CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cinema e Teatro

Cerca nel blog

sabato 21 settembre 2019

Terza stagione di teatro terapia Prima sessione gratuita a Milano e Roma

Salire sul palco per conquistare la vita che vorremmo, con la regia di uno psicoterapeuta

Terza stagione di teatro terapia

Prima sessione gratuita a Milano e Roma

Appuntamento a Roma, mercoledì 25 settembre al Teatro Keiros, in via Padova 38/a.

A Milano, venerdì 27 settembre alle 20,30 presso lo Spazio Arti Naturali in corso Italia 49

 

Cambiare si può. Non affossarsi nelle abitudini dannose, cominciare un nuovo percorso per stare bene con se stessi e di conseguenza conquistare la vita che vorremmo. Con la teatro terapia si può cambiare senza rischi, provando prima sul palco quello che si vorrebbe fare nella vita. La regia è affidata a uno psicoterapeuta e attore, Giovanni Porta, sotto la cui guida si inizierà a muovere i primi passi sul palco.  

"Ogni persona ha uno stile unico, e ciò che per qualcuno può essere semplice e scontato, per qualcun altro può costituire un grande ostacolo. – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta - Mettere in discussione come ci comportiamo normalmente nel mondo è il cuore della psicoterapia, un modo per tentare di accettare o superare i nostri limiti, se necessario, e sentirci bene, realizzati. Chi di noi, pensando a qualche occasione passata, non ha si è rimproverata per non essere stato abbastanza pronto, forte, coraggioso? O magri al contrario più prudente, più saggio, più riflessivo? Una maniera innovativa per provare a fare questo è la teatro terapia. Non serve essere giovanissimi o essere competenti di teatro per partecipare, solo avere voglia di mettersi in discussione e fare qualche sforzo per cambiare". 

Giovanni Porta, psicoterapeuta della gestalt, attore e performer presenta nuovo la terza stagione di teatro terapia e per farlo, per fare capire esattamente di cosa si tratta, offre una sessione gratuita di presentazione dei laboratori annuali, che si svolgeranno da ottobre a maggio a Roma e Milano.

 

Cos'è la teatro terapia?

"È un contenitore dentro il quale provare ad essere ciò che vorremmo senza farci troppo male cadendo. – spiega lo psicoterapeuta Giovanni Porta -.  È un misto di riflessione sul nostro normale modo di funzionare e una palestra dentro cui lasciare spazio alle parti meno abituali di noi stessi, quelle che, per abitudine, timore o convenienza, di solito teniamo nascoste, e che magari si ripresentano ciclicamente alla nostra coscienza chiedendoci se stiamo vivendo davvero la vita che vorremo".

Durante i laboratori si avrà modo, divertendosi, di portare l'attenzione sul modo di stare con gli altri, sulla storia personale e familiare di ognuno, di riflettere su limiti e opportunità di ciascuno di noi per raggiungere una vita più soddisfacente.

 

Come?

Per capirlo davvero bisogna provare cosa significa fare teatro terapia, per questo è importante provare. Come ogni anno lo psicoterapeuta Giovanni Porta  terrà due presentazioni gratuite in cui provare a salire sul palco sotto la sua regia. 

 

Lezioni di prova gratuite di teatro terapia:

 

Roma, mercoledì 25 settembre al Teatro Keiros, in via Padova 38/a.

Milano, venerdì 27 settembre alle 20,30 presso lo Spazio Arti Naturali in corso Italia 49.

 

Per partecipare è necessario prenotarsi, bisogna  mandare una mail a giovanniporta74@gmail.com e attendere la risposta. 

 

GIOVANNI PORTA

Psicologo psicoterapeuta di orientamento gestaltico, è esperto in alimentazione e teatro-terapia. Vive e lavora tra Roma e Milano. Da anni realizza laboratori e percorsi in cui l'arte viene utilizzata con finalità terapeutiche. Laureato in Psicologia presso l'Università degli Studi di Padova, si è successivamente specializzato con un master in "Utilizzo di tecniche artistiche nella relazione d'aiuto", ha una specializzazione in Psicoterapia della Gestalt presso l'I.G.F. di Roma, ed una in "Teatro e Psichiatria".



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 17 settembre 2019

Teatro: Al de' Servi lo spettacolo Tabù


L'amicizia ci aiuta davvero a superare i problemi che la vita quotidianamente ci pone davanti? E'  un'efficace medicina o soltanto un placebo? E' questo l'interrogativo al centro di "Tabu", la commedia che il 27 settembre apre la nuova stagione del Teatro de' Servi.

 

 

Cinque amiche da sempre, una ludoteca per bambini, un famoso gioco di società con cui ammazzare il tempo ed una torta senza alcun compleanno. Le normali vite di cinque giovani amiche affiorano dalle carte che vengono mano a mano scoperte. E il taboo, il gioco, svela i tabù, ovvero le contraddizioni e le paure, che si celano nell'animo delle ragazze e di tutti noi. Il testo, che crea un intreccio di situazioni tragicomiche sul filo tanto dell'ironia quanto dell'attenta analisi psicologica, è scritto da Alessandro Bonanni ed è presentato al Teatro de' Servi con repliche fino al 13 ottobre per la regia di Claudia Maria Loiacono.

 

"La forza di questo spettacolo è la semplicità, le situazioni di vita quotidiana in cui chiunque può immedesimarsi, l'emozione suscitata da momenti di vita vera, che ricorda alle persone quanto la vita di tutti i giorni e le relazioni siano importanti e quanto ci si possa emozionare davvero con poco". 

 

Quella con "Tabu" vuole essere un'apertura con brio e con un omaggio alle giovani compagnie "al femminile" della nuova stagione Campioni del teatro di via del Mortaro. Si tratta infatti di schegge impazzite di vita "vera" o forse quasi vera, portata in scena da cinque giovani brave attrice in grado di immedesimarsi assai bene nei loro personaggi, tutti distinti l'uno dall'altro e forniti di una personalità ben definita: da Viola (Noemi Sferlazza) incapace di avere di relazioni durature, che si rifugia esclusivamente nei social di incontri, a Marilù (Giulia di Turi) la più schietta di tutte, forse… a volte, anche un po' troppo. E poi Alice (Lorenza Giacometti) dolce, pettegola e molto fragile; Sofia (Lorenza Sacchetto) romantica al punto tale di parlare solamente del suo futuro matrimonio con Massimo; e Ginevra (Chiara David) hippie nell'animo e giramondo per passione di scoperta.

 

Tocco originale dello spettacolo è anche l'aggiunta delle canzoni scritte ed interpretate da Serena Allegrucci, in arte Serena Mente.

  

Teatro de' Servi

Via del Mortaro 22, Roma

info: 06 6795130



--
www.CorrieredelWeb.it

FILA: al via la nuova stagione del Teatro alla Scala dedicata ai bambini. GIOTTO Colore ufficiale

Il Teatro alla Scala inaugura una nuova stagione di musica, creatività e divertimento per i più piccoli.
GIOTTO in prima linea come Colore Ufficiale de La Cenerentola per i bambini e dei laboratori creativi del Museo.

 

settembre 2019 – Settembre è il mese degli inizi. Parte così anche la nuova stagione dei "Grandi Spettacoli per Piccoli", un progetto del Teatro alla Scala nato per coinvolgere i bambini nel magico mondo del Teatro, facendoli appassionare fin da giovanissimi.

 

In cinque anni, il progetto ha superato le 150 rappresentazioni e coinvolto oltre 250.000 fra ragazzi, familiari e insegnanti. Per festeggiare i numeri di questo straordinario successo, nel 2019-2020 verrà riproposto il titolo con cui il progetto è nato: La Cenerentola per i bambini, con 25 rappresentazioni aperte a scuole (nei weekend) e famiglie dal 21 settembre 2019 al 5 aprile 2020. Come negli ultimi anni, i ragazzi entrano al prezzo simbolico di un euro.

 

Anche quest'anno, GIOTTO è al fianco del Teatro alla Scala come Colore Ufficiale del Programma di Sala. Il brand, da sempre simbolo di creatività e in piena sintonia con una proposta che parla il linguaggio dei più piccoli, torna infatti a collaborare con il tempio della musica con la sua carica di colore. 

 

Il titolo prescelto per la nuova stagionecon la musica di Gioacchino Rossini rielaborata e arrangiata da Alexander Krampe, ed eseguita dai solisti e dell'orchestra dell'Accademia Teatro alla Scala, viene proposto iversione ridotta e con una drammaturgia ripensata per catturare l'attenzione dei bambiniUna storia incantevole da rivivere anche a casa grazie al cadeau firmato GIOTTO e distribuito a tutti i partecipanti. Un kit speciale che ogni anno si modella sull'Opera in scena e che questa stagione, in linea con la magia di Cenerentola, invita i bambini a personalizzare le immagini più belle dei protagonisti con i tocchi luccicanti di GIOTTO DecorGlitter, la colla che si usa come una penna per decorare a rilievo tutte le superfici.

 

L'offerta edutainment prosegue poi nella cornice del Museo Teatrale alla Scala che propone per la nuova stagione quattro diversi laboratori a cura di Augusta Gori. Da Buongiorno Museo!, con visite guidate e laboratorio di teatro per famiglie e bambini dai 6 agli 11 anni, Museo mia musa!, cicli di laboratori esperienziali di arti performative per la fascia - 10 anni e Torneo al Museo, ispirato alle feste ed eventi che avevano luogo in Teatropassando per Brilla Museo!, la proposta dedicata ai bimbi della Scuola Materna.

 

Dopo la visita nell'affascinante scenario dell'arte, i bambini potranno immergersi in elaborazioni creativa accompagnati da GIOTTO e il suo materiale creativo, prodotti studiati per colorare, disegnare, dipingere, modellare, dare forma alla fantasia.

 

 

FILA (Fabbrica Italiana Lapis ed Affini), nata a Firenze nel 1920 e gestita dal 1956 dalla famiglia Candela, è una Società italiana e una delle realtà industriali e commerciali più solide, dinamiche, innovative e in crescita sul mercato. Dal novembre 2015, FILA  quotata alla Borsa di Milano, segmento STAR. L'azienda, con un fatturato di oltre 600 milioni di euro al 31 dicembre 2018, ha registrato negli ultimi vent'anni una crescita significativa e ha perseguito una serie di acquisizioni strategiche, fra cui l'italiana Adica Pongo, le statunitensi Dixon Ticonderoga ed il Gruppo Pacon, la tedesca LYRA, la messicana Lapiceria Mexicana, l'inglese Daler-Rowney Lukas e la francese Canson fondata dalla famiglia Montgolfier nel 1557. FILA  è l'icona della creatività italiana nel mondo con i suoi prodotti per colorare, disegnare, modellare, scrivere e dipingere grazie a marchi come Giotto, Tratto, Das, Didò, Pongo, Lyra, Doms, Maimeri, Daler-Rowney, Canson, Princeton e Strathmore. Fin dalle sue origini, FILA a scelto di sviluppare la propria crescita sulla base dell'innovazione continua, sia di tecnologie sia di prodotti, col fine di dare alle persone la possibilità di esprimere le proprie idee e il proprio talento con strumenti qualitativamente eccellenti. Inoltre, FILA  e le aziende del Gruppo collaborano con le Istituzioni sostenendo progetti educativi e culturali per valorizzare la creatività e la capacità espressiva degli individui e per rendere la cultura un'opportunità accessibile a tutti. FILA  è attiva con 21 stabilimenti produttivi (due dei quali in Italia) e 35 filiali commerciali nel mondo e impiega circa 9.500 persone.




--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 12 settembre 2019

ITALIA INCONTRA CAPO VERDE: la prima rassegna internazionale "A tu per tu con..." (Teatro Golden, 19-20 settembre)


Giovedì 19 e Venerdì 20 settembre 2019 - ore 21:00

A TU PER TU CON...
ITALIA INCONTRA CAPO VERDE

Image

TEATRO GOLDEN
Via Taranto, 36 – Roma

 

Ingresso con donazione benefica
(prezzo suggerito: € 20)
Prenotazioni: +39 339 1320512

Image
Image

ITALIA e CAPO VERDE in dialogo musicale al Teatro Golden di Roma per un'iniziativa artistica e benefica. Questa, in sintesi, l'idea concepita e promossa da Maria Silva (presidente dell'associazione "Kriol-Ità") e Alberto Zeppieri (direttore artistico Unicef Italia e produttore della collana discografica "Capo Verde, terra d'amore"), accolta da Andrea Maia, direttore artistico del Golden, e sotto la direzione artistica di Grazia Di Michele, che inaugura il format internazionale della rassegna "A TU PER TU CON...", mirata alla promozione della canzone d'autore in un ambito ravvicinato e partecipativo, in nome della qualità testuale e musicale.
ITALIA incontra CAPO VERDE, che avrà luogo giovedì 19 e venerdì 20 settembre nel congeniale "open space" di via Taranto, è organizzata da "Kriol-Ità, Associazione di Amicizia Italia e Capo Verde" e "Numar Un", produttrice della collana discografica "Capo Verde, terra d'amore", con lo scopo di raccogliere donazioni a favore del movimento "Beira no Coraçao" (fondato dalla First Lady della Repubblica di Capo Verde, Ligia Fonseca, originaria del Mozambico) per contribuire alla ricostruzione di scuole, asili nido e abitazioni e per procurare medicinali, materiali scolastici e quant'altro necessario ad aiutare la popolazione mozambicana colpita dal ciclone "Idai", che quest'anno ha provocato decine di migliaia tra morti e sfollati, in particolare a Beira dove il 90% di abitazioni e infrastrutture ha subito danneggiamenti.
Nelle due serate (inizio alle ore 21:00), alcuni fra i più significativi cantanti italiani incontreranno i loro omologhi capoverdiani, per una fusione di voci e di linguaggi che aprirà i cuori alla solidarietà. Ad ognuno di loro verrà chiesto di interpretare un brano di Capo Verde (o più in generale dell'Africa) più un altro del proprio repertorio, all'insegna di una contaminazione che prevede duetti nazionali e internazionali e l'esecuzione di canzoni-simbolo eseguite in maniera corale.
I nomi nazionali prescelti in questa prima edizione per aver già "adottato" canzoni del progetto ONU "Capo Verde, terra d'amore", corrispondono a quelli di Grazia Di Michele, Rossana Casale, Mariella Nava, Edoardo De Angelis, Lucilla Galeazzi, Ernesto Bassignano, Ivan Segreto, gli Oggi 4uattro e i Sismica.
I colleghi capoverdiani saranno invece Cremilda Medina, Mirri Lobo, Karin Mensah, Jacqueline Fortes, Jerusa Barros e Alessandra Silva Fortes.
I dialoghi in musica italo-capoverdiana saranno accompagnati dal vivo da una formazione composta da Humberto Ramos (pianoforte), Adão Ramos (chitarra e cavaquinho), Roberto Cetoli (tastiere e direzione orchestrale), Luca Donini (sax e clarinetto), Pier Brigo (basso), Ernesto da Silva (batteria e percussioni) e dai cori e dagli interventi delle vocalist Elisabetta Gomes e Ondina Santos.
Le due serate saranno condotte dagli speaker radiofonici di RAI Radio 1 Max De Tomassi e Savino Zaba.
In tale ambito sarà presentato in prima nazionale il volume 8 della collana "Capo Verde terra d'amore", il cui ricavato netto di vendita in loco si sommerà alla raccolta-fondi.

L'iniziativa gode dell'Alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica di Capo Verde e delle Ambasciate di Capo Verde e del Mozambico. L'evento è stato realizzato con il prezioso aiuto di Cabo Verde Airlines, Eces, Atac e dalle associazioni Caboverdemania, Omcvi, Nôs d'Sintanton, Amici di Soncent, Api e AICS.




--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 6 settembre 2019

Il LAGO DEI CIGNI al SALA UMBERTO - 15 settembre ore 18


Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini presenta
IL LAGO DEI CIGNI
Coreografia Luigi Martelletta
Musiche Pëtr Il'ič Čajkovskij
Interpreti principali: Maria Chiara Grasso - Carlo Pacienza
Interpreti: Lilia Ivanova- Assunta Di Marino- Lucia Bini- Stefano Candelori - Luca Ricci- Lidia Arena- Micol Girasole

LA COMPAGNIA NAZIONALE DI RAFFAELE PAGANINI 
PORTA IN SCENA UNO DEI BALLETI PIÙ NOTI E AMATI DAL PUBBLICO, 
L'EMOZIONANTE BALLETTO IL LAGO DEI CIGNI DI PËTR IL'IČ ČAJKOVSKIJ


Lo spettacolo nasce da un'idea che da molti anni il coreografo Luigi Martelletta inseguiva e desiderava mettere in scena, la sua lunga ed intensa carriera come primo ballerino al Teatro dell'Opera di Roma ed in tanti altri Teatri Italiani ed Europei gli ha permesso di studiare a fondo, di esaminare e di danzare molte volte questo spettacolare balletto. 
La coreografia originale del repertorio classico infatti non ha mai sottolineato alcuni aspetti del libretto, che però in questa versione viene esaminata e sviscerata; la drammaturgia classica dell'azione coreografica - teatrale del balletto infatti, è abbandonata a favore di una forma di riappropriazione della realtà e dell'esperienza comune basata sui particolari e sulle singole situazioni riunite tra loro in collage ampi e sfaccettati, secondo una metodologia di lavoro di ricerca e di graduale progresso. Fortemente legato alla tradizione accademica, Luigi Martelletta proporrà un lavoro stilisticamente più snello, più vivace, alleggerendo tutti i manierismi e le pantomime che fanno parte del repertorio classico. Non mancheranno però tutte quelle danze e quell'itinerario danzato che molti conoscono e si aspettano: I cigni, la danza spagnola, la danza russa, il valzer, i passi a due, e molto molto altro...
Questo balletto insomma, è autenticamente una creatura di oggi, del presente, con tutto quello che ciò comporta. La sua particolarità, la sua eccezionalità consiste proprio in questa sua capacità, estrema e radicale, di proporsi vivo e attualissimo, nel senso più universalistico e antistorico della definizione: in quanto rappresentazione della realtà-realtà esasperata e sconvolta, ma del tutto riconoscibile - in una dimensione non semplicemente realista ma profondamente vera. 
L'ideale neoclassico di una bellezza assoluta, regolata da un ordine imperturbabile, è l'obiettivo totalizzante della creazione.

TEATRO SALA UMBERTO 
15 SETTEMBRE ore 18,00
Prezzi da 17 a 28 euro



--
www.CorrieredelWeb.it

martedì 27 agosto 2019

Attraversamenti Multipli 2019 | 14 > 28 settembre Roma | 5 > 6 ottobre Toffia


ATTRAVERSAMENTI MULTIPLI 2019
teatro - danza - performance - site specific - musica
 #mondi

BROTHA FROM ANOTHER MOTHA COMPANY / SEIFEDDINE MANAI  (Tunisia/Francia)
 IVÁN BENITO (Spagna) | COLLETTIVO CINETICO  
C&C COMPANY / CARLO MASSARI
ANDREA COSENTINO / ALDES | CONSORZIO GRANOLUCISANO 
ALESSANDRO CARBONI | ERTZA   (Spagna) | CAROLINA FARINA
 FORTEBRACCIO TEATRO  / ROBERTO LATINI
 FLxER  Team | IPOLOGICA KINKALERI / KLm 
 KOLEKTIV LAPSO CIRK / LEA LEGRAND (Francia) |  SALVO LOMBARDO / CHIASMA
 LA REINA DEL FOMENTO | MADAME REBINE' |
MARGINE OPERATIVO | TEATRO DELLE APPARIZIONI 

Dal 14 al 28 settembre, presso l'isola pedonale di Largo Spartaco nel quartiere romano del Quadraro, si svolge la 19° edizione del festival crossdisciplinare Attraversamenti Multipli, accompagnato dal tema / slogan mondi.
Il festival è ideato e organizzato dalla compagnia teatrale Margine Operativo, con la direzione artistica di Alessandra Ferraro e Pako Graziani, ed è parte del programma dell'Estate Romana, promossa da ROMA CAPITALE Assessorato alla Crescita culturale in collaborazione con SIAE ed è realizzato con il contributo della REGIONE LAZIO e dell'UNIONE EUROPEA nell' ambito del programma Europa Creativa.  
Ospita nel suo programma 20 compagnie di artisti diversi tra di loro per generazione e poetiche, ma accomunati dalla loro ricerca a intrecciare  ed  espandere i linguaggi delle arti sceniche contemporanee creando opere innovative che forzano i generi, superano i confini ed esplorano nuovi mondi.
Produce, attraverso delle residenze artistiche delle performance site specific create per i luoghi che le ospitano.  


dal 14 al 28 settembre  >>  Largo Spartaco (Roma)
5 e 6 ottobre >>  Toffia (Rieti)

facebook: attraversamenti multipli  



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 15 agosto 2019

NICOLA PIOVANI AL CALVI FESTIVAL: SABATO 17 AGOSTO

CALVI FESTIVAL 2019:
IL PREMIO OSCAR NICOLA PIOVANI NELLA LEÇON -CONCERT "LA MUSICA E' PERICOLOSA" 

Sabato 17 agosto ore 21.15 in piazza Mazzini

 

CALVI DELL'UMBRIA  -  Il Premio Oscar Nicola Piovani sarà ospite della quarta edizione del Calvi Festival.  Quella di sabato 17 agosto sarà una serata eccezionale: il M° Piovani, artista riconosciuto a livello internazionale, proporrà la sua Leçon-concert , "La musica è pericolosa", una sorta di racconto autobiografico in cui il compositore condivide con il pubblico ricordi, aneddoti ed emozioni di oltre 40 anni di carriera. Lo spettacolo è stato commissionato per la prima volta dal festival di Cannes nel 2003, da qui il titolo francese.

"Sono felice di ospitare il maestro Nicola Piovani nell'ambito del Calvi Festival – riferisce il direttore artistico Francesco Verdinelli - ed invito tutti all'appuntamento con la sua grande musica".

L'evento avrà luogo in piazza Mazzini, sabato 17 agosto alle ore 21.15.

 

Il Calvi Festival  è caratterizzato dalle varie sezioni  dedicate alla danza, alla musica, al teatro, all'arte, al cinema e dall'alta qualità della programmazione. 


Tutti gli eventi, fino al 7 settembre, sono ad ingresso gratuito.


 

Domenica 18 agosto, per la sezione Calvi Teatro, in piazza Mazzini alle ore 21.15 andrà in scena  "Doctor Faustus", di Marlowe, con Edoardo Siravo e Antonio Salines.



--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *