Cerca nel blog

giovedì 18 febbraio 2016

Ci sono gli italiani tra i primi posti del turismo sessuale.

Roma - In queste ultime settimane si è tornati sparlare molto intensamente di diritti civili e unioni gay . Si è ampiamente sbandierato come unica "famiglia tradizionale" quella composta da uomo e donna. Ma cosa c'è di "sano" nelle famiglie date per esclusive ? Poco e nulla. Tutti siamo esseri umani e tutti indistintamente potremmo risultare ottimi o pessimi genitori, indipendentemente dal gusto sessuale. Prendiamo ad esempio ( da uno studio accurato , fatto dalle più importanti agenzie statali europee a tutela dei minori e per l'infanzia ) il turismo sessuale nei maggiori paesi con il più alto numero di povertà sociale. Sono gli europei , con a capo gli italiani a fare assiduamente questo tipo di "viaggi del piacere proibito".

Questo è un dato non una polemica o una presa di posizione per questa o quella parte. Tanti uomini, mariti , padri di famiglia vanno in segreto in cerca di queste vergognose e tristi realtà. Ma andiamo ad indagare meglio proprio a questo dato raccapricciante diffuso da Uniceff.
Il crescere del turismo di massa e dei voli a basso costo, rendono alla portata di molti un viaggio verso mete esotiche e lontane dal proprio Paese. Ma non tutti i viaggiatori hanno intenzioni solo culturali. Dall'ultimo rapporto reso noto dall'Ecpat Italia (l’organizzazione che in 70 Paesi del mondo lotta da sempre contro lo sfruttamento sessuale dei bambini) si viene a scoprire che gli italiani sono ai primi posti come clienti di bambini fatti prostituire in Paesi del Terzo Mondo. 

Negli ultimi anni, dati alla mano, Ecpat denuncia che proprio gli italiani hanno scalato pesantemente i primi posti di questa terribile "classifica", in Repubblica Dominicana, Colombia, Brasile. "Se prima in alcuni Paesi eravamo fra le prime 4-5 nazionalità, oggi siamo i più presenti in Kenya", spiegano Ecpat e Fiab che hanno lanciato la campagna che partirà domenica in 29 città "Un altro viaggio è possibile", per chiedere che i mondiali di calcio in Brasile siano a "impatto zero sui bambini". 
L'identikit del mostro  - Secondo l'identikit del turista che va in cerca di sesso con minori realizzato da Ecpat l'età media si è abbassata (tra i 20 e i 40 anni); possono essere sposati o single, maschi o femmine (anche se la maggioranza sono maschi) stranieri o locali, ricchi o turisti con budget limitato. Possono avere un alto livello socio-economico o provenire da un ambiente svantaggiato. Lo studio distingue i turisti sessuali in tre distinte categorie: quelli occasionali (spesso in quel Paese per lavoro) sono la maggioranza ; poi ci sono i turisti abitudinari che acquistano residenze che abitano in alcuni periodi dell'anno; e i pedofili.
Le ragioni - I motivi che inducono un turista sessuale ad andare alla ricerca di sesso da bambini e adolescenti per Ecpat sono diversi: tra questi "l'anonimato e l'impunità", ma anche la ricerca di nuove esperienze: classico di un "consumismo sessuale"; la discriminazione che sconfina nel razzismo; la difficoltà nello stabilire rapporti paritari con le donne; la falsa credenza che fare sesso con bambini sia a minor rischio Aids". Secondo stime dell'Organizzazione mondiale del turismo ogni anno almeno 3 milioni di persone partono per viaggi a scopo 'sessuale'. Un sesto di loro, tra quelli che arrivano in America Latina e nei Caraibi, è a caccia di bambini o adolescenti.
I Paesi a rischio - Il Kenya è tra i paesi più a rischio: da 10.000 a 15.000 bambine che vivono nelle aree costiere di Malindi, Mombasa, Kalifi e Diani sono coinvolte nella prostituzione occasionale - fino al 30% di tutte le bambine fra i 12 e i 18 anni che vivono in quelle zone. Fra 2.000 o 3.000 bambine e bambini sono inoltre coinvolti nel mercato del sesso a tempo pieno. In Kenya, un rapporto Unicef, rileva che il 38% dei clienti dei minori fatti prostituire sono locali, seguiti dagli occidentali: italiani 18%; tedeschi 14%; 12% svizzeri; 8% francesi. Zone chiave: le province costiere di Malindi, Kilifi, Mombasa e Kwale. Anche la Repubblica Dominicana è a forte turismo sessuale: si stima ci siano almeno 25 mila bambini sessualmente sfruttati. La gran parte dei clienti sono locali. La percentuale di turisti e stranieri si aggira attorno al 15%. I paesi di origine più presenti, secondo le stime di Ecpat, sono Canada, Stati Uniti, Italia, Germania e Francia ed alcuni Paesi dell'Est Europa come Russia ed Ucraina.

- Marco Nicoletti  ©2016 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI