CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

mercoledì 28 febbraio 2018

Teatro Palladium: Medea di Seneca secondo Walter Pagliaro (1-2-3 marzo)



 
Stagione artistica 2017/2018

Giovedì 1° marzo  - ore 18
Venerdì 2 marzo - ore 21
Sabato 3 marzo - ore 21


MEDEA di Seneca


Concerto per voci recitanti e fisarmonica

a cura di Walter Pagliaro

traduzione di Filippo Amoroso
con Micaela Esdra, Blas Roca Rey, Marina Zanchi, Riccardo Zini, Fabrizio Amicucci, Michele Ferlito
musiche di Germano Mazzocchetti
fisarmonicista Denis Negroponte
direttore tecnico Ilario Grieco
Teatro Palladium - Università Roma Tre
Piazza Bartolomeo Romano 8, 00154 Roma
Prezzi spettacoli: intero € 15 / ridotto € 10 / studenti € 5

"Nella Medea di Seneca, non c'è niente di realistico. Tutto ciò che in Euripide è concreto, familiare, realistico, in Seneca è totalmente mentale". Seguendo questo incipit drammaturgico, il regista Walter Pagliaro torna al Teatro Palladium di Roma – dopo il successo de "Il Pellicano" di Strindberg dello scorso anno per proporre una nuova versione di "Medea", tragedia su cui lavora da oltre vent'anni, precedentemente messa in scena al teatro della Villa di Roma, a Tindari e all'Olimpico di Vicenza, in un importante spettacolo prodotto dall'Associazione Teatro dei Due Mari.

Sempre più mi convinco – afferma Pagliaro -  che la sua genialità non sia nell'azione scenica, ma nella spettacolarità del pensiero e della parola. Questa nuova versione, che andrà in scena dall'1 al 3 marzo e sarà interpretata da un cast composto da Micaela Esdra, Blas Roca Rey, Marina Zanchi, Riccardo Zini, Fabrizio Amicucci, Michele Ferlito – musiche di Germano Mazzocchetti - verrà proposta in forma di oratorio drammatico: davanti a vuoti leggii, gli attori rivivranno infatti una storia mostruosa che da tempo conoscono ma di cui fanno fatica a prendere coscienza. 

Medea, nel prologo del dramma, invoca le forze infere perché l'aiutino a realizzare un crimine straordinariamente empio per vendicarsi di Giasone, che l'ha abbandonata e tradita per sposare la figlia di Creonte. Il più mostruoso dei delitti, lei lo ha già concepito; ma per realizzarlo ha bisogno che esso lambisca la sua razionalità, emergendo dagli strati più oscuri di una caotica personalità. 

La "Medea" di Seneca – continua Pagliaro - diventa così un lungo travaglio per portare alla luce una decisione che è già nell'istinto dell'eroina. La tragedia realizza, in modo sorprendentemente moderno, l'evoluzione di un pensiero che, non senza sofferenza, si chiarisce nella sua efferata crudeltà. L'uccisione dei figli, un crimine contro-natura, si fa strada nella testa di Medea, fra cedimenti e impennate di furore, pentimenti e sdoppiamenti di identità, finché il brivido della consapevolezza porta l'eroina a disconoscere paranoicamente quei figli, come non suoi ma della rivale, facendosi travolgere da una delirante allucinazione. "Medea nunc sum", al verso 940, infine, sancisce con disperata modernità quanto ormai il gesto di Medea sia alla portata della quotidianità. 

Lo spettacolo è realizzato in collaborazione e col sostegno dell'Associazione Gianni Santuccio.

Walter Pagliaro
Dopo il diploma come regista all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica e dopo la laurea in Architettura all'Università di Firenze, inizia la sua lunga e importante carriera come assistente di Giorgio Strehler. In seguito, è per anni tra i registi di punta del Piccolo Teatro di Milano, dove, grazie alle sue raffinate messinscene, si afferma come uno dei più sofisticati e originali artisti del teatro italiano. Come regista ha diretto importanti rappresentazioni di autori classici e moderni al Teatro Stabile di Genova, Teatro greco di Siracusa, Teatro Stabile di Torino, Teatro Stabile dell'Umbria, tra i molti teatri che lo hanno visto protagonista. Ha un'interessante carriera artistica anche come regista d'opera. Da molti anni è impegnato come docente in molte scuole di teatro in Italia e all'estero.

Micaela Esdra
Cresciuta alla scuola di Rina Morelli, è stata diretta in carriera da registi di primaria importanza come Giorgio Strehler e Luchino Visconti. Ha poi recitato con la direzione di Antonio Calenda e con Luca Ronconi, Massimo Castri e Guido De Monticelli interpretando intensamente autori come Sofocle, Euripide, Seneca, Racine, Cechov, Ibsen, Pirandello, Schnitzer. Attrice di cinema con diversi film all'attivo, ha doppiato attrici fra cui Kim Basinger, Sigourney Weaver, Jessica Lange, Melanie Griffith, Sharon Stone, Sandra Bullock e Jacqueline Bisset. In televisione ha preso parte a numerosi sceneggiati tra cui Incantesimo.


Prevendite: tel. 327 2463456 (orario 10:00-13:00 / 15:00 – 20:00)



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *