CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

giovedì 3 maggio 2018

Teatro: "SULLO STRESS DEL PICCIONE" di Giovanni Anzaldo. Spazio Diamante, 11-13 maggio 218

SPAZIO DIAMANTE
11 – 12 - 13 maggio
venerdì e sabato ore 21; domenica ore 18
Sullo stress del piccione
Testo e regia di Giovanni Anzaldo

Con
Giovanni Anzaldo, Luca Avagliano, Francesca Mària, Giulia Rupi


Musiche originali di Tommaso Andreini
Scenografie di Giovanni Rupi
Luci di Martin Emanuel Palma
Foto di scena Barbara Ledda

Produzione Sycamore T Company

Dall'11 al 13 maggio, allo Spazio Diamante, va in scena Sullo stress del piccione, interessante spettacolo scritto e diretto da Giovanni Anzaldo, giovane e già affermato interprete della scena teatrale e cinematografica italiana.

Un'istantanea ironica e spregiudicata della società odierna, di una generazione persa tra un bicchiere di vino e un pezzo di cuore, dei giovani di oggi smarriti nelle loro giornate, nelle loro solitudini, nei loro silenzi o dialoghi.

Alessio, Stefano, Laura e Simona sono quattro ragazzi che sognano di dare una svolta alla propria vita. Ognuno di loro spera di poter cambiare la propria esistenza fatta di dubbi, insicurezze e dei più disparati eccessi. Un venerdì sera li farà incontrare nel solito bar dove si scopriranno simili nelle loro paure, nei loro incubi ricorrenti. 

Qualcuno sogna l'amore, qualcun'altro il successo; così diversi eppure così simili, figli di una stessa generazione. Sembrano essere tutti così i loro coetanei, quei quasi trentenni che continuano a muovere la testa da una parte all'altra senza una meta, costretti a vivere i propri giorni con automatismo, non trovando mai la direzione giusta. "Sullo stress del piccione" è la storia di quattro giovani che accelerano il passo di fronte al pericolo anziché spiccare il volo verso il cielo.

Sottolinea Giavanni Anzaldo nelle note di regia- "Mi è capitato più volte di trovarmi di fronte a situazioni paradossali, serate in cui avrei voluto avere una telecamera e filmare quanto stavo vivendo. Non avendo la padronanza del mezzo mi sono limitato a registrare tutto nella mia testa e a riportare quanto avevo visto sul palco. E' così che sono nati questi quattro personaggi: in un mix di incontri e percorsi di vita. Qualcuno ha il naso di un amico, la bocca di una conoscente, il respiro di un parente e i pensieri di uno sconosciuto, ognuno è a suo modo "reale". Per questo posso dire che il personaggio di Alessio esiste veramente, così come quello di Laura, di Simona e di Stefano. Certo, alcuni elementi sono stati ingranditi per facilitarne la finzione scenica, ma le macchie sono le stesse, gli è stata solo messa una lente sopra. Mi interessava indagare su un concetto che ho molto a cuore: il caos. Non a caso le scene di questo spettacolo nascono dalla confusione, da un rumore di voci in sottofondo, da una richiesta di birra, una sigaretta accesa, il rumore di una sniffata,  un pianto, un riso isterico. Nessuno comunica davvero con l'altro, i dialoghi non servono a nulla se non a ingigantire la solitudine che circonda i protagonisti. L'unico momento in cui si parla davvero è quando si è soli con se stessi. La statua di un Cristo sorridente è al centro della scena e della vicenda. Tutti, più o meno direttamente, si rivolgono a lui, confusi, disorientati, spauriti. Un Cristo con cui ci si può rapportare da pari a pari, un Cristo più volte nominato, a cui verranno fatte delle richieste impossibili, un Cristo che non risponde perché non ha voce, perché è ridotto ad un'opera da esporre in salotto o perché semplicemente preferisce non esprimersi. Questo Cristo sorride e strizza l'occhio, ma a guardarlo bene fa un po' di tristezza. Vorrei, in sintesi, raccontare un disagio, e vorrei farlo come se fosse una barzelletta perché, alla fine, "Sullo stress del Piccione" è come quell'amico ubriaco che, ridendo, ti confida di essere infelice."


In scena, oltre allo stesso Anzaldo, Luca Avagliano, Francesca Mària, Giulia Rupi ad abitare gli elementi scenografici di Giovanni Rupi e le luci di Martin Emanuel Palma.

Da questo spettacolo è nato l'omonimo cortometraggio presentato durante la "Dodicesima Edizione della Festa del Cinema di Roma", prodotto da Rb Produzioni e distribuito da Premiere Film, ora in circolazione per i maggiori festival nazionali ed internazionali.

INFO
Spazio Diamante
via Prenestina 230 B– Roma
Biglietti: Intero 14€ + 2 € di prevendita
Ridotto 11,5 €
Info. Tel 06.6794753
Il botteghino aprirà 1 ora prima della spettacolo

Prevendita:
Botteghino di Teatro Sala Umberto, via della Mercede 50 – Roma
Botteghino di Teatro Brancaccio, via Merulana 244 – Roma


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *