CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

mercoledì 10 maggio 2017

Dall'11 al 14 maggio al Teatro Porta Portese "Casanova a Londra, l'ultima avventura di un grande seduttore".

La pièce, di cui sono autori Grazia Melai e Stefano Martinelli, è ispirata a un episodio delle memorie di Giacomo Casanova, e rievoca un'avventura -o meglio, una disavventura - sentimentale che il celebre seduttore ha vissuto a Londra, dove era approdato dopo un lungo girovagare in Europa, e infinite traversie, nel 1763.

Vincenzo Martinelli, un connazionale (anch'egli una figura realmente esistita, letterato e storico di una certa fama) lo introduce nella società londinese, dove Casanova conosce Marianne, una bellissima giovane, figlia di una donna - Carol - che Casanova aveva conosciuto molti anni prima a Parigi, e di cui a malapena si ricorda. A Parigi Carol si era invaghita di lui ma Casanova, impegnato in quel periodo in un'altra conquista femminile, non aveva approfittato della sua disponibilità. 

E Carol – ormai una donna senza scrupoli - non ha dimenticato questa ferita inferta al suo amor proprio. Casanova si innamora perdutamente della giovane Marianne, che, lusingata,  cede apparentemente, alla sua corte e ai suoi desideri; ma al momento cruciale non può concedersi perché si trova a letto, pressoché corazzata in un'impenetrabile bardatura – impostale dalla madre Carol, che Casanova non riesce a infrangere. La cosa si ripete più volte: la fanciulla si giustifica per questo con la stretta sorveglianza di sua madre. 

Il comportamento della giovane conduce infine all'esasperazione il grande seduttore, tanto più quando questi inizia a sospettare che Marianne possa avere un amante, un giovane parrucchiere, al quale viceversa forse si concede senza problemi. Disperato, Casanova decide di uccidersi gettandosi nel Tamigi con le tasche piene di sassi: il fallimento comporta, infatti, per l'irresistibile dongiovanni, una crisi psicologica, una sorta di tracollo esistenziale insopportabile. 

È la prima volta che una donna gli si nega, ed egli comincia ad avvertire l'ombra nera della vecchiaia. Lo salva dal suicidio Martinelli - che è innamorato senza speranza e senza le sostanze necessarie di Carol - il quale convince l'avventuriero a sedurre finalmente Marianne con uno stratagemma. 

A Londra, infatti, esiste un particolare bordello diretto da Madame Giselle nel quale, mascherate, si concedono agli uomini donne rispettabili e insoddisfatte. Martinelli convince quindi Marianne a mascherarsi e a concedersi in questo modo, a Casanova, sfuggendo alla stretta sorveglianza materna e del Conte che la protegge come sua giovane amante.  

Tutto va come ha previsto Martinelli, se nonché, dopo l'amplesso così a lungo desiderato, la donna si toglie la maschera: non è Marianne, ma Carol, che così si è vendicata dello smacco subito a Parigi, beffando il grande seduttore.

La commedia è stata scritta a quattro mani da Grazia Melai - che è attiva nell'ambiente teatrale da molti anni, ed ha rappresentato recentemente a Firenze due sue opere:- "Il leone nero" e "Noi lo chiamavamo amore" - e Stefano Martinelli, docente di Storia contemporanea all'Università di Firenze, autore del romanzo, "Come sono le donne", da cui è stata tratta l'omonima pièce, messa in scena qualche anno fa, e di una "commedia con musiche", "Polly ovvero l'opera del milionario", interpretata con successo da Maria Cassi presso il Teatro del sale. di Firenze. 

Le musiche e le canzoni originali (che propongono Casanova a Londra come una commedia in musica) sono di Danilo Pace con i testi di Tonino Tosto che firma anche la regia.

Il cast: Giacomo Casanova  (Danilo Brugia), Carol (Susy Sergiacomo), Vincenzo Martinelli  (Michele Carfora), scrittore (Tonino Tosto), Marianne (Titti Cerrone), menestrello/parrucchiere (Michele Montesano), Conte (Gino Auriuso), Ketty (Jessica Agnoli), Madame Giselle (Flavia Di Domenico).

Dall'11 al 14 maggio
Ore 21 (domenica ore 18.30)
Teatro Porta Portese
via Portuense, 102 - Roma
Ingresso 15 + tessera
Infoline 3357255141

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *