Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 5 febbraio 2016

Febbraio “made in Japan”: Si inizia con il gatto di Morita e si finisce con “l’incorreggibile” Lupin III






Doppio appuntamento proposto da The Space Cinema. 
9 e 10 – 22, 23 e 24





Produzioni di alto livello tecnico e artistico, che meritano il grande schermo e non solo la tv dei ragazzi


Roma – febbraio 2016 - Lo Studio Ghibli è la Walt Disney del Sol Levante. Anzi, qualcosa di più visto che negli stabilimenti di Tokyo si producono lungometraggi animati, serie tv, cortometraggi, video clip, spot pubblicitari e videogiochi.  

Oltre ovviamente i film tradizionali. Molti grandi titoli sono passati da qui, dall'azienda che ha preso il proprio nome dal vento caldo di scirocco. 

I primi in Italia a rendersi conto del valore delle produzioni di Ghibli sono stati i responsabili delle televisioni locali. Poi arrivò Italia Uno e per anni il pomeriggio era targato Ghibli, anche se nessuno di noi ha memorizzato quel nome. 

Piuttosto, per generazioni di bimbi e genitori, era impossibile dimenticare le note delle sigle musicali.
Basta un esempio: Cristina d'Avena, interprete delle sigle dei cartoni delle reti Mediaset, per anni è stata addirittura nelle prime posizioni in classifica dei dischi più venduti.

Ghibli è uno dei simboli di un'epoca che non conosce crisi. Ma non l'unico. La scuola giapponese merita di essere apprezzata e molti film, d'animazione e non, non hanno età e meritano attenzione. La stessa attenzione proposta da The Space con il film d'animazione "La ricompensa del gatto" (9 e 10 febbraio) e con il film "Le avventure di Lupin III (22,2 e 24 febbraio).

"La ricompensa del gatto" è diretto da uno dei migliori registi giapponesi, Hiroyuki Morita ed è prodotto dallo Studio Ghibli. Fece il suo esordio in Italia nel 2005 mentre oggi viene distribuito da Lucky Red. È la storia di Haru, una ragazzina delle superiori che ha la passione di salvare gatti.  

Questa volta addirittura "il principe dei gatti" che la conduce dal re dei gatti. Sua maestà pretende il matrimonio tra il figlio e la studentessa. Alla fine Haru riuscirà a fuggire dal "regno dei gatti" e il principe, tutt'altro che deluso, potrà sposare una gattina del reame.

Adatto a un pubblico più maturo Lupin III, che i critici indicarono come il primo cartone animato per adulti. Un film vero e proprio che vede indiscusso protagonista Arsène Lupin, il nipote del primo Lupin degli anni 70. Arsène viene ricercato dalle polizie di tutto il mondo, ma soprattutto dal commissario Zenigata dell'Interpol. 

È facile immaginare "come andrà a finire". Lupin III è profondamente diverso da Lupin I, le riprese sono più realistiche e non c'è più nulla di approssimativo come ai tempi in cui il manga diveniva anime e infine film.



THE SPACE CINEMA The Space Cinema, nato nel 2009 dalla fusione di Warner Village Cinema e Medusa Multicinema, è il leader del mercato italiano dell'esercizio cinematografico. A fine 2014 la proprietà della società è passata da 21 Investimenti e Mediaset a Vue Entertainment International, il gruppo fondato nel 2003 nel Regno Unito da Timothy Richards e Alan McNail. Il controllo azionario è nelle mani di due fondi canadesi: Omers e Alberta Investment Management Corporation. Giuseppe Corrado, amministratore delegato di The Space Cinema dalla sua fondazione, è stato confermato alla guida della società anche dalla nuova proprietà. Vue è presente in Uk, Irlanda, Germania, Danimarca, Polonia, Lituania, Lettonia e Taiwan con un fatturato di 900 milioni di euro, pari a una volta e mezzo l'intero mercato italiano. La mission di The Space Cinema – 36 multiplex in ogni regione italiana e 79mila posti a sedere- è quella di porre al centro del proprio lavoro lo spettatore a cui offrire l'eccellenza sia per quanto riguarda il livello delle proprie strutture cinematografiche sia nell'offerta sempre più ampia di contenuti esclusivi. Proprio per questo nel 2012 è nato The Space Extra, un palinsesto di contenuti speciali dedicati a cultura, musica, scienza, sport, intrattenimento e arte. E dal 2014 ha preso inoltre il via The Space Movies, il nuovo marchio del circuito dedicato alla distribuzione dei prodotti cinematografici.


--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI