CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Cinema e Teatro

Cerca nel blog

lunedì 20 maggio 2019

Gabriele Cirilli al teatro Sala Umberto in "Mi piace". Roma, dal 21 al 26 maggio


GABRIELE CIRILLI

MI PIACE

SALA UMBERTO dal 21 al 26 maggio 

di Gabriele Cirilli
Maria De Luca
Giorgio Ganzerli
Alessio Tagliento
Ivan Grandi
Regia di CLAUDIO INSEGNO
Produzione di MA.GA.MAT.srl



Viviamo tutti per un Like, in Italiano MI PIACE.
La nostra vita è un continuo avere e dare un giudizio, sin dalla mattina quando ci alziamo e ci guardiamo allo specchio oppure quando scegliamo un vestito, gli amici da frequentare, quando ordiniamo al ristorante o quando scegliamo di andare in vacanza, i programmi tv da guardare, il film al cinema da vedere, il politico da votare, la musica da ascoltare o i libri da leggere, la dieta da fare, la squadra di calcio da tifare, le persone da seguire sui social.
Insomma “MI PIACE” è la parola chiave della nostra esistenza!
Se PIACI o ti PIACE è fatta! MI PIACE il teatro che è un circo delle meraviglie dove tutto è relativo ma possibile.
Quello che io, Gabriele, propongo è uno spettacolo che attraversa tutti i generi del teatro comico: dalla commedia degli equivoci al cabaret, attraverso monologhi, canzoni e balletti che MI impegnano in una prova d'attore completa e sfaccettata.
MI PIACE essere quello di sempre, quello partito da Sulmona e non ancora arrivato, quello innamorato del pubblico con passione talmente vera e profonda da creare un legame quasi magico con esso.
Ridere è fondamentale per me perché la risata è contagiosa, è una medicina, un rimedio contro tutto il nero che ci opprime. Un sorriso illumina di più della corrente elettrica e costa molto meno. Ho abbracciato questa fede e MI PIACE quando vedo le persone star bene col sorriso sulle labbra!
MI PIACE essere Comico e Commovente al tempo stesso, è l'espressione della mia maturità artistica, di un mattatore della risata che ha ormai conquistato il grande pubblico.
MI PIACE essere un attore che del suo mestiere cerca di farne un’arte......con un curriculum non indifferente....vedi....www.gabrielecirilli.net o i miei social!
MI PIACE riuscire a creare col pubblico un 'interazione giusta per far sì che il mio messaggio venga recepito e apprezzato!
MI PIACE è il mio Show. Uno show tutto mio è sempre stato il mio sogno nel cassetto, il mio desiderio di voler curare me stesso ma soprattutto gli altri dalla malattia chiamata ESISTENZA!
L'importante per me è dare sempre emozioni al pubblico....questo è il mio scopo!
Troppo popolare?....Potrebbe essere anche un pregio!
Non sono più capellone da far paura. Cioè, sono ancora da far paura, ma “di mio”, senza più tanti capelli. No tranquilli non li ho tagliati, li ho persi, ma so benissimo dove sono: un po’ sulla spazzola e il resto sulla strada che ho percorso!”
MI PIACE essere vanesio e narciso come tutti gli artisti. E per i miei detrattori è anche l’unica cosa che mi accomuna agli artisti. Malelingue della serie: “Cirilli ha davvero la stoffa dell’attore… perché non ha fatto il sarto teatrale?” AHAHAHAH


Sono caratterialmente pacato, ma da quando sono approdato al nord, sono diventato frenetico, iperattivo, febbrile, in qualche modo stressato dal lavoro: insomma “ridotto alla milanese”.
Senza però mai perdere la mia umanità e la mia generosità.MI PIACE farmi notare, evidenziarmi, spiccare, attirarel’attenzione: se vado in chiesa voglio essere come minimo quello che dà le ostie sull’altare, se vado allo zoo voglio essere quello a cui i visitatori allungano le noccioline dalle sbarre, se vado ad un'asta voglio essere il battitore.
E faccio così fino a confondermi e vado in tilt: una volta mi hanno visto battere all'asta una giraffa a cui davo la comunione. Ma questo perché sono un mattatore nato. In fondo vivo per lo spettacolo, tanto che il mio sogno è morire sul palcoscenico…Non potete vedere ma mi sto scaramanticamente toccando affinché ciò si avveri il più tardi possibile, ma così è.
MI PIACE il teatro, e per il teatro mi sono trasformato anche in scrittore... e faccio concorrenza ad Ernest, a Wolfgang, ad Alexandre, a Luigi, a Umberto..." Pirandello ed Eco intendo (certo, senti che differenza: Ernest, Wolfgang, come sono pomposi, sono loro e basta, invece Luigi e Umberto sembrano il macellaio e il parrucchiere sotto casa! Gli stranieri, si sa, c'hanno sempre una marcia in più, partono avvantaggiati perchè già il nome è bello, suona bene. Pensate: Harrison Ford, come suona bene, se fosse nato in Italia sarebbe stato Aristide Fiat, tutta un'altra cosa, secondo me manco sarebbe stato così fico. Oppure JoeCocker, in italiano sarebbe stato: Giovanni Barboncino; epotrei citarne tanti, tipo: Jeremy Irons, Geremia Ferri; Glen Close, Guendalina Chiusa; Wim Wenders, Detersivi in Vendita; eccetera eccetera). Che, avevo aperto una parentesi? Mbè, la richiudo! Insomma questo spettacolo è uno show col quale riesco ad abbracciare il pubblico fino a portarlo dopo due ore in camerino da me soddisfatto, appagato, stupito, colpito, esterrefatto, basito, sorridente, insomma GUARITO. MI PIACE sentire a fine
spettacolo la parola MI PIACE. La domanda che mi fanno spesso è “Ma io non sapevo che fossi così forte e soprattutto non sapevo chi fossi”.
Nasco nel 1967 a Sulmona dove studio ottenendo brillantemente la licenza elementare, con qualche difficoltà il diploma delle scuole medie e con estrema fatica la maturità classica. Iscrittomi all’Università “La Sapienza” di Roma abbandono miseramente il corso di Lettere Moderne per seguire il più illustre Gigi Proietti
nel suo Laboratorio di Esercitazioni Sceniche di Roma.
Ha così inizio nel marzo del 1988 la mia mirabolante maimportante carriera di attore Drammatico-Comico-Brillante; carriera che abbraccia tutti i generi dello spettacolo TVCINEMA-FICTION-CABARET- DOPPIAGGIO- SCRITTURAETC…
ma che in TEATRO riesce ad avere la più grande, efficace, stupefacente, curiosa, emozionante e soprattutto comicaESPRESSIONE!

SALA UMBERTO
Via della Mercede, 50 Roma
tel.06.6794753 
Prezzi da 34 a 19 euro
da martedì a venerdì ore 21, sabato ore 17 e ore 21, domenica ore 17
credits photo: Angelo Redaelli

domenica 12 maggio 2019

Al Teatro Brancaccio: Lucia Lacarra in Cenerentola. Balletto in due atti di Luciano Cannito con Musiche Sergei Prokofiev





CENERENTOLA
BALLETTO IN DUE ATTI DI LUCIANO CANNITO SU MUSICA DI SERGEI PROKOVIEV
Lucia Lacarra
 una delle più famose ballerine degli ultimi anni, Etoile del San Francisco Ballet, del Teatro Dell’Opera di Monaco di Baviera, guest star delle più importanti compagnie internazionali, dal Royal Ballet di Londra al Marinsky di San Pietroburgo, sarà l’interprete di Cenerentola in questa produzione che si prevede essere l’evento della danza italiana del 2019.

nel ruolo del Principe lo spagnolo Josuè Ullate
Primi ballerini, solisti e corpo di ballo ROMA CITY BALLET COMPANY
orchestra dal vivo con 30 elementi
costumi Giusi Giustino

Regia di Luciano Cannito
Musiche Sergei Prokofiev


Lucia Lacarra è stata insignita da poco del premio internazionale “ballerina del decennio”, proprio al teatro Marinsky di San Pietroburgo, che come tutti sanno è il tempio indiscusso del balletto mondiale.

Accanto a Lei danzerà nel ruolo del Principe, lo spagnolo Josuè Ullate, anch’egli da poco insignito del premio di miglior ballerino spagnolo e considerato dalla critica uno dei nuovi talenti della danza maschile internazionale.

Primi ballerini, solisti e Corpo di Ballo di Roma City Ballet Company, è una delle più recenti formazioni italiane, composta esclusivamente da artisti selezionati con audizioni internazionali, ad oggi una delle compagini di eccellenza e di maggior livello tecnico del panorama nazionale.

Roma City Ballet Company è diretta da Luciano Cannito, regista e coreografo oggi considerato uno dei nomi più prestigiosi della coreografia italiana.

Cenerentola di Cannito/Prokofiev è un balletto creato per il Teatro dell’Opera di Roma e successivamente riallestito al Teatro San Carlo di Napoli ed al Teatro Massimo di Palermo, sulle note sublimi di Sergei Prokofiev, una delle più belle musiche per balletto mai scritte.

Per questa nuova edizione espressamente prodotta da Roma City Ballet Company, i costumi sono stati creati da Giusi Giustino e le scene da Michele Della Cioppa, entrambi artisti i cui lavori sono rappresentati nei maggiori teatri del mondo.

L’Orchestra Roma City Orchestra, composta da più di 30 elementi, rappresenta come la Compagnia di Balletto, un nuovo punto di riferimento per i nuovi artisti diplomati con il massimo dei voti ed i nuovi talenti della musica italiana.

Cenerentola ha registrato negli anni sold out in ogni sua riedizione.

LA MADRE DI TUTTE LE FAVOLE note di regia di Luciano Cannito

I grandi Balletti, anzi, i grandi titoli di balletto classico, affascinano e stimolano l’immaginazione, ci riportano a mondi fatti di magia, di sogno, di fantasia.

Il balletto della storia universale di Cenerentola aggiunge al fantastico del racconto attraverso le immagini e la grande danza, il fantastico del desiderato da tutti: realizzare i nostri sogni nei momenti più bui della nostra vita e soprattutto realizzarli quando non ce lo aspettavamo più.

Sto parlando del massimo del desiderabile, sto dunque parlando di favole, sto parlando di Cenerentola, la madre di tutte le favole ed uno dei balletti più famosi che esistono.

Cenerentola è la favola della ragazzina poverina, angustiata da due antipaticissime sorellastre e da un’insopportabile matrigna, che sogna il suo principe azzurro e che per la sua bontà, dedizione e umiltà, alla fine questo principe riesce ad incontrarlo davvero e addirittura a sposarlo, aiutata naturalmente da tutti gli eventi positivi e da tutte le fatine buone del mondo, che ripagano sempre chi soffre e fa del bene.

Il pizzico di follia, comicità e divertimento di molti personaggi, come se sapessero di interpretare se stessi (in special modo quelli della famiglia di Cenerentola), oltre alla grande tecnica dei solisti e le grandi scene di massa del salone da ballo del secondo atto, hanno reso questo balletto e questa versione di Cenerentola una delle più amate dal grande pubblico.
                                                                                                                    Luciano Cannito


dal 16 al 19 Maggio 2019

TEATRO BRANCACCIO di Roma
VIA MERULANA 244, 00185 ROMA · TEL 06 80687231/2 · TEATROBRANCACCIO.IT
Da giovedì a sabato ore 20:45, domenica 19 maggio ore 17:00

lunedì 29 aprile 2019

1’ MAGGIO AL TEATRO VILLA PAMPHILJ. TANTE ATTIVITA' PER GRANDI E PICCINI TUTTE A INGRESSO GRATUITO

 

TEATRO VILLA PAMPHILJ

Mercoledì 1 maggio dalle ore 11,30 – Ingresso  gratuito

 

FESTEGGIAMO INSIEME IL PRIMO MAGGIO!

Mercoledì 1 maggio al Teatro Villa Pamphilj una festa a ingresso gratuito per tutti, grandi e piccini.
Si inizia alle 11.30, con il concerto di Alessandro D'Orazi che presenta il suo nuovo cd ITACA. Storie folli ai margini di una città.

Dalle 13, lo spazio del giardino del teatro verrà messo a disposizione di chi vorrà fare un picnic sul prato.

Dalle 15, attività per i bambini nell'orto teatrale in compagnia di Diego e alle 16.30, Valerio e Agnese e il loro Teatrino a Righe dei burattini con lo spettacolo "Lo gnomo e la pentola d'oro".

Vi aspettiamo!

 

ore 11,30

PRESENTAZIONE CD "ITACA"

STORIE FOLLI AI MARGINI DI UNA CITTÀ

CON

ALESSANDRO D'ORAZI – VOCE CHITARRE, PRODUZIONE E ARRANGIAMENTI
PRIMIANO DI BIASE – ORGAN,FISA,PIANO
SIMONE "FEDERICUCCIO" TALONE – PERCUSSION

Si intitola ITACA, Storie epiche ai confini di una città il nuovo progetto musicale del cantautore e chitarrista Alessandro D'Orazi. Il lavoro discografico, secondo per D'Orazi dopo Alé, è un vero e proprio concept album che comprende 12 brani correlati di cartoline ricche di disegni simbolici che fungono da traccia nell'itinerario di un viaggio musicale pervaso da sentimenti genuini e atmosfere sonore differenziate.

12 Canzoni 12 disegni 12 storie di personaggi ai margini, personaggi assurdi che cercano la propria strada nel viaggio verso ITACA, incontreremo Giuseppe Ulisse, mercante di strada abbandonato dalla moglie che sogna un giorno di ritornare nella sua casa da Lei, Circe, Suppli', I Fratelli Menelik e tanti altri personaggi che D'Orazi ha conosciuto realmente nel suo quartiere e che trasforma in canzoni toccanti divertenti e profonde!

Itaca è l'Isola mitica dove tutti vogliamo approdare, l'isola come metafora della felicità, I desideri e le speranze che evoca durante il viaggio, il fato, la disillusione, le storie e le occasioni mancate che ci allontanano dal suo approdo.
Ogni Periferia, Ogni Provincia o Paese ha i suoi personaggi ai margini della follia, Itaca sarà un viaggio nello sguardo di questi Personaggi, anche aiutati dalla matita della illustratrice Miriam Piro che ha dedicato una sua tavola per ogni personaggio!


DALLE ORE 15 ATTIVITA' PER BAMBINI

Coltiviamo Cultura, germogliano favole

Orto Teatrale con Diego porta una piantina, una seme, una talea, la piantiamo nel nostro orto e  e ci raccontiamo le nostre favole preferite.


ORE 16:30

Teatrino a Righe dei burattini

"Lo gnomo e la pentola d'oro"

con Valerio e Agnese

La pentola d'oro alla fine dell'arcobaleno è misteriosamente scomparsa!

Per salvare il mondo da una triste vita senza i colori dell'arcobaleno, l'intrepido gnomo folletto indagherà senza paura per trovare il colpevole, scontrandosi con pericolosi sospettati come una rana ingorda, una mucca canterina… ma non ce la farà senza il prezioso aiuto dei piccoli detective che assisteranno allo spettacolo!

 

 

Teatro Villa Pamphilj

Villa Doria Pamphilj Via di San Pancrazio 10 - P.zza S. Pancrazio 9/a,  00152 ROMA 

Orario segreteria: dal martedì alla domenica  dalle 10,00 alle 18,00

Info e prenotazioni teatro: tel. 06 5814176  dal martedì alla domenica 




--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 19 aprile 2019

Al Teatro Garbatella la pluripremiata Chiara Becchimanzi con il 'cult' comico Principesse e Sfumature. 26 e 27 aprile

PRINCIPESSE E SFUMATURE – LEI, LUI & NOIALTRE

Torna a Roma la comicità irresistibile di Chiara Becchimanzi

Premio Comedy Roma Fringe Festival 2016, Coppa Solinas Roma Comic Off 2017, tra le 100 eccellenze creative del Lazio 2018 nel Volume "100 Storie di Creatività del Lazio" a cura di Lazio Innova Premio Giuria Giovani "La Giovane Scena delle Donne" 2019 

Il 27 e 28 aprile sul palcoscenico del Teatro Garbatella approda, dopo i grandi successi di critica e di pubblico in tutta Italia, l'esilarante spettacolo "Principesse E Sfumature – Lei, Lui & Noialtre". Un vero One Woman Show scritto, diretto ed interpretato dalla pluripremiata Chiara Becchimanzi. 

Una donna a cavallo dei 30 anni, una indefinita psicoterapeuta dalla voce suadente, e molte domande: perché le donne di oggi devono essere per forza "tutto"? Cosa vuol dire sottomissione femminile in un contesto in cui una patacca editoriale come "50 sfumature di grigio" vende lo stesso numero di copie di "Don Chisciotte"? Cosa vogliamo, a letto, da un uomo? Perché non sempre riusciamo a chiederlo? Quali sono i nostri modelli estetici, e soprattutto emotivi? Perché spesso siamo portate ad accontentarci, a sacrificarci? Cenerentola, Pollyanna, Anastasia Steele. Tante facce della stessa medaglia. Ma forse, questa medaglia, è ora di buttarla via. 

Senza mai prendersi troppo sul serio, lo spettacolo e la sua protagonista si interrogano sulla femminilità, sulle relazioni, sulle idiosincrasie della sensualità/sessualità, a partire dalla narrazione di vissuti che potrebbero essere condivisi da molti/e, e che conducono, appena prima della fine, a sentirci bambini e bambine, e chiederci – davvero – se le cristallizzazioni che abbiamo creato per distinguere i generi siano poi così incontrovertibili, o così importanti. 

Lo stile dello spettacolo viaggia morbidamente tra la stand up comedy, il teatro d'attore, la clownerie teatrale e la parodia grottesca, per offrire un affresco quanto mai umano e multiforme della riflessione proposta. Il palco è nudo, riempito esclusivamente dal corpo dell'attrice in scena: nessun filtro scenografico o di costume tra lei e il pubblico – solo pochi, essenziali oggetti, al fine di costruire un'atmosfera da vera e propria "psicoterapia di gruppo" che spesso oltrepassa e frantuma la quarta parete per interagire direttamente con le persone in sala e "scrivere", di replica in replica, un testo diverso. Perché di riflettere c'è bisogno, ma se si riflette ridendo si riflette meglio.

L'Ordine degli psicologi ha scelto lo spettacolo per il suo Festival di Psicologia, nella giornata dedicata alle relazioni e all'identità di genere; il nucleo romano del Collettivo Chayn per i diritti delle donne ha celebrato con "Principesse e Sfumature" il primo anno di attività. 

La mission e il percorso dello spettacolo ricalcano l'intento dell'artista e della compagnia, attivamente coinvolte nella trattazione sociale della questione di genere e delle pari opportunità.

Sabato 27 aprile 2019 e Domenica 28 aprile 2019 - Sabato ore 21:00 Domenica  ore 18.00

Scritto, diretto e interpretato da Chiara Becchimanzi con la voce di Beatrice Burgo. Produzione Compagnia Teatrale Valdrada/Teatro Tognazzi di Velletri. 



--
www.CorrieredelWeb.it

giovedì 11 aprile 2019

Sonics, la compagnia teatrale di acrobati, attori e ballerini nello show "Steam" al Teatro Olimpico, dal 16 aprile

Al Teatro Olimpico di Roma
dal 16 al 20 aprile 2019
Equipe Eventi 
presenta gli
Acrobati Sonics 
in 

STEAM

Spettacolo creato e diretto da Alessandro Pietrolini

Arriva finalmente al Teatro Olimpico di Roma, dopo uno straordinario tour nazionale, “STEAM”, l'ultima sfida acrobatica dei Sonics, che prende spinto dalla corrente SteamPunk per trasformarsi in uno show poetico e divertente, ricco di spettacolari performance volanti ed effetti speciali.

LO SPETTACOLO
L'ultima sfida dei Sonics si ispira alla narrativa fantascientifica dello SteamPunk, da cui attingono le scenografie disegnate dal fumettista Cristiano Spadavecchia.
Sei bizzarri personaggi di nome Joe, Rosemary, Lola, Miranda, Margot e Mr. Smith, interpretati da acrobati, attori e ballerini della Compagnia, si ritrovano per caso in una futuristica aerostazione da cui partirà lo Steam Experience, ovvero il più avanzato e tecnologico dirigibile mai costruito!
Tutti viaggiano per un motivo: c’è chi viaggia per lavoro, chi deve sposarsi, ma un imprevisto ritarderà la loro partenza.
L'attesa dello strambo veicolo darà vita a coreografie acrobatiche su speciali e originali macchine sceniche di invenzione dei Sonics, sulle note della colonna sonora originale, intrisa di sonorità etniche e jazz, del M° Ruggiero Mascellino.

Ogni quadro, ogni attrezzo, ogni numero acrobatico definiscono lo scorrere di una storia ricca di colpi di scena, dove le danze aeree dei corpi descrivono e definiscono i caratteri dei personaggi tra i quali nasceranno relazioni, amicizie e storie d'amore, complice ovviamente l'euforia dell'attesa dello strano veicolo.

Riuscirà Joe a conquistare il cuore di Madame Margot? E la bella Miranda, riuscirà a liberarsi delle pareti invisibili che le impone la rigidità del suo lavoro? E cosa si inventerà Mr. Smith, costretto a passare ore interminabili in compagnia di perfetti sconosciuti?

Steam – produzione firmata Equipe Eventi - è creato e diretto da Alessandro Pietrolini, le coreografie sono a cura dei performer della compagnia, con la supervisione di Alessandro Pietrolini e Federica Vaccaro. I costumi sono di Irene Chiarle e Ileana Prudente, il disegno luci di Luca Perrone e Alessandro Pietrolini. Scenografie di Cristiano Spadavecchia, Vitor Dias e Alessandro Pietrolini. Musiche di Ruggiero Mascellino.

Dopo Roma lo spettacolo sarà ad Aosta il 2 e 3 maggio

Prevendite on line sul sito del Teatro Olimpico www.teatroolimpico.it
e su www.vivaticket.it

Biglietti in vendita anche al botteghino del Teatro (Piazza Gentile da Fabriano 17 - orari dal lunedì alla domenica ore 10.00-19.00. In giorni di spettacolo anche 20.00-21.30)
TELEFONO 06.3265991 biglietti@teatroolimpico.it

IL PROGETTO E LE COLLABORAZIONI ARTISTICHE
Lo spettacolo è frutto di un lavoro di creazione collettiva: ogni performer ha dato vita e sviluppato un personaggio, partendo da pochi spunti della trama – la metafora del viaggio come struttura portante dello show - suggeriti e coordinati dal direttore artistico Alessandro Pietrolini.
Le sperimentazioni acrobatiche di ogni performer sono andate di pari passo con un lavoro di ricerca attoriale e scenico, mentre la costumeria ha materializzato nei tessuti, nelle linee e negli accessori il carattere e le particolarità di ciascun personaggio/acrobata.

La personale rivisitazione dell'estetica SteamPunk nell'ultimo progetto Sonics è resa tale anche grazie alle importanti collaborazioni artistiche instaurate, a cominciare da quella con l'illustratore, fumettista e scenografo Cristiano Spadavecchia, che firma le installazioni fumettistiche dello spettacolo, a quella con il M° Ruggiero Mascellino, noto fisarmonicista e compositore siciliano autore del Brano “Il terzo fuochista” presentato da Tosca al Festival di Sanremo 2007, che firma la colonna sonora dello spettacolo con brani intrisi di sonorità etniche e popolari. In un dialogo tra scenari futuristici e rimandi storici, tra richiamo alla tradizione e la ricerca di un'estetica fuori dal tempo, il progetto “Steam” si avvale anche di soluzioni tecnologiche innovative, come il “lampadario dinamico”, motorini a cavo elettrici ultramoderni e veloci chiamati “winch”usati anche nelle scenografie di grandi concerti rock.

LA COMPAGNIA
I Sonics coniugano da sempre gesto atletico e poesia, forza fisica e leggerezza, danza e acrobazie, creando spettacoli dal forte impatto visivo, sempre sospesi tra sogno e realtà.

Disegnano coreografie calandosi e interagendo con macchine e attrezzi di scena di propria ideazione appesi ad autogru, americane o al graticcio di un teatro.

Giorno per giorno, nella Sonics Creative Lab, situata a pochi chilometri da Torino, si costruisce, grazie ad un solido e affiatato gioco di squadra fatto di passione, sacrifici e soddisfazioni, il sogno di un gruppo di persone e la solidità di un nome oramai apprezzato in tutto il mondo.

Il gruppo ha calcato i palchi di centinaia di Teatri, festival e grandi eventi in tutto il mondo, con picchi straordinari come la partecipazione alla Cerimonia di Chiusura dei Giochi Olimpici di Torino 2006, la Cerimonia di inaugurazione dello Stadio Olimpico di Kiev per gli Europei di Calcio del 2012 e la Cerimonia di Apertura di Pitti Uomo a Firenze a Giugno 2017.


video: https://www.youtube.com/watch?v=urv1-nWhhWE
Maggiori informazioni alle pagine:
http://www.sonics.it/steam
https://www.facebook.com/ACROBATISONICS


TEATRO OLIMPICO
Piazza Gentile da Fabriano, 17
Dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 18
Prezzi da 39 a 23 euro

sabato 6 aprile 2019

CRISTICCHI al Sala Umberto dal 9 aprile

Una nuova produzione TSA Teatro Stabile d'Abruzzo / CTB Centro Teatrale Bresciano
presentano

SIMONE CRISTICCHI
MANUALE DI VOLO PER UOMO
scritto da Simone Cristicchi e Gabriele Ortenzi
con la collaborazione di Nicola Brunialti
regia ANTONIO CALENDA
aiuto regia Ariele Vincenti
scene e costumi Domenico Franchi - musiche originali Gabriele Ortenzi, aiuto regia Ariele Vincenti
disegno luci Cesare Agoni - audio Andrea Balducci - luci Veronica Penzo
Non voce fuori campo Maia Monzani foto di scena Massimo Battista


Simone Cristicchi continua a stupire il pubblico teatrale con una nuova invenzione
drammaturgica: una surreale favola metropolitana ricca di emozioni e poesia.
Cos'è che ci impedisce di spiccare il volo? Che senso ha la sofferenza?
Cosa vuol dire la parola "amore"?
Nello spettacolo "Manuale di Volo per Uomo", Cristicchi interpreta Raffaello, un quarantenne rimasto bambino, che possiede dei poteri speciali: la sua mente fotografica è dotata di una lente di ingrandimento che mette a fuoco i particolari, cose apparentemente insignificanti che nascondono un'infinita bellezza.

Nel racconto poetico e surreale del suo microcosmo, Raffaello descrive vicende minime ed universali, mettendo in scena davanti ad una madre ritrovata, il suo drammatico percorso di vita, sublimandolo attraverso la poesia, la tenerezza e l'arte . In una sorta di catarsi emotiva, si lascerà alle spalle le pesanti zavorre del passato, e comprenderà di aver costruito il suo personale "Manuale di Volo".
Forse "volare" significa non sentirsi soli, avere il coraggio di buttarsi dentro la vita, mantenendo intatta la purezza del bambino dentro di noi.
E soprattutto non lasciarsi sfuggire la bellezza del mondo che ci circonda, perché "niente è più grande delle piccole cose!"

Dal al 20 aprile 2019

SALA UMBERTO
Via della Mercede, 50 Roma
Dal martedì al sabato ore 21, domenica ore 17, mercoledì 17 aprile ore 17


--
www.CorrieredelWeb.it

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *