CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

sabato 28 gennaio 2017

Al Teatro Quirino la musica di Roberto Fia Da Django a Chaplin. Roma, 31 gennaio 2017

Luci della Ribalta di Charlie Chaplin, in scena al Teatro Quirino di Roma dal 31 gennaio al 12 febbraio. La musica di Roberto Fia Da Django a Chaplin

"Ormai la discografia è morta, meglio il teatro. Noi cercavamo pezzi forti, che già in partenza fossero evergreen. Oggi agli artisti mancano i punti di riferimento" dichiara il musicista romano ex direttore del Cenacolo RCA.

Quella di Roberto Fia è una carriera che ha attraversato la storia della nostra musica leggera: da Morricone Bacalov Piero Ciampi Pino Pavone (è co-autore e produttore del suo ultimo disco, La Vita è dispari, lanciato al Premio Tenco 2016). 

Fra i cantanti con cui ha lavorato come compositore e produttore, CarosoneLauzi, Rita PavoneMorandiMina, Massimo Ranieri Patty Pravo.  

A SanremoLab 2006 risale la sua ultima esperienza nel mondo della canzone commerciale.
"Ormai la discografia è morta, meglio il teatro." - dichiara il compositore romano, che negli ultimi anni ha deciso di dedicarsi al palcoscenico. 

Il suo ultimo lavoro sono le musiche di Luci della ribalta di Charlie Chaplin, spettacolo con Antonio Salines e Marianella Bargilli, per la regia di Giuseppe Emiliani, in scena al Teatro Quirino di Roma dal 31 gennaio al 12 febbraio. 

"Quando Salines  mi  ha parlato del progetto avevo già un brano pronto a cui, come mia abitudine, avevo dato un titolo provvisorio: Omaggio a Chaplin."

Nella musica Roberto ha esordito come cantante, grazie ad Ennio Morricone, a cui lo presentò la sua prima maestra di canto. 

E' lui a proporgli un provino con la RCA e, successivamente, Bacalov e Micocci lo scritturarono per La Parade, la casa discografica di cui facevano parte lo stesso Morricone insieme a MicocciBacalov

Con quest'ultimo Roberto incide il suo primo disco, Django, colonna sonora ormai cult dell'omonimo film di Corbucci, che nel 2012 gli vale un'inaspettata e prestigiosa citazione in qualità di vocalist nella soundtrack di Django Unchained, il capolavoro di Quentin Tarantino.

Poi arrivarono il Cantagiro, un Disco per l'estate, il tour in Giappone con Milva e anche la partecipazione a Settevoci, il primo talent della storia. 
Senza esitazione e senza rimpianti, da cantante diventa autore e produttore.
 
Come direttore del Cenacolo, nella storica RCA, Fia ha promosso artisti del livello di Piero Ciampi, Amedeo Minghi, Scialpi, Pasquale Panella.

"Ora tutto è cambiato,"  denuncia il musicista e discografico, "le canzoni che vincono Sanremo non riesco mai a ricordarle. Anche per la pubblicità si usano soprattutto i brani del passato. Non credo sia un caso. Noi cercavamo pezzi forti, che già in partenza fossero evergreen. Oggi agli artisti mancano i punti di riferimento. Si incontrano poco. Lavorano isolati con il loro computer. Ci sono solo i talent televisivi. La mia ultima esperienza nel mondo della canzone risale alla commissione di SanremoLab 2006. In giura c'erano solo musicisti di conservatorio, io ero l'unico proveniente da una casa discografica. I cantanti erano quaranta, venivano esaminati uno dopo l'altro e dopo poco andavano a Sanremo. Troppo velocemente".
 
Uno su Mille (F.Migliacci-R.Fia, 1985) è il più importante evergreen firmato da Roberto, la canzone che riportò al grande successo popolare Gianni Morandi, destinata a diventare un autentico 'caso'. "Quando gli feci ascoltare le note, - ricorda Fia -  Morandi mi disse: Sono vent'anni che non sento una canzone così!". 

E anche trent'anni dopo, nel 2014, quando il cantante bolognese lancia un sondaggio ufficiale su Facebook, il responso è inequivocabile: dei 600 brani da lui incisi, il più amato resta ancora questo. 
Una curiosità? La versione in spagnolo ( Uno Entre Mil ), incisa nel 1988 dalla star Manuel Mijares vinse in America Latina 3 dischi d'oro e uno di Platino. 
 
In questi ultimi anni Roberto Fia, oltre a collaborare con il grande paroliere Alberto Testa, ha scritto soprattutto musiche per il teatro, collaborando con registi come Maurizio PaniciGiuseppe Di PasqualePino QuartulloRoberto Ciufoli - Fra i prossimi progetti, le musiche per uno spettacolo su Goldoni, in programma il prossimo anno con la regia di Giuseppe Emiliani. 


Breve biografia di Roberto Fia

Autore di numerosi brani tra cui:
• "UNO SU MILLE" inciso da Gianni Morandi (Migliacci – Fia)
• "UNO ENTRE MIL"  inciso da Manuel Mijares (in testa alla Billboard) (Migliacci – Fia)  
• "AMORNERO" inciso da Mina (Panella – Fia – Donati)
• "MIO DI CHI?" Inciso da Mina (Panella – Fia – Donati)
• "L'AMORE CHE…" inciso da Massimo Ranieri (Di Paolo – Fia)
• "TI PERDO E NON VORREI" inciso da Rita Pavone (Fia – Minghi)
• "VITA DELLA MIA VITA" inciso dai Cugini Di Campagna (Belfiore – Fia - Nichetti)
• "DIMENSIONE" incisa da Patty Pravo (Fia – Falsetti – Fia - Tamborelli)
• "SE QUESTO NON È AMORE inciso da Teddy Reno (Tomasini - Fia)
• "LA VERITA' E' CHE TI AMO" (Bruno Lauzi, Vito Pallavicini, Roberto Fia)

Autore di musiche di scena di opere teatrali:
• "L'APPARTAMENTO È OCCUPATO"(Le Squat) di J.M. Chevret regia Maurizio Panici, 2007 
• Musical "ANITA" di D. Gullo e R. Fia,regia Giuseppe Dipasquale, 2007
• "ULTIMA CHIAMATA"(Dernier Appel) di J. Balasko regia Pino Quartullo, 2008
• "PER FORTUNA E' UNA NOTTE DI LUNA" di G. Clementi, regia Stefano Messina, 2009 
• "DIFESA DI DAMA" (Defensa de Dama) di I. Carmona e J. Hinojosa regia Tullio Pecora,2012
• "BUONA DOMENICA"(Bon Dimanche) di D. Laurent regia Roberto Ciufoli 2014
• "LEI E' RICCA, LA SPOSO…E L'AMMAZZO !" regia di P.Rossi Gastaldi, 2014/2015
• "DOPPIO SOGNO" (dall'omonimo racconto di Arthur Schnitzler) regia G. Marinelli, 2015
• "3 DONNE IN CERCA DI GUAI" (Les Amazones) di J.M.Chevret regia di N. Anzelmo, 2015
• "GENTE DI FACILI COSTUMI" di N.Manfredi e N.Marino regia di Carlo Emilio Lerici, 2015
• "LUCI DELLA RIBALTA" di C.Chaplin regia di Giuseppe Emiliani, 2016
Autore musiche cortometraggio 
• "BIBLIOTECA NAZIONALE BRAIDENSE" (serie "I LIBRI SON DESIDERI") 2013
Consulente per la RCA Records Italiana. 
Produttore discografico ed editoriale per la RCA Records Italiana di diversi artisti tra cui Renato Carosone, Anna Oxa, Patty Pravo, Rita Pavone, Piero Ciampi ecc.

Production Manager nella RCA.
Direttore de "IL CENACOLO" della RCA Records Italiana

Professional Manager - Publishing BMG/Ricordi

Festival di Sanremo 2006 - Commissario per le selezioni SanremoLab
SIAE Commissario Commissione tecnica per il PUBBLICO DOMINIO 2008-2013.
         
INPS-Fondo ex Enap - Commissione Musica 2014.



--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *