CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

sabato 30 aprile 2016

Al Quirinetta mudica, teatro, sport e disabilità: Infinity Sound, special guest Antonio Giuliani. 3 maggio


INFINITY SOUND THEATRE
Musica, teatro, sport e disabilità
3 Maggio - Quirinetta Caffè Concerto
h. 22.00 – Via Marco Minghetti 5 (Roma)
Special guest: Antonio Giuliani
Presenta: Serena Magnanensi
Arriva al Quirinetta Caffè Concerto martedì 3 maggio la tappa romana dell'Infinity Sound Theatre: l'evento in cui musica, sport e teatro si incontrano a servizio delle disabilità.

La serata, organizzata dall'Associazione no profit Infinity Sound, conla partecipazione diTeatro Patologico e L'Arte nel Cuore, avrà inizio alle ore 21:30 e sarà presentata dalla conduttrice televisiva Serena Magnanensi; nel corso dello spettacolo, poi, si alterneranno le esibizioni dei membri dell'associazione e le performance dei ragazzi disabili.

Special guest sul palco dello storico teatro anni '20 il comico romano Antonio Giuliani.

La storia di Infinity Sound è un racconto del tutto nuovo, che parla di come la libertà di essere non conosca confini fisici né mentali e di quanto la diversità rappresenti una risorsa fondamentale tramite cui esprimerla.

Parte dei proventi dello spettacolo, infine, saranno devoluti alla Fondazione Marco Simoncelli per la costruzione di un ospedale a Coriano, paese natale del motociclista scomparso nel 2011.
L'evento benefico, programmato per il 3 maggio, si aggiunge  e arricchisce  il cartellone dello storico teatro romano, che grazie al lavoro artistico di ViteCulture, è tornato a brillare con concerti di qualità (4 maggio Teho Teardo, 20 maggio Francesco Gabbani), con la grande musica colta, ma anche con la letteratura e con il cinema (rassegna Wanted Quirinetta).


Per info: 06.69.92.56.16 – info@quirinetta.com
www.quirinetta.com
Biglietteria: Lun - Ven dalle ore 12.00 alle ore 16.00; nei giorni di concerto anche dalle ore 20.00.
Ticket online:http://booking.viteculture.com


--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 28 aprile 2016

“LA LUNA SI E’ PERSA” È IL NUOVO SINGOLO DEI DOGMA TRATTO DALL’ALBUM “SOSPESI”



L’eterno ed irrisolto conflitto fra il desiderio e l’oggetto desiderato condensato in una costante tensione attrattiva nei confronti di qualcosa che non si potrà mai raggiungere.

La luna si è persa”, secondo singolo dei Dogma estratto dall’album “Sospesi”, nasce dall'idea di rincarnare lo splendore e il fascino della luna in un essere vivente... una luna che però è talmente pura e di profonda bellezza da diventare irraggiungibile per chiunque la cerchi.





L’album “Sospesi” è stato presentato in anteprima durante l'estate 2015 di fronte a migliaia di persone, in concerti che hanno visto la partecipazione di Eugenio Finardi, Cristiano De Andrè, le Custodie Cautelari, Steff Burns, Maurizio Solieri e innumerevoli altri artisti.
Le registrazioni sono state effettuate tra Parma e Londra. Mixaggio e produzione artistica dell'album dei Dogma sono a cura di Ettore Diliberto per ET-TEAM con la supervisione di Anna Portalupi.
La scelta di intitolare il disco “Sospesi" nasce da due motivi:

«Il primo è perché crediamo che chi insegua un sogno, conduca una vita appunto “sospesa” dalla realtà per alcuni versi, e poi perché le nostre canzoni, anche se parlano d’amore, non hanno mai una conclusione certa…lasciamo la situazione appunto in sospeso, in modo da far immaginare il finale a chi ci ascolta». Dogma

DICONO DI LORO:

Quello dei Dogma è un concentrato di pop che ha evidenti venature rock, che a tratti si fa anche epico come nella opening track “Natura perversa”, ma che sostanzialmente resta in quel bellissimo sentore di orchestrazioni e liriche che corteggiano la parola cantata e ne fanno un tutt’uno ricco di gusto e di energia. Fullsong

Un bel disco che guarda in faccia chi siamo e da dove veniamo e noi, in questo bel paese, abbiamo insegnato al mondo come si fa un certo tipo di musica. Exitwell

Dieci tracce che ci fanno assaporare tra ricercatezza e una graffiante infusione di strumenti, la loro ispirazione musicale. A partire da “Natura Perversa”, un pezzo che ha visto la band coinvolta nel film “Enygma” del regista Alessandro Valenti, si apre con un rock quasi psichedelico che lascia il posto al timbro vocale appassionato. Mydreams

Un discreto esordio per i Dogma, che dimostrano maturità musicale e personalità nel seguire certe strade ultimamente poco battute.. Clapbands

Perché “Sospesi” è per i DOGMA un lavoro di grande impatto scenico, orchestrale, rock e testuale. L’intelligenza e il mestiere di arrivare dritti al punto, forse colpendo a pieno un target adolescenziale seguendo il vocabolario utile allo scopo. Niente di scontato ragazzi. Questi sono i DOGMA! Qubemusic

Il disco sembra una fotografia scattata proprio negli anni '90 perchè è da li che proviene e ne risente sia la musica che la voce ed i testi. Fondamentalmente è un disco puramente "rock d'amore" … Shake-Grandi Palle Di Fuoco
Dolcezza energia e potenza declinate in modo personale, riporti di pregio a grandi band pop-rock ma senza similitudini. I Dogma a mio parere hanno tra le loro mani tutti gli strumenti per scrivere la loro pagina personale sul grande libro del rock. Quadriproject

Un bel disco rock, onesto, intenso. Un album power ballad vecchia scuola che incontreranno sicuramente il gusto dei nostalgici di un certo tipo di musica ma non solo. Andergraund

Sospesi” è un disco dall’approccio diretto, in cui le chitarre graffiano e s’impongono, divenendo lo scheletro d’un sound che magari non brillerà particolarmente in termini di originalità, ma che comunque rappresenta l’anima di una band giovane e con buonissime potenzialità. MusicMap

Un concentrato di 10 pillole che dal rock dal sentore epico sfociano in romantiche ballate pop dal retrogusto digitale. Musicalnews

Prima prova per i DOGMA che dimostrano di avere le idee ben chiare: ottima tecnica, pragmatismo per quel che riguarda la direzione sonora e ottimi gusti nella stesura dei brani (liriche e musiche). Viva Low Cost

Con questo “Sospesi” si confeziona a mano armata l’energia imperante dei DOGMA che con un pop epico di sfacciata fattura americana, restituiscono alla loro lunga gavetta di palchi e di concerti al fianco di big della scena, il giusto valore umano, artistico e – ovviamente – professionale. Uno scrigno prezioso in cui i nostri racchiudono il meglio delle loro produzioni di questi anni. Vento Nuovo


BIO
La band nasce nel 2013 a Chivasso (TO) e dopo vari cambi di line up è arrivata all’attuale formazione, costituita da Beniamino Cristiano alla voce, Armando Calabritto alla chitarra, Tony Scalise al basso, Andrea Ramondetti alla batteria. Il gruppo trova in Beniamino l’autore principale dei propri brani.
La possibilità di concretizzare il progetto attraverso un album e diversi concerti arriva dalla scelta della band di affidarsi alla produzione artistica di Ettore Diliberto per l’etichetta Et-Team, il quale prende parte anche agli arrangiamenti dei brani stessi.
Nasce così quello che sarebbe stato battezzato “l’effetto Dogma”, dove la band testa la sua consistenza in concerti di apertura a Cristiano De Andrè, Custodie Cautelari, Eugenio Finardi, Maurizio Solieri, Stef Burns, Mogol e tanti altri.
Concerti di fronte a migliaia di persone, dove la band ha potuto acquisire la necessaria concreta consapevolezza di sé.
Parallelamente, le registrazioni sono andate avanti tra Parma, Milano e Torino, dove si è vista la partecipazione di Jacopo Garimanno per le registrazioni delle chitarre soliste. In alcune tracce la band ha ospitato Alex Polifrone alla batteria, prima dell’ingresso definitivo dell’eccelso Andrea Ramondetti.
Le ritmiche e i bassi di Tony Scalise sono stati curati dalla nota bassista Anna Portalupi (Tarja Turunen, Notte delle chitarre, Cristiano De Andrè), e tutto ciò stato assemblato e completato con Ettore Diliberto (Custodie Cautelari, Finardi, Notte delle chitarre ecc).
Il viaggio a Londra a cavallo tra settembre e ottobre 2015, ha visto la band completare il singolo “Inconsapevole” presso gli Abbey Road Studios di Londra, dove il mastering è stato effettuato da Simon Gibson, già vincitore del Grammy Awards per il remastering dell’opera omnia dei Beatles.
La band è stata inoltre coinvolta con il brano "Natura Perversa" nel film "Enygma" del regista Alessandro Valenti, in uscita nel 2016. Il 5 marzo 2016 la band è stata introdotta nella rubrica settimanale curata da Vincenzo Mollica “DoReCiakGulp” sul TG1 nazionale (RAI1).

Produzione: ET-TEAM Produzioni discografiche.

CONTATTI & SOCIAL:


mercoledì 27 aprile 2016

LA MALORA E QUIET SONIC IN CONCERTO a Castelrock Primo maggio


Domenica primo maggio le due band dell’etichetta piacentina Orzorock Music, presenteranno i loro rispettivi album nella cornice della fortezza di Castelfranco Finale Ligure (SV).




Il 30 aprile e il primo maggio si terranno due giorni di musica presso il castello di Castelfranco, (Via Generale Enrico Caviglia a Finale Ligure), organizzati da Castelrock, associazione culturale per la promozione e diffusione della musica dal vivo.
Tra le band che saliranno sul palco nel giorno della festa del lavoro troviamo i Quiet Sonic già in radio con il loro singolo d’esordio “Gullit” apripista all’album che porta il loro nome il quale verrà presentato proprio quello stesso giorno. Di seguito il link al videoclipwww.youtube.com/watch?v=oKPWzXFQk0U.

Sempre per scuderia Orzorock Music, etichetta legata all’omonimo festival piacentino giunto alla 19esima edizione, il gruppo alternative La Malora presenterà il suo primo lavoro discografico nello stesso contesto, anticipato dal singolo intitolato “Claudio Baglioni” visibile al link: www.youtube.com/watch?v=nlIIBbez8go.


BIO QUIET SONIC
La band si forma a fine 2014 ed è composta da quattro elementi provenienti da gruppi ben conosciuti nel panorama indie piacentino: inizialmente i fondatori sono Riccardo Molinari (chitarra, Jack Folla e Verginal Think), Marco Cavozzi (basso, Noema) e Andrea Occhi (batteria, Noema) a cui si aggiunge come cantante Alberto Zucconi (già Misfatto e Zebra Fink). Parallelamente inizia la collaborazione con Elena Saltarelli in qualità di autrice dei testi. Dopo aver condiviso dunque tanti palchi arriva il momento per loro di condividere la stessa sala prove cercando di dar forma alla passione che i quattro hanno in comune per la scena rock degli anni Novanta e Duemila, che ha in gruppi quali Red Hot Chili Peppers, Soundgarden, Audioslave, Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains e Foo Fighters (solo per citarne alcuni) i principali riferimenti. Si tratta di quel rock che, seppur intriso da varie contaminazioni, vive senza i vari (e spesso modaioli) prefissi post, alt, indie e via dicendo.
Nel giro di un anno vengono dati alla luce nove brani e grazie alla partecipazione ad alcuni festival musicali piacentini (TendenzeWhy Not? Festival) l’etichetta Orzorock Music li conosce e decide di produrre il loro primo album.

BIO LA MALORA
La Malora muove i suoi primi passi alla fine del 2011, iniziando a costruire un suono elettroacustico sui pezzi in italiano di Sergio e Anna. Raccolti un po' alla volta i componenti, dopo alcuni cambi di formazione, La Malora è oggi: Sergio Del Sabato (voce – chitarra), Federico Chigo Garbarino (basso voce), Paolo Patanè (batteria), Giorgio Viviani (chitarra – tastiere).
Il 22 aprile 2016 uscirà per Orzorock Music il 
primo disco di La Malora, "La malattia mentale è contagiosa", con la produzione artistica di Andrea Cavalieri (Ensemble di Musiche Possibili, Yo Yo Mundi).


CONTATTI & SOCIAL

Facebook Quiet Sonic: www.facebook.com/QuietSonic

Etichetta Discografica: www.orzorock.it - Facebook Orzorock Music: www.facebook.com/orzorockmusic

PAUL GIORGI: “LE REGOLE” E' IL SUO NUOVO SINGOLO AUTOPRODOTTO



Un brano sull'amore a 360 gradi, su ciò che gli gira intorno, le persone, i sentimenti felici, quelli tristi, le storie vissute vere e sincere.






Il brano è nato alla fine dell’estate del 2015, nella casa di campagna di famiglia, in una bellissima giornata di sole.
Nel silenzio e nella tranquillità, Paul ha provato a tirare un po' le somme, raccontare una storia d'amore tipicamente estiva, dove due ragazzi si incontrano, si innamorano e un po' si feriscono. Ma nonostante le ferite, eccoli di nuovo trovarsi, pronti ad una nuova estate, a due nuovi loro, ad un ennesimo nuovo inizio.
Le regole di questo amore nascono ogni bella stagione e con loro nasce la speranza di una storia che possa resistere al tempo. Ma, come tutti sappiamo, in amore non esistono regole.
Suonano nel brano Gianmarco Spaccasassi alla batteria, Mattia De Berardinis al basso, Mattia Parissi alle tastiere, e Paul alle chitarre, voce e cori.
Le regole” è una sorta di nuova direzione che Paul cerca di imboccare dopo la pubblicazione della demo con il suo gruppo “The Koffees”. L'obiettivo è quello di poter suonare sempre più spesso in giro, dal vivo, portare la propria musica oltre le mura di “casa propria”.

BIO
Paolo Giorgi nasce ad Ascoli Piceno il 19 maggio 1995, ma dal periodo delle medie, forse per una sua fissazione con l'Inghilterra e la sua musica, i suoi amici lo chiamano Paul.
Sua madre aveva in casa vinili di Battisti, Venditti e altri, fino gli Abba, e quando era piccolo, per ascoltarli dovevano andare dalla nonna per usare il suo giradischi.
Inizia a studiare tastiera a 5 anni, abbandonata poi per suonare la chitarra a 12 anni.
Il fratello studiava canto e ogni tanto si ritrovavano a cantare insieme.
Passando attraverso molti generi diversi, dal rap, al metal, al jazz, al rock, al pop, Paolo si definisce un tipo “camaleontico”.
Nel 2011 vince il primo premio suonando un brano di Joe Satriani al 2° Festival di Alatri “Voci in musica”€.
Studia jazz per 5 anni con il professore Francesco Ghezzi e grazie a lui inizia a scrivere i suoi primi brani strumentali. Suonando in un quintetto riesce ad ottenere il primo premio nel 20° Concorso Lorena Scaccia (2012) organizzato nella sua città.
Nel frattempo suona in varie cover band della zona, variando un repertorio da Aretha Franklin, James Brown, Blues Brothers, fino agli Stadio, Laura Pausini e un gruppo pop rock inedito.
Il 24 dicembre 2013 registra la sua prima canzone cantata, in inglese, “Seaside song”.
Nel 2014 si diploma all'Istituto Tecnico Biologico con 100/100 e ottiene un diploma triennale alla Music Academy Italy in chitarra anche qui con punteggio massimo.
Inizia il primo anno di Ingegneria Biomedica a settembre 2014.
Ad ottobre 2014 vince due borse di studio al Festival delle Generazioni di Firenze: una breve per interpreti (effettuata i primi di settembre), una intera per autori (a cui parteciperà a breve) presso il CET di Mogol.
Da gennaio 2015 insegna Musica presso la Scuola in cui ha studiato.
Ad aprile 2015 fonda i The Koffees (con Mattia De Berardinis e Gianmarco Spaccassassi) con i quali suona sia inediti che cover reinterpretate.


CONTATTI & SOCIAL:
Facebook https://www.facebook.com/paulgiorgimusic
Facebook The Koffees https://www.facebook.com/thekoffees/

CORTEX: “CAPITANO TUTTE A ME” È IL SUO NUOVO SINGOLO TRATTO DALL’ALBUM “MISERIA E LIBERTÀ”


Un’istantanea di vita quotidiana relazionata ad attimi di vita passata per cercare di dar risposta ad una domanda che in molti si fanno:
ma chissà perché capitano tutte a me!?”

Una chitarra elettrica, una farfisa ed una batteria coadiuvate da parole raccolte in un testo che fotografano la vita: tutto questo è “Capitano tutte a me”, nuovo brano di CORTEX. Il cantautore dal carattere forte, arrogante e pungente descrive la realtà dei nostri giorni come un visionario decadente. Si identifica infatti come un sognatore disilluso che stuzzica e punge la sensibilità del pubblico su temi scottanti ed attuali.




Nei suoi show Cortex si presenta solo sul palco con una chitarra elettrica ed una stomp-box lo-fi che usa come una batteria, un fischio, due armoniche ed una voce: questa è la formula per affrontare i live.
In studio invece usa principalmente amplificatori valvolari, chitarre vintage, pianoforti acustici e registratori a nastro.
Miseria e libertà” è il suo ultimo lavoro in studio, è stato registrato a Trieste da CORTEX con l'aiuto di Abba-Zabba e mixato a Torino ai M.a.m. studio da Riccardo Parravicini. Nel disco, dove tutti gli strumenti sono suonati dallo stesso cantautore, si evidenzia un interessante featuring con Alberto Bianco che sbuca come ospite nella prima canzone del disco.

BIO
Il progetto CORTEX nasce nel 2007 quando esce il primo omonimo disco per l'etichetta udinese Arab Sheep. Nel 2008 suonando al Piper di Roma alla finale de Tourmusicfest  Mogol nota e premia Cortex per i testi assegnandogli una borsa di studio per il C.e.t. .
Nel 2010 - 2011 si dedica ad autoriduzioni sul web e a suonare dal vivo.
Nel 2013 esce
Cinico Romantico per Maninalto! Records di Milano, viene definito cantatore blues lo-fi ottenendo buone critiche dalla stampa dal web e dalle radio, ad ottobre 2013 viene istituito artista della settimana da MTV New Generation.Nel 2014 apre i concerti di Tonino Carotone e suona all'after party del concerto di Manu Chao. A settembre riceve il premio Superstage al Mei di Faenza come miglior artista emergente dell'anno.
Nel 2015 registra il suo terzo album che viene scelto assieme ad altri 10 artisti italiani da
Irmarecords in collaborazione con Radiocoop  per far parte della collana "Mi sento indie" uscita prevista per aprile 2016 distribuita in tutta Italia in esclusiva per le librerie Coop.
ETICHETTA: IRAMRECORDS E RADIOCOOP

CONTATTI & SOCIAL:

martedì 26 aprile 2016

L'opera da tre soldi Lo spettacolo più fashion dell'anno anche su Vanity Fair




alt text


L'opera da tre soldi 
Lo spettacolo più fashion dell'anno anche su Vanity Fair

alt text

Scegli la data e i posti che desideri acquistare



Seguici su:
Facebook
Instagram
Twitter
Piccolo WebTV
Contatti:
Biglietteria: 848 800 304
Chiamata ad addebito ripartito, tutti i giorni feriali con orario continuato dalle 9.45 alle 18.45; domenica e festività (solo nei giorni di spettacolo) dalle 10 alle 17 se è previsto uno spettacolo in giornata. Per chi chiama dall'estero tel. +39 02 42.41.18.89.



--
www.CorrieredelWeb.it

@TeatroArciliuto di Roma dal 3 al 31 maggio torna la compagnia ROMA NOSTRA con la pièce teatrale di Giovanni Castellani dal titolo “GIUBILEO”


Dal 3 al 31 maggio 2016, il martedì e il sabato dalle ore 20,30, torna al Teatro Arciliuto in Roma la compagnia ROMA NOSTRA con una nuova pièce teatrale di Giovanni Castellani, ispirata ai versi di Cesare Pascarella, dal titolo “GIUBILEO”.

Con: Giovanni Castellani, Paola Pinci, Antonella Aiesi, Caterina Ferlito, Alessandro Torroni, Massimo Marinelli e Piero Trio.
Messo amichevolmente in scena da Massimo Cinque

Costumi ANNAMODE 68

Date: Martedì e Sabato del mese di maggio
Martedì 3, 10, 17, 24, 31 maggio
Sabato 7, 14, 21, 28 maggio

Aperitivo, Spettacolo e Cena
Ore 20,30 Aperitivo, ore 21,00 Spettacolo Sala Teatro, a seguire Cena e dopo spettacolo
Ingresso Intero Euro 50,00 – Ridotto Euro 45,00 ( il ridotto è riservato alle persone iscritte alla mailing list del teatro http://dm-mailinglist.com )

Si ricorda che il numero dei posti è limitato ed è consigliabile la prenotazione: tel. 06 6879419 dalle ore 16,00 in poi, mobile 333 8568464 mail: info@arciliuto.it

***

Tutte le commedie di Giovanni Castellani hanno in comune la semplicità del teatro popolare di altri tempi. Quello immaginato dai poeti e sviluppato da alcune compagnie stabili della prima metà del ‘900. Sono storie fondate sugli equivoci, sul gioco dei sentimenti, sui luoghi comuni della vita familiare, sul buon senso. Ispirate alla grande eredità della nostra tradizione poetica; quella del Pascarella, del Trilussa, del Belli e di tanti altri, non solo romani, riportano abilmente alla luce i tratti originali dei personaggi poeticamente disegnati che intrecciati con altri personaggi danno vita alle storie dei diversi spettacoli. Buoni, cattivi, furbi e ingenui, preti, aristocratici, borghesi e poveri, interpretati sempre dagli stessi attori nella pura tradizione della Commedia dell’Arte. Un ricco repertorio di sensibilità volto a cogliere con caricatura e disincanto solo gli aspetti più comici della vita esaltandone nello stesso tempo gli aspetti caratteriali di una profonda umanità spesso sorprendente. Il tutto eseguito con una consapevolezza e semplicità autentica senza mai inciampare in cadute di stile con ammiccamenti volgari da altri utilizzati per una più facile ed immediata approvazione del pubblico.
Così, da allora, ogni anno è un successo, sia per le interpretazioni delle canzoni eseguite dalla splendida voce di Antonella, sia per le divertenti caratterizzazioni dei personaggi vestiti da Piero, Massimo, Caterina, Paola e sia per i nuovi protagonisti che guidano la storia scenica interpretati da Giovanni.
Seguiti fin dall’inizio dall’abile direzione registica di Massimo Cinque, regista teatrale e noto autore televisivo, la compagnia ROMA NOSTRA fa ormai parte integrante della storia e della tradizione del Teatro Arciliuto di Roma. Giovanni Samaritani, Teatro Arciliuto

***
Note di introduzione a Giubileo
Roma è oggi una grande metropoli che tenta di recuperare e conservare la propria storia ed il proprio essere senza crogiolarsi nel rimpianto di tempi ormai definitivamente trascorsi.
E proprio il riproporsi di eventi straordinari che coinvolgono la città, ci aiuta a metterci nella giusta prospettiva che va ricercata nel rapporto fra identità rimpianta e presente vissuto.
Una sottile nostalgia per quella Roma fatta a misura d'uomo, guida il muoversi dei personaggi nel corso della pièce, mentre una consapevolezza di fondo delle verità palesi ma sfuggenti, li proietta verso il futuro.
Al di là della trama, volutamente semplice, ciò che traspare è una vera e propria esposizione di caratteri, di piccoli accadimenti, di scene di donne e uomini tolti dalle nicchie ove la memoria le aveva riposti.
E quando lo spettatore, pago di queste suggestioni, distoglie finalmente gli occhi dalla scena e tutti i personaggi, i fatti ed i sentimenti appena captati sembrano sfuggirgli, si accorge invece con sua meraviglia, rievocando una battuta e una risata, di averli recuperati dal passato,di conservarli e dentro di sé e di ritrovarli ancora nella vita di tutti i giorni. Giovanni Castellani

***
La compagnia ROMA NOSTRA, nasce, nel 1993, da un’idea di Giovanni Castellani, dottore commercialista, per dare vita, in scena, al suo appassionato amore per la romanità e per il teatro. Insieme ad amici di sempre, anche loro impegnati lavorativamente in altri campi, ed artisticamente in modo amatoriale, iniziano così al Teatro Arciliuto la loro avventura di palcoscenico mettendo in scena il poema di Cesare Pascarella “La scoperta dell’America”. Segue poi “Roma Nostra” sempre ispirato ai versi di Pascarella e poi altre consolidando di anno in anno la crescita della loro bravura e, già dopo pochi anni, il riconoscimento a compagnia teatrale stabile del Teatro Arciliuto.
La compagnia, come quelle rare e grandi, nel corso degli anni si è caratterizza nel mantenersi sempre composta dagli stessi personaggi (Antonella Aiesi, Giovanni Castellani, Massimo Cinque, Caterina Ferlito, Massimo Marinelli, Paola Pinci, Piero Trio) e nel mettere in scena ogni anno un testo nuovo, originalmente scritto dalla fantasia dell’ideatore.
E quando lo spettatore, pago di queste suggestioni, distoglie finalmente gli occhi dalla scena e tutti i personaggi, i fatti ed i sentimenti appena captati sembrano sfuggirgli, si accorge invece con sua meraviglia, rievocando una battuta e una risata, di averli recuperati dal passato,di conservarli edentro di sè e di ritrovarli ancora nella vita di tutti i giorni...

***
Teatro ARCILIUTO
Piazza Montevecchio, 5 – 00186 Roma (Italy)
Tel. +39 06 6879419 (dalle ore 17,00 in poi)
- mobile 333 8568464 (calls&sms) 
- mobile 336 789349 (calls&sms)
info@arciliuto.it
http://www.arciliuto.it




domenica 24 aprile 2016

1 Maggio, ore 20.00 Serata di Gala al Teatro Olimpico di Roma del 9° Festival Internazionale del Film Corto: “Tulipani di Seta Nera”


Presentazione del 9° Festival Internazionale del Film Corto:
"Tulipani di Seta Nera"

Il Festival TSN è una manifestazione organizzata dall'Associazione Studentesca Universitaria "Università Cerca Lavoro", su idea di Paola Tassone: l'obiettivo è di promuovere il lavoro di giovani autori che con le proprie opere e immagini narrano "non il semplice racconto di una diversità, ma l'essenza della diversità, sapendola soprattutto valorizzare". La manifestazione vuole quindi cogliere la diversità nei suoi molteplici aspetti positivi, lasciando in chi vi partecipa uno spunto di riflessione oltre che un arricchimento culturale.

La 9° edizione del Festival Tulipani di Seta Nera si svolgerà durante le giornate del 29 e 30 Aprile alla Casa del Cinema e nella serata di Gala del 1 Maggio presso il Teatro Olimpico di Roma, con la regia di Pino Leoni, Cristiano Di Calisto e Paolo Tito e la collaborazione artistica di Mario Sesti.

Siamo giunti alla selezione da parte della Rai di 27 cortometraggi; è ora il turno della nostra Giuria Tecnica, presieduta da Liliana Cavani e composta dal vice presidente Carlo Brancaleoni, Caterina D'Amico, Chiara Tozzi, Vince Tempera, Roan Johnson e Paola Minaccioni, che sceglierà i quattordici cortometraggi finalisti che accederanno alle giornate di rassegna del 29 e 30 Aprile alla Casa del Cinema di Roma.

Durante le due giornate di rassegna, presentate dalla conduttrice Metis Di Meo, saranno proiettati i quattordici cortometraggi finalisti, votati da una importante Giuria di VariEtà presieduta da Sara Iannone e composta da esponenti di cinema, spettacolo, da professionisti e membri del terzo settore e saranno consegnati i premi tecnici. Verranno inoltre presentati, per la categoria #socialclipTSN curata e condotta da Serena Gray, i sei videoclip finalisti, scelti dal Direttore Musicale TSN Vince Tempera, che concorrono alla vittoria del premio #SocialClipTSN.

La rassegna ha tra i suoi obiettivi principali di concentrarsi su ogni suo finalista, per questo dopo la proiezione di ogni cortometraggio è stato creato un momento in cui i registi e il cast dei cortometraggi potranno essere intervistati da giornalisti e critici cinematografici.

Per le giornate del Festival sarà possibile per i sordi partecipare all'intera manifestazione, grazie al patrocinio dell'ENS – Ente Nazionale Sordi - che offrirà gli interpreti di lingua LIS.

Nella struttura del Festival, sono previsti degli eventi paralleli: tra questi, in programma il 29 Aprile, due tavole rotonde moderate dal produttore del Festival Diego Righini, con un focus di discussione sui delicati temi della cultura della legalità e della cultura del lavoro, con relatori d'eccezione tra cui la presidente del Festival TSN Elda Ferri.

Altro evento parallelo del #FestivalTsn16 sarà venerdì 29 Aprile alle ore 20:15, la proiezione del lungometraggio "Come saltano i pesci" di Alessandro Valori, presso la Casa del Cinema di Roma. Al termine del film, Laura Delli Colli, presidente del SNGCI, il Sindacato Nazionale Giornalisti Cinematografici Italiani,  incontrerà in un'esclusiva intervista il cast presente in sala.

Infine, il 30 Aprile, alla Casa del Cinema, si svolgerà il workshop formativo per casting internazionali: la scuola di cinema Tulipani di Seta Nera propone una giornata di ‎studio per chi vuole intraprendere la carriera di ‎attore, collaborando con il regista Silvio Pollio, il casting director Franco Alberto Cucchini, e l'actor coach Patrizia De Santis.

La serata di Gala del 1 Maggio, avrà luogo al Teatro Olimpico di Roma, con la conduzione di Metis Di Meo e di Giancarlo Magalli: un parterre esclusivo e tanti ospiti del mondo del cinema, che consegneranno premi speciali a professionisti, attori e registi che si sono particolarmente distinti per il loro impegno nel sociale.

Ma il vero fulcro della serata saranno i registi partecipanti alla nona edizione del Festival TSN, che concorreranno alla vittoria dei premi;
-          Premio Miglior Film Corto 2016:
-          Premio Sorriso Nascente 2016:
-          Premio Sorriso di VariEtà 2016:
-          Premio Sorriso Cinema RAI Web, a uno dei 27 cortometraggi selezionati dalla Rai, che avrà avuto il maggior numero di visualizzazioni sul sito Rai.
-          Premio #SocialClipTSN

1, 2 e 3 maggio con gli Amici della Musica di Foligno

Per l'1, 2 e 3 maggio 2016, gli Amici della Musica di Foligno, nell'ambito della loro 35a Stagione Concertistica propongono un Family Concert e due Matinée, una per le scuole medie ed una per le elementari.

Da segnalare tra i tre eventi:
  • il grande attore, cantante e doppiatore italiano Elio PANDOLFI, che festeggia con gli Amici della Musica di Foligno i suoi 90 anni: sarà la voce narrante di "BIANCANEVE la grande fiaba" che si terrà martedì 3 maggio;
  • la musica di Matteo D'AMICO, prima esecuzione assoluta, sempre per "BIANCANEVE la grande fiaba".

MA ANDIAMO PER ORDINE.

Il primo dei tre appuntamenti è domenica 1° maggio, alle ore 17, presso l'Auditorium San Domenico, si terrà il family-concert
IL LIBRO DELLA GIUNGLA.

Si esibiranno per un pubblico di grandi e piccini:
Orchestra Sinfonica NuovaKlassica
Angela Di Sante voce narrante
Carlo Stoppoloni direttore
musica di George Brunscostumi di Gai Mattiolo
scenografia multimediale di Gianpaolo Bertoncin

Il libro della giungla è ispirato alle storie del bambino selvatico Mowgli tratte da The Jungle Book di Rudyard Kipling. Il Ritmo e l'Uomo sono i veri protagonisti di questa favola. L'uomo si rende conto che il suo cuore ha un ritmo, il ritmo della vita. Quando poi il ritmo diviene la base di un racconto, di una favola, inizia la magia. Questo "racconto in musica" prende spunto dal ritmo, apre il libro delle avventure nella giungla del cucciolo Mowgli e dei suoi amici - e dei suoi antagonisti - ed inizia il viaggio. Tutto affidato alla maestria trasformista di Angela Di Sante (abiti dell'atelier Mattiolo), impreziosita dalla scenografia multimediale di Gianpaolo Bertoncin. Le musiche sono di George Bruns con l'elaborazione orchestrale di Marcello Sirignano e la direzione di Carlo Stoppoloni. Ingredienti che garantiscono uno spettacolo indimenticabile e ……… tanto divertimento!

Ingressi: intero € 10; ridotto € 7; soci € 5; gruppi scolastici e bambini sotto i 12 anni € 3.

Prevendita:
da giovedì 10 marzo presso la sede dell'Associazione dalle ore 10,30 alle ore 12,30;
il giorno del concerto al botteghino dell'Auditorium dalle ore 19;
online su www.amicimusicafoligno.it

**********************************
Inoltre, il 2 e 3 maggio prossimi si terranno due matinée, una per le scuole medie ed una per le elementari:

Lunedì 2 maggio ore 11
Auditorium San Domenico
Matinée per le Scuole Medie

GLI ARISTOGATTI
spettacolo felino a ritmo di jazz

Orchestra Sinfonica NuovaKlassica
Angela Di Sante voce narrante
Carlo Stoppoloni direttore
musica di George Bruns
costumi di Gai Mattiolo
scenografia multimediale di Gianpaolo Bertoncin

Ingresso libero

Un'orchestra di 25 elementi e una funambolica attrice raccontano la celeberrima favola disegnata e musicata dalla Walt Disney Productions. Alzi la mano chi non ha visto e rivisto The Aristocats! Ideato nel 1970, è il primo lungometraggio di animazione prodotto dalla Disney dopo la morte del suo fondatore. Protagonista ne è una famiglia di felini "bene" della Parigi d'inizio secolo, rapiti dal maggiordomo di casa perché privilegiati nel testamento dalla ricca Madame. La favola nasce in chiave jazz e si sviluppa con un commento musicale direttamente ispirato alla declinazione swing statunitense degli anni Trenta, in cui i musicisti venivano appunto chiamati cats. Occasione imperdibile per l'Orchestra NuovaKlassica, dedita da anni a concerti-spettacolo finalizzati all'insegnamento della musica a bambini e ragazzi in età scolastica, che per una volta cambia ritmo proponendo la rivisitazione del divertentissimo cartoon.

**********************************
Martedì 3 maggio ore 10 e 11.30
Auditorium San Domenico
Matinée per le Scuole Elementari
BIANCANEVE la grande fiaba
Elio Pandolfi voce narrante
Marco Scolastra pianoforte
fiaba di Jakob e Wilhelm Grimm
adattamento di Elio Pandolfi e Marco Scolastra
musica di Matteo D'Amico (prima esecuzione assoluta)
illustrazioni di Francesca Greco
• prima esecuzione assoluta
• commissione e produzione Amici della Musica di Foligno
Ingresso libero
Parola, musica, immagine: una matinée multimediale per la gioia dei più piccoli e non solo. Una delle più note fiabe di tutti i tempi viene narrata da una voce d'eccezione, Elio Pandolfi, che festeggia con gli Amici della Musica di Foligno i suoi 90 anni. Brevi brani pianistici, appositamente scritti da Matteo D'Amico, dialogano con la narrazione. Mentre le illustrazioni originali di Francesca Greco si proiettano su megaschermo.

**********************************

INFORMAZIONI:
Amici della Musica Foligno - martedì e giovedì, dalle ore 10.30 alle ore 12.30 - Palazzo Candiotti, Largo Federico Frezzi, 4 - 06034 Foligno
tel. e fax 0742 342183  info@amicimusicafoligno.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *