Cerca nel blog

lunedì 24 aprile 2017

Mamma Roma, l'ultima puntata del format di Mercato Centrale dedicato ai quartieri racconta Trastevere

Mamma Roma, l'evento di Mercato Centrale che incontra i quartieri della Capitale chiude la prima stagione con Trastevere. 

Dopo sei puntate dedicate a San Lorenzo, Monteverde, Monti, Garbatella, Prati e Pigneto, Mamma Roma annuncia l'ultimo evento prima della pausa estiva per dare appuntamento a settembre. 

Mamma Roma racconta e descrive il quartiere tramite un'operazione di destrutturazione del proprio capitale umano: autori, musicisti, registi, poeti, fotografi, artisti, ma, anche associazioni, enti, botteghe e tutte quelle realtà e personaggi che contribuiscono a rendere unica e inimitabile ogni borgata.

Per l'appuntamento di giovedì 27 aprile, Trastevere sarà raccontato da un nutrito gruppo di ospiti provenienti da svariati settori. Si parte con Adamo Dionisi, celebre attore amato dal pubblico per aver interpretato lo zingaro Manfredi Anacleti, nel film Suburra diretto da Stefano Sollima. Dionisi si esibirà accompagnato dalla formazione "De Noantri" composta da Edoardo Pesce, Marco Conidi, Maria Chiara Agenti, Mirco Frezza, Giovanna Famulari, Giorgio Caputo e Cristian Dionisi. Assieme proporranno musica e tradizionali di Trastevere, tra storia, storie e goliardia del passato. 

L'artista Mauro Sgarbi renderà omaggio al quartiere con opere ispirate alla sua storia e sarà protagonista di alcuni momenti di live painting. 

Sempre sul fronte artistico è prevista l'esposizione di oggetti d'arte a cura di Galleria Varsi e Palazzo Expo, mentre il gioielliere artigiano Rodrigo Rovisi porterà e realizzerà dal vivo alcuni particolari gioie, sempre dedicate alle bellezze del tredicesimo rione di Roma. 

E ancora tanta musica con le selezioni del dj Mr. Starz e il live della band La Scala Shepard, pop-folk da Roma dove convive la tradizione cantautoriale e pop italo/mediterranea con elementi provenienti dal rock inglese. 

Per concludere il poeta di strada Asess sarà protagonista di una performance con composizioni tutte ispirate all'atmosfera trasteverina. 
Il bar Coffee Pot Trastevere, poi, si occuperà dei drink, con una selezione di cocktail inediti sempre dedicati ai vicoli del quartiere. 

Mamma Roma nella splendida cornice del Mercato Centrale della Stazione Termini, nel cuore pulsante della Capitale, si pone come obiettivo dare visibilità ad un quartiere romano in tutte le sue sfaccettature. 
L'appuntamento è per settembre con nuove idee, storie e quartieri tutti da scoprire.

Giovedì 27 aprile
Dalle 18.30 a mezzanotte
Mercato Centrale Roma
Via Giovanni Giolitti, 36 – Roma
Ingresso Libero
Infoline 3288640362


Prima Romana: Blue Bird Bukowski 27-30 aprile e Opera musicale di GUCCIO! 2-3 maggio h 21 Teatro Vascello

TEATRO VASCELLO DEBUTTO ROMANO
27-28-29-30 aprile giovedì, venerdì, sabato h 21 - domenica h 18
BLUE BIRD BUKOWSKI

drammaturgia Riccardo Spagnulo
con Vito Signorile
luci Vincent Longuemare
realizzazione scene Michele Iannone
regia e spazio Licia Lanera
produzione Teatri di Bari Kismet Abeliano

Pensare a Bukowski oggi è come pensare a una possibilità di vita che non c'è più. Eppure di quel '900 non ci siamo davvero liberati. C'è un'anima blues e jazz che ancora persiste, che chiama all'idea di viaggio, all'idea di sogno. C'è ancora un odore di cantina e di vino e di poesia nei sogni di un'intera generazione, desiderio e nostalgia di perdersi in una straziante voglia di vita. E Vito Signorile, attore, regista e uomo di "ordinaria follia", che in oltre quaranta anni di palcoscenico ha attraversato classici del teatro, drammaturgia contemporanea, teatro popolare, poesia e musica, vi si immerge con giovanile entusiasmo. Ancora in viaggio.



TEATRO VASCELLO
2-3 maggio h 21 prenotati subito a promozione@teatrovascello.it 065898031 - 065881021
per lo spettacolo musicale
GUCCIO!
Uno spettacolo-concerto sull'Opera musicale di Francesco Guccini
da un'idea di Giuseppe Gandini e Roberto Manuzzi
con Valentina Bruscoli e Giuseppe Gandini
canzoni dal vivo di Francesco Guccini
eseguite da Marco Morandi, Luca Longhini e Roberto Manuzzi
drammaturgia e regia Giuseppe Gandini
produzione La Fabbrica dell'Attore – Teatro Vascello Roma

Lui e Lei, due conoscenti dei tempi dell'Università di Bologna degli anni '90, raccontano nel tempo dell'oggi, attraverso due paralleli monologhi interiori, la loro unica comune esperienza: aver partecipato 'venti anni fa o giù di lì' ad un concerto di Guccini al palasport di Bologna. Lui come fan sfegatato e speranzoso di sedurre Lei; lei completamente priva di qualsiasi conoscenza gucciniana e assai mal disposta all'evento cui deve partecipare suo malgrado, per non ferire Lui. La narrazione procede parallela e serrata, le sensazioni reciproche descritte sono intervallate e sottolineate dalle varie canzoni classiche e non del Poeta di Pavana. Il tono è quello della commedia, ilare, ma al tempo stesso sincero e profondo, cercando di emozionare un pubblico immerso nel vortice, narrativamente coerente, delle canzoni del Maestro reinterpretate ed eseguite da tre grandi musicisti, uno dei quali (Manuzzi) storico componente della band che ha accompagnato negli ultimi 25 anni Guccini nei suoi memorabili concerti in giro per l'Italia.
 

Questa è davvero una stagione piena, ricca di proposte che rappresentano tutti i settori dello spettacolo dal vivo, dove tutte le arti sono presenti e protagoniste: prosa, danza, musica, teatro-danza, performance, reading letterari, clownerie, circo, teatro ragazzi, concerti. Direzione Artistica Manuela Kustermann
IL TEATRO VASCELLO HA FATTO CENTRO
VI ASPETTIAMO al Teatro Vascello di Roma
promozione@teatrovascello.it 065898031 - 065881021
VASCELLO PROSA DANZA E MUSICA
Orari: tutti i giorni ore 21.00 domenica ore 18.00
Abbonamenti
3 spettacoli a scelta 30 euro su prosa, musica e danza
10 spettacoli a scelta 100,00 euro tra prosa, danza, musica
5 spettacoli a scelta 60,00 euro tra prosa, danza, musica
Biglietteria:
Intero Prosa 20,00 euro
Ridotto Prosa over 65 15,00 euro
Ridotto Prosa studenti 12,00 euro
Intero Danza e Musica euro 15,00
Ridotto over 65 e studenti euro 12,00
Servizio di prenotazione 1,00 euro a biglietto
IL VASCELLO DEI PICCOLI
Biglietteria: 
Posto unico 10,00 euro
Servizio di prenotazione 1,00 euro a biglietto
Abbonamento 5 spettacoli a scelta 40,00 euro
SOSTIENI LA CULTURA VIENI AL TEATRO VASCELLO


Come raggiungerci: Il Teatro Vascello si trova in Via Giacinto Carini 78

a Monteverde Vecchio a Roma sopra a Trastevere, vicino al Gianicolo.


Con mezzi privati: Parcheggio per automobili lungo Via delle Mura Gianicolensi, a circa 100 metri dal Teatro. Parcheggi a pagamento vicini al Teatro Vascello: Via Giacinto Carini, 43, Roma tel 06 5800108; Via Francesco Saverio Sprovieri, 10, Roma tel 06 58122552; Via Maurizio Quadrio, 22, 00152 Roma tel 06 5803217, Via R. Giovagnoli, 20,00152 Roma tel 06 5815157


Con mezzi pubblici: autobus 75 ferma davanti al teatro Vascello che si può prendere da stazione Termini, Colosseo, Piramide, oppure: 44, 710, 870, 871. Treno Metropolitano: da Ostiense fermata Stazione Quattro Venti a due passi dal Teatro Vascello

Rassegna LEI UNA VOCE (IN)UMANA con Carmen Giardina regia Marco Carniti

dal 26 al 28 aprile 2017

UNA VOCE (IN)UMANA
uno spettacolo di
Marco Carniti
da Jean Cocteau
con Carmen Giardina
scenografia Marco Carniti in collaborazione con Paolo Carbone
musiche Pivio


"L'amore è pura follia, e merita una stanza al buio e una frusta come per i pazzi."
(Shakespeare)


Nulla è più drammaticamente attuale delle tragedie per amore. 

L'amore è pazzia e l'abbandono è il vuoto. 

Così Cocteau rappresenta l'Amore in un testo nel quale, ancora oggi, tutti ci possiamo rispecchiare. 

Così come per Shakespeare, l'innamorato è un folle chiuso nella sua prigione, vittima della sua stessa follia masochistica. 

Ho trasportato l'amante dolorosa di Cocteau in una dimensione contemporanea incastrando il personaggio nell'ingranaggio emotivo infernale di una routine quotidiana. 

Una "donna sull'orlo di una crisi di nervi" che, straziata per l'abbandono dell'amante, vive in un suo spazio fermo nel tempo, invasa dai mezzi di comunicazione. 

Uno spazio dominato da un totem sacrificale. 

Una lapide meccanica a cui la protagonista si aggrappa ostinatamente nella speranza di cancellare tracce, azioni, odori, ricordi, della persona amata. 

La sua condizione, ad uno sguardo distaccato, non può che svelare l'involontaria comicità dei nostri comportamenti, l'assurdità dei nostri processi interiori, condannando l'ipocrisia dei nostri rapporti sentimentali. 

Dal tragicomico al dramma. 

Dalla farsa alla tragedia. 

Questo esperimento teatrale ci dà l'opportunità per un dialogo contemporaneo con Cocteau sul buio esistenziale ed il vuoto interiore causati dall'amore.
Marco Carniti


--
www.CorrieredelWeb.it

Aspettando Godot Di Samuel Beckett Al Palladium Di Roma Tre

(A.A.) Prodotto dal Teatro Carcano di Milano nella stagione 2014/15, ASPETTANDO GODOT di Samuel Beckett ha per protagonista un formidabile terzetto di attori di grande valore e temperamento formato da Antonio Salines (Estragone), Luciano Virgilio (Vladimiro) e Edoardo Siravo (Pozzo). Accanto a loro nel ruolo di Lucky (in sostituzione di Enrico Bonavera) Fabrizio Bordignon e, nel ruolo del Ragazzo, Beniamino Zannoni.
La regia è firmata da Maurizio Scaparro, uno dei maestri della scena italiana e internazionale, alla sua seconda collaborazione con il Teatro Carcano dopo l’eccezionale exploit della Coscienza di Zeno della stagione 2012/13 e alla sua prima messinscena beckettiana. La critica, unanimemente entusiasta, ha definito lo spettacolo “umanissimo”, “tridimensionale”, “solare” ed ha lodato l’eccellenza degli interpreti e il delicato e suggestivo impianto scenico.
Scritto da Samuel Beckett tra la fine del 1948 e l’inizio del ’49, En attendant Godot, nelle parole di Jean Anouilh “un capolavoro che provocherà disperazione negli uomini in generale e in quelli di teatro in particolare”, fu considerato da molti una provocazione, un trucco, prima di essere universalmente accettato come opera d’eccezione. I due vagabondi protagonisti dell’opera, Vladimiro/Didi e Estragone/Gogo, sono diventati l’emblema della condizione dell’uomo del Novecento, essere in eterna attesa, vagante verso la morte, punto minuscolo nella vastità di un cosmo ostile, segnato fin dalla nascita (“partoriscono a cavallo di una tomba, il giorno splende un istante, ed è subito notte”, dice Pozzo).
Sento il peso, la responsabilità e l'emozione di mettere in scena per la prima volta un testo di Samuel Beckett e in particolare “Aspettando Godot” – scrive Scaparro nelle note di regia. Rileggo questo testo oggi e mi colpisce profondamente per le sue radici collegate alla millenaria e senza confini Cultura Europea, che noi stiamo colpevolmente dimenticando. Quelle creature deboli e immortali come Estragone e Vladimiro (e come Pozzo e Lucky), che vivono in una terra desolata aspettando Godot, che non arriverà mai, vivono in un lontano e vicino (a loro e a noi) '900 nel ricordo romantico di una Tour Eiffel che resiste come immagine e nell’aridità di un presente che esclude loro e quelli che vorrebbero cantare, ballare parlare, vivere … Vorrei poter idealmente dedicare questa nostra fatica all'Europa della Cultura, la grande dimenticata dell'Europa che viviamo; ma anche a quelle parole che Beckett sussurra quasi per caso, come “teatro”, “varietà”, “circo”.



Teatro Palladium - Università Roma Tre
Sito web: http://teatropalladium.uniroma3.it/
Prevendite: biglietteria.palladium@uniroma3.it; tel. 327 2463456 
http://www.liveticket.it/TeatroPalladium

Organizzazione e promozione Teatro Palladium: Music Theatre International
Ufficio stampa: Elisabetta Castiglioni
39 06 3225044 - 39 328 4112014 - info@elisabettacastiglioni




Al BRANCACCINO Ladyvette dal 27 aprile

Marioletta Bideri per Bis Tremila srl
presenta 
dal 27 al 30 aprile 2017
da giovedì a sabato ore 20.00-domenica ore 18.00

LADYVETTE
in 
LE DIVE DELLO SWING 
regia Massimiliano Vado

uno spettacolo di Teresa Federico, Valentina Ruggeri, Francesca Nerozzi, Giorgio Serafini Prosperi e Massimiliano Vado
composizione e musiche dal vivo Roberto Gori


Siamo in un freddo appartamento della Torino di metà anni' 30. 
Tre giovani sorelle sono impegnate ad imparare il napoletano per entrare nelle grazie della musica melodica italiana e raggiungere finalmente la celebrità.

Cosa bisogna fare per diventare il trio più famoso d'Italia?
Le tre ragazze si troveranno ad affrontare incontri difficili e situazioni surreali.

In un'atmosfera a tratti esaltante e a tratti malinconica lo spettacolo attraverserà continui colpi di scena fino a scardinare completamente tutti i presupposti iniziali, passando dalla drammaticità, all'ironia, alla comicità.

BRANCACCINO
Via Mecenate 2, Roma - www.teatrobrancaccio.it
Dal giovedì al sabato ore 20, domenica ore 18
Biglietto: 15,50 € - Card open 5 ingressi 55 euro

BOTTEGHINO DEL TEATRO BRANCACCIO Via Merulana, 244 | tel 06 80687231 | botteghino@teatrobrancaccio.it

UFFICIO PROMOZIONE tel 06 80687232 | promozione@teatrobrancaccio.it

Dal 26 aprile NON SU QUESTA TERRA di Francesco Errico al PACTA SALONE

Vetrina contemporanea

NON SU QUESTA TERRA

Dal 26 aprile uno spettacolo di Francesco Errico e Isabella Perego al PACTA SALONE



NON SU QUESTA TERRA di Francesco Errico e Isabella Perego, una produzione PuntoTeatroStudio, in scena dal 26 al 28 aprile 2017 al PACTA SALONE per la Vetrina contemporanea: la storia di Federico, un ragazzo adolescente, che un giorno decide di allontanarsi dalla società che lo circonda.

Un ragazzo, Federico, un giorno decide di allontanarsi dalla società che lo circonda. 

Lo fa cambiando prospettiva: la città, che prima guardava distrattamente da camera sua, ora viene osservata da un punto più alto, sconosciuto a tutti. Lo fa per ribellione, come tutti gli adolescenti della sua età, ma una volta lì sopra, tutto acquisisce un altro significato. 

Quella visuale panoramica gli dà la possibilità di seguire le vite dei suoi conoscenti e scoprire cose che mai avrebbe pensato. 

Il tutto ambientato in una città abitata da edifici abbandonati, clacson, figure inquietanti e problematiche sociali, ma anche amori, come Giulia, adolescente come lui, che come lui cerca la propria verità nella giungla metropolitana.

Gli attori si muovono su una scena composta di praticabili di diverse forme e dimensioni che simulano il rifugio urbano di Federico.

Rimbalzando continuamente dalla forma narrativa al dialogo diretto, i due attori conducono il pubblico all'interno della storia. 

"L'adolescenza risulta nello spettacolo un tema preciso ma allo stesso tempo universale poiché non viene mai raccontato o descritto in luoghi esistenti. - spiega il regista Francesco Errico - Fuga, accettazione della diversità e disobbedienza vengono qui guardati dalla prospettiva del protagonista e non più da quella dell'adulto, lasciando intravedere significati più profondi. Il personaggio di Federico rappresenta così il poeta, il riformatore sociale, che partecipa alla vita da una certa, necessaria distanza".

La Compagnia PuntoTeatroStudio (PTS) di Milano nasce ufficialmente nel luglio 2011, come Associazione culturale, dall'unione di attori professionisti e insegnanti di teatro, che già dal 2007 cominciarono a lavorare insieme in diversi spettacoli. Il gruppo si è consolidato negli anni e si è creata di fatto una vera e propria compagnia teatrale, grazie alla produzione di spettacoli e all'organizzazione di eventi culturali, aprendo collaborazioni proficue con altre realtà del territorio lombardo.

La Compagnia vanta al suo interno curricula di alto livello: i soci fondatori sono attori diplomati presso la scuola di teatro di Quelli di Grock di Milano. Ognuno ha intrapreso a latere altri percorsi formativi, che vanno a definire l'esperienza professionale della Compagnia.

Vetrina contemporanea
Gli ultimi spettacoli legati a questa vetrina contemporanea saranno in prima assoluta due produzioni PACTA . dei Teatri: dal 2 al 7 maggio 2017 STORIE DI INVERTEBRATI, scritto e diretto da Bruno Bigoni, con protagonista Riccardo Magherini, la vita di Lupo piena di desideri e sogni infranti, alla ricerca di una diversità che lo rende vivo e dal 14 al 25 giugno 2017 MARYLIN E LA SIGNORA IN GIALLO di Ileana Alesso e Gianni Clocchiatti, regia di Riccardo Magherini, con Annig Raimondi e Maria Eugenia D'Aquino, alla riscoperta di due miti.


PACTA SALONE
Dal 26 al 28 aprile 2017                                                       
Vetrina contemporanea
NON SU QUESTA TERRA
Di Francesco Errico e Isabella Perego
Con Salvatore Aronica, Rossella Guidotti
Regia Francesco Errico
Scenografia e costumi Francesca Biffi
Produzione PuntoTeatroStudio

DURATA 60'


INFO
PACTA SALONE
via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
MM2 P.zza Abbiategrasso-Chiesa Rossa, tram 3 e 15
Per informazioni: www.pacta.org - mail biglietteria@pacta.org - promozione@pacta.org - tel. 0236503740 – ufficio scuole: ufficioscuole@pacta.org
Orari biglietteria: via Ulisse Dini 7, 20142 Milano
dal lun al ven dalle ore 16.00 alle ore 19.00 - nei giorni di spettacolo: dal mar al sab dalle 16 – dom dalle 15
Biglietti: Intero €24 | Rid. Convenzioni €18 | Under 25/over 60 €12 | CRAL e gruppi €10 (min. 10 persone) | gruppi scuola €9 | Prevendita €1,50
Orari spettacoli ore 20.45



Marco Bolognesi: Il cortometraggio "Blue Unnatural" ospite di Future Film Festival (Bologna, 2 maggio) e Ibrida, festival delle arti intermediali (Forlì, 5 maggio)

MARCO BOLOGNESI
Blue Unnatural
13 minuti | Colore | Animazione | HD Stereo | ITA | 2017

Il cortometraggio dell'artista e regista Marco Bolognesi ospite del Future Film Festival (Bologna) e di Ibrida, festival delle arti intermediali (Forlì)

Future Film Festival
Bologna, Piazzetta Pasolini
2 maggio 2017, ore 23.00
Replica: 3 maggio 2017, ore 14.00

Ibrida, festival delle arti intermediali
Forlì, Sala Rossa
5 maggio 2017, ore 19.30


Luce blu e pioggia incessante, le astronavi sfrecciano nel cielo mentre i fasci di luce dei grandi robot guardiani pattugliano la terra. Manifesti di donne seminude e armate si stagliano sui palazzi inneggiando alla vittoria contro i "ribelli" a garanzia della pace. Sendai City wants you!
Dopo l'anteprima museale a Merano, Bologna e Napoli nell'ambito di "Sendai City", mostra antologica di Marco Bolognesi curata da Valerio Dehò, il cortometraggio "Blue Unnatural", nella versione definitiva (13 minuti, colore, animazione, HD Stereo, ITA, 2017), approda al "Future Film Festival" di Bologna e ad "Ibrida, festival delle arti intermediali" di Forlì.
La prima proiezione, nell'ambito della rassegna "Future Film Short", si terrà martedì 2 maggio 2017, alle ore 23.00, nella Piazzetta Pier Paolo Pasolini di Bologna, con replica mercoledì 3 maggio alle ore 14.00; la seconda proiezione di terrà venerdì 5 maggio 2017, alle ore 19.30, nella Sala Rossa di Forlì. Sarà presente l'autore.
«Marco Bolognesi – dichiara Valerio Dehò – è uno dei pochi, se non l'unico, artista visivo contemporaneo che lavora dentro l'universo cyberpunk. La sua narrazione parte da un tema classico della letteratura cyber: immaginare un mondo in cui c'è chi controlla e chi è controllato».
All'interno del cortometraggio si ritrovano molti dei personaggi che caratterizzano la produzione di Bolognesi – donne mutanti, robot e cyborg – ma il vero cuore dell'opera è la città stessa, fantascientifica e cyberpunk, un mondo dove la libertà personale è annullata e perseguita, dove la comunicazione propagandistica si nutre dell'ossimoro della pace armata e operai privi di identità lavorano in catena di montaggio per costruire donne blu pronte a distruggere chiunque si opponga alla legge delle multinazionali.
Punto di partenza, il cinema di Antonio Margheriti. Tributo ad un grande regista di genere le cui pellicole, soprattutto horror e sci-fi, hanno fatto scuola nel b-movie italiano ed internazionale. Le scene di esterni sono state girate ex novo utilizzando il moke-up della città (proprio come si faceva negli anni '60), con luci, mezzi volanti e pubblicità a schermo animate in post-produzione. 
Le scene di interni sono state realizzate a partire da piccole parti estratte dalle pellicole di Margheriti e rimontate in un mash-up complesso, stampato, fotogramma per fotogramma, sovra-dipinto a mano, digitalizzato e animato.
«Ho creato un mondo distopico – dichiara Marco Bolognesi – basato sulle "malformazioni" della nostra realtà come monito. Raccontare le proiezioni future di queste problematiche è discutere quelle contemporanee, concependo il fare politica dell'arte come analisi del sociale».
«L'universo in mutazione – conclude Valerio Dehò – vive le scorie del passato futuro, però ha in sé il germe di una forma evolutiva che si ripete. La saga continua, non termina qui, ci saranno altri episodi, altre avventure, altri blu da guardare e ricordare…».
Nelle giornate in cui sono previste le proiezioni di "Blue Unnatural" a Bologna e Forlì è, infatti, già in fase di lavorazione un nuovo cortometraggio di Marco Bolognesi in tre capitoli, nuovo tassello del Bomar Universe.
"Blue Unnatural" è la prima produzione del neo-nato Bomar Studio, realizzata in collaborazione con Abc (Bologna), Kunst Merano Arte (Merano), PAN (Napoli) e SetUp (Bologna).
Per informazioni ed approfondimenti: tel. 347 6785582, bomarstudio@gmail.com, www.marcobolognesi.co.uk, www.facebook.com/bomarstudio/.

Marco Bolognesi, artista multimediale la cui arte spazia dal disegno alla pittura, dal cinema alla fotografia e al video, nasce a Bologna nel 1974. Prima dei trent'anni, trasferitosi a Londra, vince "The Artist in Residence Award" all'Istituto Culturale Italiano dando così inizio ad una carriera internazionale: oltre a Londra, le sue opere sono esposte a Vienna, Salisburgo, Budapest, Miami, New York, Chicago e Singapore. 
Nel 2014, collaborando con il critico e curatore Valerio Dehò, inizia il multiarticolato progetto "Sendai City" che si sviluppa in tre mostre personali che si susseguono tra la fine del 2014 e la prima metà del 2015 presso il Kunst Meran, Abc a Bologna ed il PAN di Napoli. 
Sempre nel 2015 il curatore Massimo Scaringella lo seleziona per il padiglione "Perspectivas Italianas" della Bienal del Fin del Mundo in Cile ed in Argentina. Nel 2016, in occasione della Biennale Italia-Cina, parte del materiale di lavorazione del filmato d'animazione "Blue Unnatural" è presentato alla Plastik Factory di Pechino. 
Nel 2017, l'opera "Mock-up" è esposta nella collettiva "Our Place in Space" a Palazzo Cavalli Franchetti, Venezia. Mostra curata da Antonella Nota e Anna Caterina Bellati, in collaborazione con ESA - European Space Agency  e NASA.



PER INFORMAZIONI:
Bomar Studio
Via Imola, 13/a
40128 Bologna
T. +39 347 6785582

domenica 23 aprile 2017

25 aprile - De la bellezza le dovute lodi: concerto dell’Ensemble Baschenis - Primo incontro pubblico della Fondazione Alessandro Volta

"LA FONDAZIONE ALESSANDRO VOLTA INCONTRA"
PRIMO APPUNTAMENTO APERTO AL PUBBLICO

"De la bellezza le dovute lodi"
Concerto dell'Ensemble Baschenis
musica vocale e strumentale del XVI secolo al tempo dell'occupazione spagnola

Martedì 25 aprile, ore 18
Villa del Grumello, Como


Dopo il successo registrato nel 2016, anche quest'anno la Fondazione Alessandro Volta organizza, in concomitanza con le scuole della Lake Como School of Advanced Studies, "La Fondazione Alessandro Volta Incontra" , ciclo di incontri pubblici con a tema scienza, letteratura, arte e musica che vogliono celebrare il centesimo anniversario della cosmologia scientifica, a cento anni dalla pubblicazione dell'articolo di Albert Einstein "Considerazioni cosmologiche sulla teoria della relatività generale".

Il primo appuntamento del ciclo sarà il concerto di musica vocale e strumentale del XVI secolo al tempo dell'occupazione spagnola "De la bellezza le dovute lodi" con l'Ensemble Baschenis.

In particolare, verranno eseguite musiche di Claudio Monteverdi, Juan del Encina, Giovanni Giacomo Castoldi, Giorgio Mainerio, Cesare Negri, Orazio Vecchi, Sigismondo d'India e Vincenzo Galilei.

Il concerto si terrà giovedì 25 Aprile alle 18 a Villa del Grumello a Como, a margine del convegno su Giordano Bruno e Galileo.

Iscrizione gratuita su www.concerto25aprile.eventbrite.it

L'evento si inserisce nell'ambito della scuola "Filosofia e scienza nel rinascimento: da Giordano Bruno a lakecomoschool.org/Galileo Galilei" che si terrà dal 25 al 28 aprile a Villa del Grumello a Como.

La scuola è organizzata dal Centro Internazionale di Studi Telesiani Bruniani e Campanelliani «G. Aquilecchia – A. Segonds» di Cosenza insieme con il Warburg Institute di Londra, il Max-Planck-Institut für Wissenschaftsgeschichte di Berlino, il Centre d'Etudes Supérieures de la Renaissance di Tours, l'Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e l'Università dell'Insubria per riflettere sul valore interdisciplinare della conoscenza, in un momento in cui l'unità dei saperi viene sempre più minacciata dalla specializzazione e dalle leggi del mercato.
                    

ENSEMBLE BASCHENIS
L'Ensemble Baschenis prende il nome dal pittore bergamasco Evaristo Baschenis (1617-1677), considerato il maggior ritrattista di strumenti musicali in tutta la storia dell'arte figurativa. Fondato nel 1993 da Giorgio Ferraris, Marco Luca Capucci e Alessandra Milesi, svolge la sua attività nell'ambito della musica antica basando il lavoro su una rigorosa ricerca filologica della strumentazione, della prassi esecutiva e della rivalutazione del repertorio originale.

FONDAZIONE ALESSANDRO VOLTA
La Fondazione Alessandro Volta per la promozione dell'Università, della ricerca scientifica, dell'alta formazione e della cultura nasce il 1° gennaio 2015 dalla fusione di due storiche istituzioni lariane: il Centro di cultura scientifica Alessandro Volta e UniverComo – Associazione per la promozione degli insediamenti universitari in Provincia di Como".

È una realtà del tutto originale nel panorama italiano e internazionale, unisce a un'intensa attività di organizzazione di scuole, seminari e convegni scientifici una funzione di collegamento del mondo accademico e della ricerca con il tessuto culturale, economico e sociale del territorio.


LAKE COMO SCHOOL OF ADVANCED STUDIES
La "Lake Como School of advanced studies", istituita nel 2013 da Università dell'Insubria, Università degli Studi di Milano, Università di Milano Bicocca e Università di Pavia, mira a sviluppare sinergie nell'ambito del sistema della ricerca scientifica lombardo, con l'obiettivo di realizzare attività di formazione post universitaria rivolte soprattutto ai giovani ricercatori nel campo dei sistemi complessi.

L'Istituto gestisce programmi scientifici chiamati "scuole" che durano alcune settimane, workshop, conferenze e incontri che diventano un punto di incontro e di studio per ricercatori e scienziati.
La Lake Como School of advanced studies è supportata da Fondazione Cariplo.



Per informazioni:
www.lakecomoschool.org
www.fondazionealessandrovolta.it

Formia Film Festival 2017

FORMIA FILM FESTIVAL

Formia, 28 – 29 – 30 Aprile 2017

UNA tre giorni DI CINEMA, arte, emozioni,
MUSICA, incontri e riflessione
nella perla del BASSO LAZIO


Formia. Nella perla del basso Lazio è tutto pronto per il Formia Film Festival, una tre giorni di emozioni ed eventi all'insegna di cinema, arte, musica, incontri e riflessione. 

Il festival, ideato e diretto da Daniele Urciuolo avrà luogo a Formia (LT) dal 28 al 30 Aprile 2017, promosso dal Comune di Formia in collaborazione con Confcommercio Lazio Sud, Latina Film Commission, LUISS Creative Business Center, Leading Consulting ed altri.

GLI EVENTI. Molti i momenti che comporranno la rassegna nella città laziale, fatta di intelligente intrattenimento e di riflessione e approfondimento.

VENERDì 28 APRILE verranno proiettatati  i cortometraggi "IN CONCORSO", seguirà la  proiezione del film "FUORI CONCORSO" VIENI A VIVERE A NAPOLI di F. Prisco, E. De Angelis, G. Lombardi alla presenza di parte del cast.

Verrà inoltre consegnato il premio speciale al maestro Umberto Scipione, autore della colonna sonora del film Mister Felicità di A. Siani.

SABATO 29 APRILE dopo la presentazione Miss Spettacolo di Stefano Madonna, verranno proiettati cortometraggi "FUORI CONCORSO", tra gli altri alle 18:00 "STELLA AMORE di Cristina Puccinelli alla presenza di parte del cast e "L'INSONNE di Alessandro Giordani alla presenza di parte del cast. 

Infine vi sarà la Proiezione film "FUORI CONCORSO" LA PARRUCCHIERA di Stefano Incerti alla presenza di parte del cast.

DOMENICA 30 APRILE verranno proiettati i cortometraggi "IN CONCORSO", a seguire OMAGGIO A TOTò a cura di Aldo Manfredi uno spettacolo fatto di video, immagini, letture, sketch, ricordi, testimonianze, ospiti in ricordo del grande Maestro.

Verrà poi proiettato il cortometraggio "IN CONCORSO" ANNO NUOVO VITA NUOVA di Gianfranco Barra

Alle ore 21:00 infine seguirà la CERIMONIA DI PREMIAZIONE e la proiezione cortometraggio vincitore Formia Film Festival 2017.

I PROTAGONISTI DEL FESTIVAL. La prima interessante novità di questa edizione è Cristina Marino, l'attrice milanese (Amore 14, Maicol Jecson, Vacanze ai Caraibi, Tafanos, Un passo dal cielo 4, 1993) sarà infatti madrina e volto del Festival.

La conduzione è affidata per il secondo anno consecutivo a Emanuele Rauco, giornalista, critico cinematografico e selezionatore alla Biennale di Venezia.

La manifestazione ha visto, negli anni passati, la partecipazione di molti ospiti tra attori e registi e la proiezione di molte opere (cortometraggi, lungometraggi e documentari).

Quest'anno saranno presenti al festival grandi nomi del cinema italiano come le attrici e gli attori Valeria Solarino, Denise CapezzaLaura Adriani, Salvatore Misticone, Chiara Gensini, Dino Abbrescia, Susy Laude e molti altri ancora.

VI ASPETTIAMO LUNEDÌ 24 APRILE ALLE ORE 10:30 PRESSO LA SEDE CONFCOMMERCIO DI FORMIA IN PIAZZA GUGLIELMO MARCONI 8 (EX PIAZZA S. TERESA) - 04023 FORMIA DOVE SI TERRÀ SI TERRÀ LA CONFERENZA STAMPA DELLA TERZA EDIZIONE DEL FORMIA FILM FESTIVAL AD INGRESSO LIBERO.

Per il programma completo e ulteriori informazioni à www.formiafilmfestival.com

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI