Cerca nel blog

venerdì 12 febbraio 2016

Catania: "Family Day" al Piccolo Teatro della Città

Family Day di Nicola Alberto Orofino

Family Day  puntata 1: Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò, ideato e diretto da Nicola Alberto Orofino, andrà in scena al Piccolo Teatro della Città (Via F. Ciccaglione, 29 Catania )  da Venerdì 19  Febbraio ore 21.00.  Con Alessandra Barbagallo, Francesco Bernava, Egle Doria, Alice Ferlito, Rita Salonia.

La famiglia tradizionale italiana.
L'immagine che comunemente si ha di una famiglia tradizionale perfetta. Il rapporto fra la famiglia tradizionale italiana e la società di oggi. La degenerazione dei legami fra i membri stessi di un nucleo familiare. I cambiamenti relazionali in rapporto alla crisi economica e identitaria della società italiana.

La nascita di nuovi modelli familiari.
Questi i temi su cui FAMILY DAY cercherà di riflettere. Un progetto teso a rivelare la famiglia italiana in 7 spettacoli teatrali. Ogni spettacolo racconterà una giornata tradizionalmente importante di una famiglia (la domenica, il matrimonio, la nascita di un figlio, il funerale, l'arrivo di un lontano parente, la rottura di un matrimonio…).

Ogni capitolo avrà un titolo ironicamente tratto dalla Bibbia. Si propone il primo capitolo di FAMILY DAY dedicato al giorno della domenica.

FAMILY DAY 1:
Dio benedisse il settimo giorno e lo consacrò
Raccontare la famiglia tradizionale... oggi.

Oggi quale può essere il significato di famiglia tradizionale? Il senso di appartenenza, la patria, la religione, la famiglia, il lavoro… sono ancora questi i valori che costituiscono le fondamenta dell'istituzione familiare?

Contano ancora i valori di una volta?...
Quali sono (se ci sono) le basi su cui poggia la famiglia oggi? E la causa dei cambiamenti è da ricercare semplicemente nel mondo che cambia?

In definitiva è possibile ancora discutere di famiglia tipo al di fuori di ogni retorica e di ogni anacronistico retaggio religioso?

Questi gli interrogativi di partenza.
Un coro che si muove all'unisono. Una madre, un padre, una figlia, una nonna e un cane sono i protagonisti di FAMILY DAY per raccontare il rito della domenica. Tradizionalmente la domenica è la giornata in cui tutta la famiglia si ritrova (spesso costretta) assieme. Tradizionalmente è la giornata della messa, della preparazione e del consumo del pranzo domenicale, del confronto (scontro), delle partite e dei contenitori domenicali in tv, del riposo dalle fatiche settimanali (solitudine o noia?).

Tradizionalmente tutto questo nell'immaginario comune che per noi italiani si aggrappa a precetti cattolici e spot pubblicitari Barilla/Mulino Bianco style. Certo, discutere di "modello familiare" significa non avere nessuna percezione di cosa sono le famiglie oggi, della vastità di singolarità che il contesto familiare prospetta.

FAMILY DAY mette in scena quell'immaginario contemporaneamente sacro e falso, istituzionale e televisivo, ma  per niente aderente alla composita realtà contemporanea della famiglia italiana (e globale). Un immaginario fatto di gesti, riti, abitudini che si reiterano sempre allo stesso modo al solo scopo di mettere a tacere le vere dinamiche relazionali, mai del tutto idilliache.

Quella idea di famiglia non ha parole, non può usarle perché deve nascondere costantemente ciò che non può essere confessato, quello che deturperebbe l'ideale da Bibbia e Codice Civile.

Per queste ragioni FAMILY DAY è uno spettacolo quasi del tutto muto. Soltanto negli ultimi minuti dello spettacolo i personaggi utilizzano le parole (registrate): finito il rito domenicale, turbati da un episodio di trash televisivo, in cui una nota conduttrice racconta un fatto privato, la famiglia, ormai slegata dalla coralità che il rito domenicale aveva imposto, parla svelando torbidi segreti. La parola  si fa rivelazione, svelamento, verità.


Piccolo Teatro della Città Via Federico Ciccaglione, 29 Catania 
tel. 095447603 fax 095 552083  piccoloteatro.ct@tiscali.it   www.piccoloteatroct.com

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI