CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

lunedì 15 febbraio 2016

La bisbetica domata: Mimmo Strati celebra Skakespeare con intelligente ironia a quattrocento anni dalla sua morte.

Tra il 1593 e il 1594 Londra fu colpita da un'epidemia di peste e, per evitare il contagio, la regina ordinò che venissero chiusi i teatri. Proprio in quegli anni William Shakespeare, il più grande drammaturgo di tutti i tempi, fece perdere le proprie tracce generando un mistero che gli studiosi non sono ancora riusciti a risolvere. Mimmo Strati, uno dei doppiatori italiani più affermati, prova a dare una risposta all'interrogativo sulla vita del bardo e omaggia Shakespeare, a 400 anni dalla sua morte, immaginandolo in giro per la campagna inglese con la Compagnia del Conte di Pembroke, alla ricerca di luoghi in cui creare la propria arte ed esibirsi. 

Con "La bisbetica domata", in scena fino al 23 febbraio, prende vita l'ultima parte della trilogia shakespeariana voluta dStrati che, con la Compagnidei Bardi, nei due  anni precedenti ha portato in scena, sempre al Teatro delle Muse di Roma, "Romeo e Giulietta" e "Sogno di una notte di mezza estate". E ancora una volta, anche la commedia più rappresentata di Shakespeare, come gli altri due lavori, sta riscuotendo grande successo di pubblico.

"La bisbetica domata" è una storia fatta di travestimenti ed equivoci dove l'amore è soggetto alle regole ferree dei matrimoni, spesso  combinati per interesse o prestigio delle famiglie.  La storia prende le mosse dall'allestimento di uno spettacolo che la Compagnia del Conte di Pembroke sta mettendo in scena. L'arrivo di un vecchio ubriacone,  al quale gli attori decidono di giocare uno scherzo, scombina il copione dando alla storia una direzione diversa da quella voluta dall'autore. 

Protagoniste della storia messa in scena sono le sorelle Caterina e Bianca, tanto "bisbetica" la prima quanto dolce e bella la seconda. La strada per "la mano" di Bianca però passa attraverso quella di Caterina che il padre, Battista, decide di maritare per prima. E mentre Petruccio è l'unico che si fa avanti per sposarla, Bianca è contesa da ben tre pretendenti che attraverso l'inganno e il travestimento cercheranno di conquistare il suo cuore. 

In perfetto stile "Bardi Storytellers" le due ore di rappresentazione scorrono velocemente grazie al taglio comico e dissacrante che il regista impone allo spettacolo. Un lavoro di regia minuzioso e delicato che ha permesso, con scarne scenografie, di trasportare il pubblico in più luoghi ma soprattutto ha regalato un perfetto equilibrio a quel teatro nel teatro tipicamente shakesperiano. Si sa, le commedie del Bardo sono molto attuali ma nell'adattamento di Strati non mancano riferimenti alla contemporaneità che inevitabilmente strappano risate e applausi al pubblico. 

Ad affiancare Strati in questo ottimo lavoro, oltre alle sue due piccole figlie, Chiara e Sofia, i suoi compagni di viaggio: Cesare Cesarini, sorprendente nei panni di Petruccio, e Anita Pusceddu, convincente nelle vesti di Battista, padre delle due fanciulle. Non meno importanti Francesco Trifilio e Claudio Zaccaria che abbiamo già avuto modo di apprezzare nelle altre rappresentazioni. Una buona e convincente prova per tutti gli attori della compagnia: Chiara Alivernini, Francesco Falco, Tommaso Moro, Armando Bottaro,   Alessandro Ierman,   Danilo Mustafà,  Michela Aloisi Sarah Scola, che hanno soddisfatto le aspettativgenerate da un titolo importante come "La bisbetica domata".

FEDERICO LAROSA


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *