.org
www.piccionaia.org

mercoledì 19 ottobre 2011

Corsi Teatro Comico Roma-COMEDY LAB PER PROVINI TELEVISIVI 11-12-13 Novembre

Tipologia
Lab

Livello
Avanzato

Docenti
Max e Francesco Morini

Cosa ti insegna:
a costruire una performance comica da proporre a provini televisivi, selezioni,
concorsi e rassegne, partendo dal potenziale, dallo stile e dal repertorio di ciascun allievo

Programma:
Attesa, Disattesa, Rottura
I Meccanismi della Comicità
Caricatura e Parodia
Battute e Situazioni
Scrivere Comico e Sintesi Comica
Doppi Sensi, Giochi di Parole, Letteralizzazioni
Bianco e Nero-Colore
Montaggio Cinematografico e Partitura Musicale
Improvvisazione e Rapporto con il Pubblico
I Generi della Comicità

Durata
11-12-13 Novembre 2011

Giorno e Orario
Venerdì 11, Sabato 12 e Domenica 13
11-16 con pausa pranzo 13-14

Consigliato a
attori, comici, cabarettisti, autori, tutti coloro che vogliono ottimizzare e potenziare
il loro repertorio comico ( monologo, personaggio,sketch ) per presentarlo a provini,
selezioni,concorsi e rassegne.

Requisiti
esperienza teatro/teatro comico & cabaret base, età minima 16 anni

Attestato Partecipazione
no

Per info ed iscrizioni:
Accademia Comico Roma
3471222239
infoline@morinibros.it

Corsi Teatro Roma-RISOTERAPIA 2011-12 WEEKEND

Il Corso di Risoterapia è un Corso di Comicità non finalizzato alla messa in scena di uno spettacolo ma alla possibilità di sfruttare l'Umorismo come risorsa per il tuo benessere personale.
Avere un atteggiamento positivo e più "aperto",essere in armonia con gli altri e accrescere la propria autostima,conoscere i tuoi limiti e saperli trasformare in punti di forza,comunicare più efficacemente e sdrammatizzare tensioni e conflitti, possono essere obiettivi raggiungibili attraverso l'esercizio e la pratica delle propria Vis Comica.
Il Corso di Risoterapia è un viaggio dentro noi stessi e la nostra creatività,
per imparare a liberare il nostro Clown,a ridere, a far ridere, e a vivere meglio.
Programma:
Attraverso la partecipazione
ad esercizi, giochi, improvvisazioni e performance
ogni allievo impararerà a "liberare" il proprio Clown e la propria Vis Comica
ed a utilizzare la propria creatività umoristica
come risorsa per il proprio benessere.
Sblocco condizionamenti e “corazze” caratteriali
La dimensione del Gioco
Giochi di socializzazione e formazione del Gruppo
La nascita del proprio Clown
La Comicità del Corpo
Gags e Situazioni
Improvvisazioni
Liberare il proprio Clown nel quotidiano
La Deformazione Comica della Realtà
Paradossi e Iperboli
Satira e Parodia
Ridere e Far Ridere: Centrarsi, Comunicare,Sdrammatizzare


2 Weekend Intensivi 10 ore Sabato e Domenica
3-4 Dicembre 2011
14-15 Gennaio 2012
orario 10-16 con pausa pranzo 13-14



A CHI E' RIVOLTO
A tutti coloro che sono interessati a imparare a sfruttare l'umorismo come risorsa per il proprio benessere personale, avere un atteggiamento positivo e più "aperto",essere in armonia con gli altri e accrescere la propria autostima,conoscere i tuoi limiti e saperli trasformare in punti di forza,comunicare più efficacemente e sdrammatizzare tensioni e conflitti attraverso l'esercizio e la pratica delle propria Vis Comica. In particolare consigliato a Educatori, Docenti, Insegnanti di Supporto, Terapeuti, Assistenti Sociali, Operatori Sanitari e a chiunque lavori in ambito formativo-sociale.

A COSA TI PREPARA
Ad imparare a sfruttare l'umorismo come risorsa per il proprio benessere personale, avere un atteggiamento positivo e più "aperto",essere in armonia con gli altri e accrescere la propria autostima,conoscere i tuoi limiti e saperli trasformare in punti di forza,comunicare più efficacemente e sdrammatizzare tensioni e conflitti attraverso l'esercizio e la pratica delle propria Vis Comica

PREREQUISITI
Nessuna esperienza teatrale precedente richiesta, età minima 16 anni, colloquio propedeutico opzionale

Corsi Teatro Roma-ARTE COMICA TEATRO & CABARET 2011-12 WEEKEND

Puoi scegliere fra due opzioni del Corso di Arte Comica.
Innanzitutto, ovviamente, quella BASE aperta a tutti coloro che vogliono cominciare ad avvicinarsi al Linguaggio Comico e fare un'esperienza di arricchimento e di crescita personale:tutti possono imparare non solo a liberare la loro vis comica ma soprattutto a sdrammatizzare i conflitti e a comunicare in maniera più efficace e creativa attraverso l’ Umorismo.
E poi l’opzione PROFESSIONALE per chi si voglia avvicinare invece al “mestiere” della Comicità, un percorso formativo che ti aiuti a costruire il tuo stile e dalle aule della Scuola ti porti a laboratori e festival , provini e casting, radio e televisione.
E dovunque voglia il tuo talento comico.

4 Weekend Intensivi 10 ore Sabato e Domenica
26-27 Novembre 2011
17-18 Dicembre 2011
14-15 Gennaio 2012
11-12 Febbraio 2012
orario 10-16 con pausa pranzo 13-14


A CHI E’ RIVOLTO
A tutti coloro che sono interessati ad avvicinarsi al Pensiero e al Linguaggio Comico,a liberare la propria Vis Comica,ad imparare le tecniche base del Teatro Comico e del Cabaret in tutte le sue forme e generi e metterle in scena nello spettacolo di fine stagione, ad imparare a sdrammatizzare i conflitti, a comunicare e a scrivere meglio attraverso l' umorismo e la comicità,ad imparare a mettersi in gioco da soli e in gruppo

A COSA TI PREPARA
Ad avvicinarsi al Pensiero e al Linguaggio Comico, liberare la propria Vis Comica, imparare le tecniche base del Teatro Comico e del Cabaret in tutte le sue forme e generi e metterle in scena nello spettacolo di fine stagione, imparare a sdrammatizzare i conflitti, a comunicare e a scrivere meglio attraverso l' umorismo e la comicità, imparare a mettersi in gioco da soli e in gruppo, studiare i Grandi Comici e la Storia della Comicità

PREREQUISITI
Nessuna esperienza teatrale precedente richiesta, età minima 16 anni, forte predisposizione alla comicità e all'umorismo e forte capacità di mettersi in gioco, colloquio propedeutico opzionale su richiesta

Ulderico Pesce - Teatro Ambra alla Garbatella


 
ULDERICO PESCE sarà al Teatro Ambra alla Garbatella dal 25 ottobre al 13 novembre con tre spettacoli: Asso di monnezza (25/30 ottobre) FIATo sul collo (1-6 novembre, dove è affiancato da Andrea Satta dei Tetes du bois) e A come amianto (8-13 novembre).

"In questi anni mi chiedo spesso che senso abbia il teatro nel mondo disastrato di oggi." - dichiara l'autore, interprete e regista di questa trilogia – "Non so darmi una risposta razionale e oggettiva. Riesco solo ad avere una risposta interiore ed emotiva."  E la sua rabbia civile esplode nel teatro: "La vomito a teatro con l'augurio che questa mia rabbia possa coinvolgere emotivamente chi viene e produrre una "reazione sociale" che possa portare alla costruzione di un mondo migliore. Questo è lo spirito che mi ha spinto a portare in scena i lavori che presento all'Ambra Garbatella: "Asso di monnezza", dove parlo dell'assurda esistenza nella capitale d'Italia della discarica di Malagrotta; "FIATo sul collo", dove racconto la vita degli operai della FIAT di Melfi e "A come … amianto" dove racconto la fibra killer."

Asso di Monnezza: i traffici illeciti di rifiuti in Italia - coprodotto da Legambiente e dal Teatro dei Filodrammatici di Milano, con il Centro Mediterraneo delle Arti - racconta i traffici illeciti dei rifiuti urbani e soprattutto di quelli industriali che attanagliano l'Italia e che fanno arricchire pochi a discapito della salute di molti e dell'ambiente, tanto da far dire che il vero asso nella manica è "quello di monnezza", vale a dire che l'immondizia smaltita illegalmente offre una grande possibilità di arricchimento.

E' la storia di Marietta e della sua famiglia. Marietta è nata nella periferia di Napoli, a Pianura. Il balcone della sua casa si affaccia su una discarica di "monnezza" dove da 40 anni sono state versate tonnellate di rifiuti, tra i quali 1000 tonnellate di liquidi chimici pericolosissimi provenienti  dall'Acna di Cengio (Savona). Nata in una famiglia poverissima il suo primo giocattolo l'ha trovato proprio in questa discarica: una bambolina spelacchiata che ancora conserva...

Lo spettacolo rientra nel filone del Teatro Civile già percorso da Ulderico Pesce con Storie di Scorie: il pericolo nucleare italiano. Il testo è stato scritto in base alla documentazione ufficiale della Magistratura italiana e al Rapporto ecomafie di Legambiente, molte delle indagini citate sono ancora in corso, e nello spettacolo si denunciano i Clan della Camorra che si dedicano a questa fruttuosa attività, i funzionari delle Istituzioni pubbliche coinvolti e i titolari delle "finte" ditte di compost fertilizzante per l'agricoltura che sempre più spesso scaricano rifiuti tossici sulla terra agricola.

Ulderico Pesce con questo spettacolo mira a far luce su due punti:

-sul sistema di smaltimento dei rifiuti urbani di cui si parla abbondantemente sulla stampa, e che vede il Sud dell'Italia "incapace di gestire la monnezza" perché nelle mani della malavita e della clientela politica, e un Nord capace ed efficiente;

-sul sistema di smaltimento illegale dei rifiuti industriali, di cui la stampa non parla mai, e che vede il ricco Nord produrre rifiuti chimici pericolosissimi dei quali, parti consistenti, vengono scaricati nel Sud del'Italia, sulla terra agricola, nelle fabbriche di fertilizzante per l'agricoltura, nel mare, nei fiumi ecc.

Oggi, in Italia, si concretizza una vergogna: se si uccide o si ruba qualcosa si commette un reato punito penalmente, se si contamina il mare o la terra il reato non è punito penalmente ma, nella maggior parte dei casi, si risolve con un'ammenda pecuniaria. (In allegato, foto e scheda completa di "Asso di Monnezza")


Corsi Teatro Comico Roma - CORPI, MASCHERE, COMMEDIA DELL’ ARTE 12-13 NOVEMBRE

L’Altro Volto
Corpi, Maschere, Commedia dell’ Arte

Tipologia
Workshop

Livello
Base

Docenti
Davide Marzattinocci
www.metamorfositeatro.splinder.com

Cosa insegna:
-a dare vita alla Maschera attraverso un lavoro corporeo;
-ad acquisire nuove possibilità espressive:
-a lavorare con le Maschere della Commedia dell’ Arte;
-ad imparare il ritmo teatrale attraverso il repertorio, i frizzi e i lazzi della Commedia dell’ Arte;
-a creare un Canovaccio-Storia con le Maschere

Programma:
-Training fisico
-Il corpo non quotidiano
-Linee di forza corporee
-Maschera e tensioni corporee
-L’incontro con la maschera
-Il flusso/azione
-La maschera come segnalatore del limite corporeo
-Ritmo e lazzo
-Dilatazione della drammatugia del corpo
-Canovaccio: una struttura stabile e flessibile
-Dal corpo con al corpo senza maschera: una possibile trasmissione di energia.

Durata
12 e 13 novembre 2011

Giorno e Orario
ore 10-16 con pausa pranzo 13-14

Consigliato a
tutti, attori, comici, performer

Requisiti
nessuna esperienza teatrale richiesta, età minima 16 anni.

Attestato Partecipazione
no

Per info e iscrizioni:
Accademia Comico Roma
3471222239
infoline@morinibros.it
www.morinibros.it

Carne Trita di Roberto Castello

Recensione a Carne trita - di Roberto Castello / Compagnia A.L.D.E.S

Voce e corpo, in tutte le loro declinazioni, sono gli elementi sui quali si struttura Carne trita, il nuovo spettacolo della compagnia lucchese A.L.D.E.S – diretta da Roberto Castello – presentato a Venezia per l'inaugurazione della terza stagione di Teatro Ca' Foscari. Il coreografo in questa occasione sceglie di lavorare con i danzatori indagando l'accezione più materica della persona: il corpo è carne e a renderlo umano è l'insinuarsi di quelle condizioni sociali e relazionali, apparentemente astratte, che ne lacerano la superficie, la pelle, e causano interferenze e variazioni profonde sull'essere. Se questa inserzione si cela sotto uno strato di fittizia materia, non rimane altro che adoperare una spaccatura per lasciare affiorare l'impercettibile.

Continua a leggere

venerdì 14 ottobre 2011

VILLA DEI LEONI: È L’ORA DEL TEATRO CON “PLAYTIME”

Una generazione di Maestri e una nuova compagine di giovani artisti, in grado, insieme, di offrire uno sguardo lucido sulla realtà, di leggerne poeticità e incoerenze, di portare su di sé visionarietà, leggerezza, pensiero: a Villa dei Leoni è l’ora del Teatro. E proprio PLAYTIME è il titolo scelto per l’edizione 2011-2012 della Stagione di prosa del teatro di Mira (VE): un invito ad addentrarsi in uno spazio fisico, quello del teatro, che è luogo della mente, piacere emozionale, ma anche un tempo della quotidianità, un’occasione di incontro con le persone.
In dieci appuntamenti, programmati dal 12 novembre 2011 al 14 aprile 2012, gli artisti di PLAYTIME saranno chiamati ad interpretare un teatro inteso come nuova agorà che accoglie tutti i punti di vista, le diversità, le porzioni di mondo e diventa sintesi del vivere contemporaneo.
Con tre prime regionali e un debutto in prima nazionale, sul palcoscenico di Mira si alterneranno i mentori del contemporaneo - da Natalino Balasso (che inaugura la stagione) a Ascanio Celestini, da César Brie a Mario Perrotta a La Piccionaia - I Carrara e la sua giovane declinazione La Piccionaia - Tradimenti; ma anche le nuove promesse della scena attuale: come Cristiana Minasi e Giuseppe Carullo, vincitori del Premio Scenario Ustica 2011; Odemà, segnalazione speciale Premio Scenario 2009 e Premio dello Spettatore 2010; Carrozzeria Orfeo (Premio Tuttoteatro.com “Dante Cappelletti” nel 2009); e infine Punta Corsara, compagnia di Scampia Premio Ubu e Premio Hystrio nel 2010, nata su impulso di Marco Martinelli e del Teatro delle Albe.

PLAYTIME, la stagione 2011-2012 del Teatro Villa dei Leoni è promossa da La Piccionaia - I Carrara Teatro Stabile d'Innovazione e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Mira, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura della Provincia di Venezia, Circuito Teatrale Regionale Arteven, Regione del Veneto, Ministero dei Beni e Attività Culturali, con il contributo di Banca del Veneziano.

Come una sveglia che suona e richiama a un appuntamento da non mancare, la Stagione del Teatro Villa dei Leoni con PLAYTIME attraversa quest’anno divertimento, impegno civile, rivisitazioni dei classici e sperimentazioni dei linguaggi.
Maestro della risata consapevole, Natalino Balasso in prima regionale sarà alle prese con il racconto della buona novella vista attraverso lo sguardo di un “poetico idiota” (“L’IDIOTA DI GALILEA”); e maestro dei palcoscenici internazionali, César Brie si proporrà anch’egli in un’ironica versione jazz, per raccontare la storia di un personaggio nato “dalla cattiva abitudine di due amici robusti che, seduti ai miei fianchi in una classe del Colegio Nacional Sarmiento a Buenos Aires, mi facevano fare la parte del prosciutto nel panino, schiacciandomi in mezzo a loro” (“120 CHILI DI JAZZ”). Nel segno della trascinante comicità partenopea, inoltre, il Molière in chiave napoletana dei giovani di Punta Corsara: “IL SIGNOR DI POURCEGNAUAC” (un’altra prima regionale) diventerà un moderno Pulcinella. La cifra stilistica del nuovo lavoro di Mario Perrotta, poi, non lascia dubbi fin dal sottotitolo: “I CAVALIERI - ARISTOFANE CABARET” sarà la sua personalissima attualizzazione della riflessione politica del grande commediografo greco.
Ma l’indagine sociale scorre come un fil rouge anche nei lavori di Ascanio Celestini, che torna a Mira con “PRO PATRIA - Senza prigioni né processi”, una riflessione sulla storia nazionale - e non solo - in occasione dei 150 anni dell’unità d’Italia; dei giovani di Carrozzeria Orfeo, che con “IDOLI” (prima regionale) declinano i vizi capitali nella società attuale: conflittualità con il mondo esterno e con se stessi, noia di vivere, assenza di interessi, vuoto interiore, apatia morale, rabbia, frustrazioni; ma anche de La Piccionaia - Tradimenti che, ne “L’AVARO IN BLUES”, colloca nel Nordest contemporaneo un Molière paradigma delle passioni umane: l’amore, la paura della perdita, l’odio, la gelosia, ma anche l’attaccamento al potere, il rapporto tra le generazioni, la brama di ricchezza. La Piccionaia - I Carrara sarà poi protagonista di un debutto in prima nazionale nel cartellone di PLAYTIME: in occasione della giornata della Memoria, Carlo Presotto dirige infatti “LA RAGAZZA OLANDESE”, ispirato alla vita di Etty Hillesum, deportata ad Auschwitz.
Ma a Mira la Stagione 2011-2012 non dimentica la ricerca stilistica: protagonisti di un pastiche evocativo tra comico e cabaret, unito a suggestioni da Goethe, Saramago e Pessoa, i giovani Odemà propongono “A TUA IMMAGINE”; la ricerca di Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi, infine, propone un linguaggio corrosivo e ironico per riflettere su dignità, amore e libertà nel lavoro Premio Ustica 2011 “DUE PASSI SONO”.
Sul fronte degli abbonamenti, PLAYTIME 2011-2012 propone quest’anno tre diverse tipologie di acquisto.
A partire dal 14 ottobre sarà possibile tesserarsi all’intera rassegna al costo di 100 euro; dal 3 novembre, inoltre, saranno messe in vendita due tipologie di carnet, ognuna delle quali propone cinque spettacoli al costo di 55 euro: il carnet “Play” (che permette di seguire “L’IDIOTA DI GALILEA”, “IDOLI”, “A TUA IMMAGINE”, “120 CHILI DI JAZZ” e “L’AVARO IN BLUES”) e il carnet “Time” (che assicura il posto in sala per “PRO PATRIA”, “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC”, “LA RAGAZZA OLANDESE”, “I CAVALIERI”, “DUE PASSI SONO”).

Il Teatro di Villa dei Leoni ospiterà inoltre, anche per la stagione 2011-2012, i percorsi dedicati ai ragazzi con il cartellone “FAMIGLIE A TEATRO” - quattro spettacoli pensati per i bambini e le loro famiglie e programmati dal 27 novembre al 18 marzo (abbonamenti a 20 euro, 12 euro per gli under 14) -, e con la rassegna di “TEATRO SCUOLA” (tredici appuntamenti in ventuno repliche matinée da novembre ad aprile per alunni di scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di primo e secondo grado).
“Ha ancora un senso, in quest’oggi caratterizzato da profondissime crisi economiche, sociali, individuali e collettive, parlare di una cosa apparentemente così superflua come la cultura, e il Teatro in particolare? - commentano il sindaco di Mira Michele Carpinetti e il vicesindaco e assessore alla Cultura Davide Meggiato - La convinzione che ci anima è che, quasi per paradosso, proprio negli “inquieti tempi” la cultura, l’arte, il Teatro assumano un ruolo imprescindibile, quello – cioè – di aiutarci a leggere la realtà, a indicarci nuove, possibili, strade verso cui incamminarsi. Ed è in nome di questo ideale che la nostra amministrazione – nonostante le indubbie difficoltà economiche che stiamo attraversando – ha voluto testimoniare come la cultura sia un bene primario da sostenere, incentivare, soddisfare”.
“Andare a Teatro è questione di chimica, impalpabile attrazione, voglia di stupore, ma anche bisogno di confronto: con il passato, con gli altri, con la realtà presente, con se stessi, con il futuro - spiega la curatrice Nina Zanotelli -. Per noi Teatro Villa dei Leoni rappresenta un percorso condiviso attraverso le mille sfaccettature del teatro d’oggi, che dura da più di dieci anni e che ci permette ogni volta di riscoprire le radici del nostro lavoro e della nostra passione, come se fosse la prima volta”.

IL PROGRAMMA
Sabato 12 novembre Natalino Balasso in prima regionale inaugura PLAYTIME 2011-2012 con “L’IDIOTA DI GALILEA”: uno spettacolo che narra le avventure di Gesù e degli apostoli, ma non attraverso le scritture o i libri; i fatti della buona novella sono raccontati da un idiota: cosa poteva infatti capire di quel messaggio chi aveva occhi per vedere, orecchie per intendere, ma non aveva ricevuto dal cielo un cervello per mettere insieme le cose? Sabato 26 novembre protagonista sul palcoscenico di Mira sarà Ascanio Celestini con “PRO PATRIA - Senza prigioni, senza processi”: una riflessione sulla storia del nostro paese rievocando quella scintilla intellettuale e politica che ha dato origine “a un’esperienza lunga e dolorosa, un percorso che ha coinvolto uomini e donne uniti da un grande ideale: fare l’Italia”.
Venerdì 2 dicembre è la volta dei giovani attori della compagnia di Scampia Punta Corsara, che presentano in prima regionale “IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC” diretti da Emanuele Valenti. Il testo di Molière, in questo adattamento, è trasportato a Napoli: Pourceaugnac diventa così l’erede di Pulcinella, di cui assume tutta l’umanità, la comicità e la poesia, e diventa il capro espiatorio di una società vorace e falsa.
Ancora una prima regionale, sabato 21 gennaio: la giovane compagnia Carrozzeria Orfeo presenta infatti “IDOLI”, uno spettacolo che esplora i nuovi vizi capitali della società, le sue deformazioni individuali e collettive, le tendenze incontrollabili, spesso disastrose, che dietro l'apparente normalità degli uomini e del loro vivere quotidiano celano lo scenario inquietante di una società alla deriva. Una coppia, una famiglia, un nipote e un nonno sono i protagonisti di questa “commedia nera” nella quale nessuno è salvo.
La stagione prosegue sabato 28 gennaio con la prima nazionale de “LA RAGAZZA OLANDESE”, firmato da Carlo Presotto per La Piccionaia - I Carrara: in occasione della giornata della memoria, sul palco rivive la storia di Etty Hillesum, che, prima del suo internamento e dellala morte ad Auschwitz-Birkenau, scrisse undici quaderni tra il 1941 e il 1943. Etty, prima di essere deportata, avrebbe avuto più di una possibilità di nascondersi e fuggire. Scelse invece di seguire volontariamente ed assistere gli ebrei nel campo di Westerborkt, convinta che l’unico modo per render giustizia alla vita fosse quello di non abbandonare chi era in pericolo.
Sabato 11 febbraio Odemà presenta “A TUA IMMAGINE”. In scena dei personaggi altolocati: il primo è venuto per chieder conto al padre di quali siano i doveri e i privilegi che comporta questo essere figlio suo. Il secondo, il padre, sembra tergiversare dinanzi a queste richieste. Infine il terzo è venuto perché anch'egli può trarre degli interessi da questa unione. Ed è proprio il terzo personaggio, un diavolo un po' triste e un po' ironico, a introdurre il suo quadro famigliare: Lui, Dio e suo figlio Gesù.
Protagonista a Mira sabato 25 febbraio sarà invece Mario Perrotta, con il suo “I CAVALIERI - ARISTOFANE CABARET”: "Questo non è Aristofane, questo è Aristofane rovistato e scorretto - scrive l’autore -. Questa è una scorrettezza continua, è una fotografia scattata a sorpresa, senza preavviso, a futticumpagnu. È un Aristofane preso a prestito, quando serve, altrimenti... bastiamo noi".
Sabato 10 marzo è la volta di César Brie e dei suoi “120 CHILI DI JAZZ”: uno spettacolo tra musica, amori, cibo che narra le vicende di Ciccio Méndez. Méndez non sa suonare il contrabbasso, ma con la sua voce da uomo delle caverne imita alla perfezione il suono delle corde. Una sera dovrà riuscire a sostituire il vero contrabbassista del gruppo e a nascondere a tutti la propria incapacità di suonare lo strumento.
Venerdì 23 marzo Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi propongono “DUE PASSI SONO”, lo spettacolo vincitore del Premio Scenario Ustica 2011: due piccoli giganti combattono una dolce e buffa battaglia per imparare a non fuggire dalla vita, usando le armi della poesia e dell’autoironia. Ma la struggente consapevolezza del limite, anziché spegnere desideri e speranze, diventa per loro il grimaldello con cui forzare la porta del futuro.
PLAYTIME 2011-2012 chiude sabato 14 aprile con La Piccionaia - Tradimenti, che presenta “L’AVARO IN BLUES”: lo spettacolo, ispirato al capolavoro di Molière, mette in scena un accoppiamento inusuale e allo stesso tempo fedele ad una tradizione storica del teatro popolare: quello tra il teatro e la musica dal vivo; perché in scena tutti, per necessità o per comodità, ballano la musica suonata dal vecchio avaro.

INFO > Ufficio Teatro
tel. 0414266545 - info@teatrovilladeileoni.it
www.teatrovilladeileoni.it

martedì 11 ottobre 2011

Il programma della Biennale Teatro 2011

Il programma della Biennale Teatro 2011


A ottobre prendono il via rassegne di ampio interesse, con cartelloni ricchi di appuntamenti tra spettacoli, incontri e performance. Mentre a Milano è già iniziata la XXV edizione della rassegna di danza Milanoltre, a Torino partirà a breve
Prospettiva, a Modena Vie Scena Contemporanea e nella capitale Romaeuropa Festival, lunedì 10 ottobre si apre a Venezia il 41. Festival Internazionale del Teatro diretto da Alex Rígola: fino al 16, una settimana che prevede ogni giorno non solo spettacoli, ma anche laboratori, incontri con gli artisti e scenografi di importanza internazionale...

continua a leggere su il tamburo di Kattrin

Workshop di teatro fisico: Il corpo organico

Workshop di teatro fisico: Il corpo organico
25-27 novembre 2011
LIV centro di ricerca e formazione nelle arti performative, Bologna

Il laboratorio teatrale che propone LIV è basato sul corpo dell’attore e sulla presenza. All’interno del workshop i partecipanti impareranno a superare i limiti che ostacolano il fluire dell’energia in scena al fine di raggiungere l’organicità del corpo e della voce. Apprenderanno alcune tecniche atte a migliorare la propria presenza scenica e ad acquisire le basi per costruire un proprio training fisico e vocale. Il lavoro condotto comprenderà elementi di coordinazione fisico-vocali, armonia, polifonia, drammaturgia del ritmo, acrobatica, azione e reazione, costruzione delle azioni fisiche e vocali, individuali e collettive.

continua a leggere su Il tamburo di Kattrin

Bando per autori: Independent DRAma Residence

Bando per autori e workshop per attori

NuovEsperienzediDrammaturgia
IDRA
- Independent DRAma Residence / Teatro Inverso

Il Bando ha lo scopo di selezionare sei autori teatrali su tutto il territorio nazionale, i quali parteciperanno a un progetto, finalizzato alla stesura di altrettanti testi teatrali, di accompagnamento e interscambio. Il progetto verrà guidato da uno dei più brillanti autori e drammaturghi presenti sulla scena contemporanea italiana: Stefano Massini.

Continua a leggere su Il tamburo di Kattrin

L’ ALLEGRO FRANCHINO IL VARIETA’ SATIRICO 22 Ottobre Casa delle Culture Trastevere

MORINIBROS
presentano


Italia 150 Anni
non c’è niente da festeggiare

Si possono festeggiare i 150 Anni dell’Unità d’Italia con uno spettacolo di Satira?
Probabilmente sì se oltre allo sberleffo terapeutico e consolatorio la Satira può essere una riflessione profonda su una società malata e attraverso risate e divertimento può contribuire a bypassare banalità e retorica.

Dopo il successo della scorsa stagione, arriva alla Casa delle Culture “L’ Allegro Franchino”, il nuovo Show satirico di Max & Francesco Morini, ovvero i Morinibros, una delle ditte comiche storiche della Capitale, autori, attori, registi e direttori dell’ Accademia Comico Roma.
Un progetto che nasce dall’urgenza di raccontare i “mala tempora” di una Nazione che festeggia i suoi 150 anni in un momento di profonda crisi; un’ Italia unita ma in realtà mai come adesso divisa, degradata, “precaria” e soprattutto sempre uguale a sé stessa.

“L’ Allegro Franchino” è un Bestiario Italiano che va in scena nella forma di spettacolo più tipicamente nostrana, e cioè il Varietà; una passerella incontenibile ed imprevedibile di monologhi, personaggi, sketch, parodie e canzoni originali tenuti insieme dal marchio di fabbrica Morinibros con la complicità di tre attori estrosi e versatili: Alina Avagliano, Guglielmo Bartoli e Paolino Blandano.
Un contenitore sintonizzato sull’attualità ma che denuncia, con un linguaggio comico meno televisivo e finalmente più “black” e cattivo, gli eterni costumi di un popolo dall’ anima cattolica ma dalle pratiche orgiastiche.
Ma soprattutto uno spettacolo per ridere, pensare, riflettere, condividere, e poi, finalmente, cambiare.


L’ Allegro Franchino
Il Varietà Satirico
Italia 150 Anni non c’è niente da festeggiare
scritto e diretto da
Max & Francesco Morini
con
Alina Avagliano
Francesco Morini
Guglielmo Bartoli
Max Morini
Paolino Blandano

SABATO 22 OTTOBRE
CASA DELLE CULTURE
Via San Crisogono 45 Trastevere
infoline 3471222239
infoline@morinibros.it
www.allegrofranchino.it

venerdì 7 ottobre 2011

UMIDOeVENTO. Gli autori del lago: atmosfere, colori e personaggi


Va in scena... il lago, luogo d’incanto. Il lago è l’emblematico personaggio che connota la terra varesina; luogo dell’animo il lago è intricante teatralità; è paesaggio geografico e metaforico, provincia, sponda nostalgica, sfondo, tavolozza ora stinta, ora arruffata di ogni colore, specchio nel quale si riflette il tavolo di un improbabile premio letterario. Attorno al tavolo, en attendant un critico che non arriva mai, si aggirano invitati che arrivano dal fondo del lago, muovendosi con la fluidità dei pesci. Sono i personaggi delle opere di Chiara, Liala, Morselli, Rodari e Sereni. L’Inverna li accarezza e li sollecita recando con sé versi sbiaditi, memorie struggenti di luoghi incantati, visioni di dimore lontane.

Regia Paola Manfredi

Drammaturgia Loredana Troschel

Testi: Piero Chiara, Liala, Guido Morselli, Gianni Rodari, Vittorio Sereni, Loredana Troschel

Scenografia Salvatore Manzella - aiuto Giuseppe Losi

Con: Enzo Biscardi, Giorgio Branca, Elisa Canfora, Alessandro Luraghi, Laura Montanari, Raffaella Natali, Stefano Orlandi, Loredana Troschel, Dario Villa, Marita Viola


VARESE 12 Ottobre, ore 20.45, Teatro M. Apollonio, Piazza Repubblica. Tel. 0332 247897 - Ingresso gratuito

LUINO 19 Ottobre, ore 20.45, Teatro Sociale, via XXV Aprile, 13. Tel. 0332 511779 - Ingresso gratuito

GAVIRATE 21 Ottobre, ore 20.45, Auditorium di via Fermi. Tel. 0332 748222 - Ingresso gratuito


Lo spettacolo della compagnia Promoarte - Teatro periferico è il primo appuntamento del programma di eventi “Luoghi d’incanto - percorsi d’autore nelle terre dei laghi varesini con Chiara, Liala, Morselli, Rodari e Sereni”.

UMIDOeVENTO è un’opera sugli autori, le atmosfere, i colori e i personaggi del lago. Le repliche dello spettacolo con la regia di Paola Manfredi e drammaturgia di Loredana Troschel, si terranno in serale alle ore 20.45 con ingresso gratuito a Varese il 12 ottobre presso il Teatro Mario Apollonio, il 19 ottobre a Luino presso il teatro Sociale e il 21 ottobre a Gavirate presso l’Auditorium. Nelle stesse sale teatrali, durante la mattinata, si terranno gli spettacoli aperti alle classi delle scuole medie superiori del territorio con l’intento di sensibilizzare le nuove generazioni sul tema della lettura e la riscoperta del patrimonio culturale e naturalistico varesino.

Nello spettacolo della Manfredi i protagonisti sono alcuni dei personaggi dei libri di Chiara, Morselli, Liala e Sereni, oppure figure poetiche alle quali gli autori si sono ispirati: Mamarosa, la tenutaria del bordello di Luino, personaggio di Piero Chiara realmente vissuto, Vezio Vilmara, Fiamma Philipson e Ivana Hasming, tre personaggi di Liala, Walter Ferranini, il comunista descritto da Morselli, e Inverna, il vento basso e teso, che increspa l’acqua del lago nelle giornate estive, presente nelle poesie di Sereni. L’azzurro delle acque, l’acciaio e il piombo dei giorni di pioggia, il verde degli angoli paludosi e dei prati che lo circondano, il rosa e il rosso dei tramonti e delle albe ovvero il caratteristico paesaggio cromatico lacustre si ritrova anche nel particolare allestimento scenografico in cui si muovono fluidamente, come pesci, i personaggi.

L’iniziativa, cofinanziata da Regione Lombardia e promossa da Comunità Montana Valli del Verbano, in collaborazione con la Provincia di Varese e i Comuni di Varese, Luino, Gavirate e Cassano Valcuvia, intende coinvolgere il maggior numero di persone possibile tra adulti e ragazzi nella comprensione e nell’approfondimento delle tematiche care agli autori del ‘900 e dei loro legami con il territorio; per questo motivo è prevista anche la realizzazione di un DVD quale supporto mediatico sul tema del rapporto tra “luogo” geografico e “luogo” letterario.

SEGUITECI SU https://www.facebook.com/TeatroPeriferico?ref=ts


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI