Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 19 agosto 2016

La storia dello scrittore ed autore/performer Teatrale piemontese Andrea Brusa


Questa è la storia di un uomo democratico ed innovatore. La storia di una mente lungimirante e di un cuore saggio. Questa è la storia dello scrittore ed autore/performer Teatrale piemontese Andrea Brusa e delle sue idee.

"Mi hanno tolto la serenità, la pace, la tranquillità, la forza fisica e mentale. Mi hanno tolto la gioia di vivere. Non riesco a pensare ad altro. Chiedo perdono a tutti per un gesto che non avrei pensato mai di poter compiere". Estremamente dignitosa l'intervista concessa dall'autore. Un dolore grande, ma contenuto, sia pur con evidente difficoltà. Un uomo smarrito, afflitto da un tragedia immensa, la perdita della sua famiglia. Ma come può un uomo tanto pieno di talento e con un successo professionale tanto riconosciuto sentirsi così tormentato dalla vita da voler farla finita? Come può sembrargli più facile scegliere di morire piuttosto che di vivere? Dall'esterno a tutti noi sembra facile, affascinante, cercare di indovinare quali siano i motivi, ma in verità nessuno di noi potrà mai sapere cosa abbia significato essere una persona come l'autore. "Ho toccato come un piccione il cielo e ora sono in libera caduta, aspetto solo che tocchi terra per dire è finita la mia corsa ora posso morire. È come se fosse un conto alla rovescia, cerco di farmi forza ma ogni giorno che passa peggiorano le cose, sto aspettando che il cronometro segni zero per dire: ecco chi non è mai esistito, cesserà di esistere per davvero. E poi la cosa più brutta che penso, che nessun uomo o donna vorrebbe mai pensare è immaginarsi il proprio funerale e pensare che nessuno mai per te getterà una lacrima d'amore, ci saranno lacrime d'affetto, lacrime di compassione, lacrime di tristezza ma so per certo che mai al mio funerale potrò vedere una lacrima ROSA come il colore dell'amore, una lacrima che stia a segnalare: COME FARO' SENZA DI TE...."

Ogni giorno lo scrittore Andrea Brusa, al di fuori delle performance dedicate a sua moglie Chiara in cui ritrova l'energia perduta, si trascina, ed è stanco. È come se avesse un cappotto di piombo addosso, ma invisibile al resto del mondo... non riesce più a fare nulla, a stento mangia e respira, poi si ferma lì.   Scrive tutto il giorno. A volte passa le giornate nel letto rendendosi conto di aver buttato le ennesime 24 ore solo dopo che il sole è calato da un po'. La cosa peggiore è questa sensazione di vuoto, che lo mangia dentro... lo corrode...  Di tutte le cose che potrei dirvi dopo averlo intervistato nel luogo in cui nascono tutte le sue opere, molte sarebbero solo inutili moralismi, lo so... molte sarebbero frasi più o meno di circostanza altrettanto inutili... vi dico una cosa che penso davvero, quello che personalmente credo gli dia la forza di andar avanti: la speranza è l'ultima a morire.... nel vero senso della parola. Forse l'immediato futuro, quello che possiamo vedere non promette che tempesta... ma dopo?  Ci sarà pure l'occhio del ciclone prima o poi...e bisogna accettare che poi tornerà di nuovo la tempesta, purtroppo. Più va avanti e più sente di non farcela, prima o poi forse cederà, chi lo sa... non so dove sia il fondo del suo barile, ma ho la certezza dentro di me che se troverà il coraggio di sopportare e tirare avanti... avrà i suoi premi.  Lui confessa di aver bisogno di un misero abbraccio da parte della moglie tanto amata. Nel nostro piccolo, tanta gente gli è vicino... e probabilmente vorrebbe fare di più... perché lo capisce, e sta male nel leggere certe cose. Conclude l'intervista lo scrittore Andrea Brusa con le seguenti parole: "Un abbraccio forte, forte da un uomo che fino ad alcuni mesi addietro sorrideva alla vita".

Noi lo rivedremo in Teatro e lo leggeremo nei suoi libri.

FRANCESCO LANFRANCHI
Web Content Editor

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI