Cerca nel blog

sabato 31 ottobre 2015

Al Teatro Verdi di Milano "Terra Matta" in scena dal 3 al 7 novembre (e in ripresa dal 3 al 6 marzo 2016) in occasione della celebrazione della firma dell’Armistizio del 4 novembre 1918.

Dal 3 al 7 novembre 2015
(e dal 3 al 6 marzo 2016)

TERRA MATTA
dall'opera letteraria “Terra Matta” di Vincenzo Rabito - Giulio EINAUDI Editore


regia Stefano Panzeri, luci Giuliano Almerighi, con Stefano Panzeri
produzione Teatro del Buratto 


4 novembre 1918: firma dell’armistizio di Villa Giusti – fine della Prima Guerra Mondiale

Uno spettacolo/monologo, Terra Matta, nuova produzione 2015 del Teatro del Buratto, tratto dall’omonimo libro pubblicato da Einaudi nel 2008.
“Terra Matta” è una straordinaria autobiografia.

Terra Matta è un libro di memorie scritto in un italiano inventato da Vincenzo Rabito, un ragazzo del ’99, un ex bracciante siciliano semianalfabeta, scritto in sette anni tra il 1968 e il 1975 su una vecchia Olivetti.

Composto da 1027 pagine a interlinea zero, senza lasciare un centimetro di margine superiore né inferiore né laterale, nel tentativo di raccontare tutta la sua «maletratata e molto travagliata e molto desprezata» vita.

Un'esistenza guerreggiata quella di Rabito, passata attraverso le trincee della Prima guerra mondiale, le bombe della Seconda, il «rofianiccio» del Ventennio, il flagello di una suocera terribile, la fame atavica del Sud contadino, l'improvviso benessere della «bella ebica» del boom economico, e infine una privatissima ed estrema battaglia per consegnare ai posteri quest'autobiografia.

L’opera è rimasta ignota per vent'anni, è stata riscoperta solo anni dopo la morte dell'autore, e a oltre vent'anni dalla sua redazione.
E’ oggi custodita presso l’ Archivio Diaristico Nazionale di Pieve Santo Stefano:
http://archiviodiari.org/index.php/component/hikashop/product/64-vincenzo-rabito.html

«Cinquant'anni di storia italiana patiti e raccontati con straordinaria forza narrativa. Un manuale di sopravvivenza involontario e miracoloso».
Andrea Camilleri

Lo spettacolo Terra Matta si ferma, per ora, alla fine della Prima Guerra Mondiale, alla firma dell’Armisitizio del 4 novembre 1918.

Note di regia

“Terra Matta”, affascina chiunque abbia la pazienza di resistere allo shock del lessico e della grammatica strana, all’inizio quasi incomprensibile; coinvolge come un diario personale e al contempo come un grande documentario, restituendo la sensazione di vivere il “dietro le quinte“ di avvenimenti che segnano con la loro importanza la nostra storia.

Vincenzo non solo cattura con la bellezza della sua storia, ma arriva a sfidarti con le sue parole e la sua “presenza”, con una lingua a volte, almeno per un lombardo-veneto come me, che diventa gramelot, e con racconti straordinariamente avvincenti in cui si ride e ci si commuove; Vincenzo ti regala immagini vive e già teatrali sulla carta e ti mostra, con franca saggezza popolare, l’essenza dell’italiano, il suo rapporto con lo Stato e con il bene comune, quel misto di eroismo e menefreghismo che ci contraddistingue spesso ancora come popolo.

Narrare in prima persona la vita di Vincenzo e le sue avventure (un personaggio a metà tra un Don Chisciotte e uno Zanni) mi sembra interessante, oltre che come approfondimento didattico (lo spettacolo è pensato per un pubblico anche scolastico) e come occasione per celebrare la ricorrenza dello scoppio del primo conflitto mondiale, anche perché i primi anni della vita di Vincenzo sono quelli più freschi, più esuberanti e perché dipingono una realtà che per certi versi non è lontana dalla nostra di oggi: penso alla silenziosa incombenza di un conflitto bellico internazionale, alla crisi, alla necessità sempre più impellente di trovare nuovi mezzi di sostentamento. Inoltre, quando propongo questo lavoro nelle scuole, mi piace l’idea che sia un ragazzo del ’99 a raccontare la sua vita e la Storia ad un altro ragazzo del’99 (o quasi), facendo con le parole, le Sue parole, un balzo lungo un secolo.

(Stefano Panzeri)



Spettacolo inserito in INVITO A TEATRO

Info e prenotazioni:
Teatro Verdi, Via Pastrengo 16, Milano
Tel: 02 6880038 - 02.27002476 – prenotazioni@teatrodelburatto.it
Prezzi: 20/14/10 euro

http://www.teatrodelburatto.it/teatroverdi

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI