CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

sabato 4 febbraio 2017

La danza di Silvia Bertoncelli in prima nazionale all'Astra

Lo spettacolo, in scena sabato 11 febbraio per la rassegna "Terrestri 16/17", è inserito anche nel cartellone di "Corpo a Corpo", il progetto condiviso tra Astra, Bixio e Comunale.

Una produzione Naturalis Labor, firmata dalla giovane coreografa e danzatrice attiva a livello internazionale, sul palco con Valentina Dal Mas, Stefano Roveda e Paolo Ottoboni.


(Vicenza, 4.02.2017) Al Teatro Astra è in arrivo la danza contemporanea d'autore con un appuntamento d'eccezione: Silvia Bertoncelli, giovane e talentuosa coreografa e danzatrice della compagnia Naturalis Labor di Luciano Padovani, ha infatti scelto il palcoscenico vicentino per presentare in prima nazionale il suo ultimo lavoro, "WHERE WE FORGOT. THE GARDENERS"

L'appuntamento è per sabato 11 febbraio (ore 21) all'interno della rassegna "Terrestri 16/17" curata da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale per il Comune di Vicenza con il sostegno di Ministero dei Beni Culturali, Regione Veneto e Provincia di Vicenza. Lo spettacolo è inserito anche nel cartellone di "Corpo a Corpo", il progetto che riunisce gli appuntamenti di danza e teatro fisico dell'Astra, del Bixio e del Teatro Comunale.

Sul palco insieme a Valentina Dal Mas, Stefano Roveda e Paolo Ottoboni, Silvia Bertoncelli firma e dirige una coreografia a quattro voci che ruota intorno alla ricerca della grazia. "L'esigenza di sentire, di percepire qualcosa come una grazia così spesso estranea al presente, una grazia di cui poter respirare – spiega l'artista –: dove trovare una suggestione per immaginarla? Forse in un mondo lontano, nell'epoca in cui l'Europa fioriva nei suoi giardini. 

Come se a separarci da quel tempo non fossero i secoli trascorsi, ma solo l'oblio di una dimenticanza. Così possiamo immaginare di venire rapiti con la nostra sensibilità in un'epoca estraniante. Che ne è per noi della grazia? Lo spettacolo è un percorso in cui le sensibilità collidono e le epoche collassano le une sulle altre, e la grazia si rivela in un sospiro, un fulgore: abbagliante".

Musiche di Gyorgy Ligeti, Ben Frost e Colin Stetson, costumi di Chiara Defant, scenografia di Silvia Bertoncelli e Paolo Ottoboni, anche autori delle luci insieme a Claudio Modugno.

Già allieva di Carolyn Carlson all'Accademia Isola della Danza di Venezia, Silvia Bertoncelli ha lavorato in Italia e all'estero per compagnie come Abbondanza Bertoni, Ersiliadanza di Laura Corradi, Arearea di Roberto Cocconi, Lubbert Das di Nicoletta Cabassi, Compagnia Blicke di Strasburgo. 

Un percorso da interprete che nel 2010 si intreccia con quello del coreografo portoghese Rui Horta, di cui diventa assistente, partecipando alle produzioni della Rui Horta Dance Company. Con il solo "Danza preparata" creato per lei da Horta, attraversa i più importanti festival europei. Parallelamente, dal 2003 intraprende un proprio percorso compositivo firmando le coreografie degli spettacoli "Hansel&Gretel" (2003), insieme a Giorgio Gobbi, "La coda dell'occhio" (2006), quartetto premiato al festival "Percorsi d'Autore" a Venezia, il duo "Chicken" (2007), insieme a Marta Bevilacqua, il duo "Paper-Wall" (2008), premiato al concorso Danz'è di Rovereto, e "30 Watt" (2012). Dal 2013 collabora con la compagnia Naturalis Labor firmando la regia e le  coreografie di "Naveneva" (2013), "La Guerra Granda delle donne" (2015), "Oro d'ore" (2016).

Biglietti €15 l'intero, € 12 il ridotto, in prevendita presso l'Ufficio del Teatro Astra e in vendita la sera di spettacolo al botteghino del teatro a partire dalle ore 20. Ancora disponibili fino al 17 febbraio gli abbonamenti parziali (5 spettacoli a scelta libera) a € 65 l'intero e € 55 il ridotto. Disponibili da oggi anche le Astra Card: 3 ingressi a € 33, da usare per uno o più spettacoli a scelta. 
 
Biglietti e abbonamenti sono prenotabili anche telefonicamente oppure on-line dal sito del Teatro Astra; sono acquistabili on-line o presso l'Ufficio del Teatro Astra (Contrà Barche 55) con i seguenti orari: dal martedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17.45.

Informazioni per il pubblico: Ufficio Teatro Astra, Contrà Barche 55 – Vicenza; telefono 0444 323725, info@teatroastra.it, www.teatroastra.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *