CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

lunedì 29 febbraio 2016

8/20 marzo - SIGNORINETTE Le donne si guardino dal lasciar tracce di rossetto sulle schede


Per ricordare il 70° anniversario del primo voto alle donne (1946/2016)
Da martedì 8 a domenica 20 marzo
al TEATRO TOR DI NONA
(via degli Acquasparta, 16 - Roma) 
l'Associazione Culturale Musicale Beat 72
presenta
SIGNORINETTE
Le donne si guardino dal lasciar tracce di rossetto sulle schede
di e con
Tiziana Avarista, Carmen Giardina, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini 
regia di
Nuccio Siano


Quattro italiane di oggi raccontano le battaglie e le vittorie delle italiane di ieri, con uno spettacolo che - a 70 anni dal suffragio universale - parla della grande avventura del voto alle donne in Italia.

"Stringiamo le schede come biglietti d'amore. Nelle lunghe file davanti ai seggi, le conversazioni che nascono tra uomo e donna hanno un tono diverso, alla pari" - racconta la giornalista Anna Garofalo. 

Mentre un fantomatico Vademecum dell'Elettore annota premurosamente: "Le donne si guardino dal lasciar tracce di rossetto sulle schede!"

E' il 2 giugno del '46. Tutto il popolo italiano è chiamato alle urne con suffragio universale, per scegliere fra Monarchia e Repubblica ed eleggere i membri dell'Assemblea costituente: per la prima volta, 12 milioni di donne italiane possono votare e essere elette.

Il paese è devastato da caos e povertà. La disoccupazione è alle stelle. Il divario fra nord e sud è catastrofico. 

 Interi quartieri sono in macerie. Eppure nell'aria c'è un'energia nuova, carica di speranze, di promesse e di avventura.

Signorinette - che nel titolo evoca il sapore di cipria e profumi di tanti fotoromanzi, rotocalchi e film d'antan (l'indimenticabile Luigi Zampa in testa) - vuole, innanzitutto, raccontare questa speranza e questa avventura. 

Un invito a ritrovare, nel buio della crisi che stiamo vivendo, la luce di tante lotte e di tante conquiste che fanno parte della nostra storia e possono ancora contribuire a disegnare il nostro futuro.

Su 556 deputati eletti, 21 furono donne. Quattro di loro entrarono nella "Commissione dei 75" incaricata di scrivere la Carta Costituzionale: la Democristiana Maria Federici (Fondatrice dell'ANFE Associazione Nazionale Emigrati), la socialista Lina Merlin e le comuniste Teresa Noce e Nilde Jotti.

Le loro biografie, la loro passione politica, l'efficacia delle loro azioni in quel parlamento sono davvero entusiasmanti: alcune di loro hanno origini umilissime, quasi tutte hanno combattuto in prima persona durante la resistenza, alcune imprigionate, hanno fondato giornali, sono state protagoniste nei sindacati, tra i partiti, hanno avuto figli, mariti, amori. 

Si sono battute per la parità salariale, per la tutela della maternità , per la cancellazione dell'N.N. dai documenti anagrafici, per l'equiparazione dei figli adottivi a quelli legittimi, per la partecipazione all'amministrazione della giustizia, contro un'immagine della donna che la voleva remissiva moglie e madre. 

Senza mai rinunciare a se stesse e non smettendo mai di lottare per ciò in cui credevano, queste donne ci hanno dato la possibilità di vivere in una democrazia, traducendo in diritti il sogno di una vita.

Attraverso un lavoro di ricerca durato più di un anno Tiziana Avarista, Carmen Giardina, Anna Maria Loliva e Federica Marchettini hanno selezionato articoli di giornali e riviste dell'epoca, foto, canzoni e cinegiornali che raccontano cosa accadde nel momento del fatidico primo voto alle donne e quale fu il lavoro delle madri costituenti. 

E' stato un percorso emozionante, un viaggio nella memoria, tra ricordi personali e collettivi. Lo spettacolo vuole provare a essere un ritratto vivo dell'Italia del '46 raccontata dal punto di vista delle donne, immergendo il pubblico nell'atmosfera straordinaria di quei giorni, vibrante di speranze e di azioni, appassionata e coinvolgente. 
La loro avventura. La nostra storia.

Potete aiutarci a raccontarla online postando video e foto d'epoca delle donne della vostra famiglia e delle protagoniste di allora che più amate sulla pagina FB dello spettacolo:  
 www.facebook.com/pages/Signorinette/619870188056723?fref=ts



BIGLIETTI: € 10,00 / € 8,00

ORARIO: mar/sab h 21.00 dom h 17.30
Per info e prenotazioni: 067004932
Per le scuole: 393.3332604

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *