CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

martedì 11 ottobre 2016

Con disarmante genuinità Andrea Brusa, Autore teatrale e scrittore di libri di successo - nonché poeta dell'anima - racconta la propria esperienza cristiana, facendoci gustare la bellezza di una vita dedicata all'arte, una delle vie per incontrare l’Assoluto e ritrovare così la sua amatissima moglie… alla quale urla un disperatissimo “Ti amo”.

Una voce scomoda, contro tutto e tutti. Un interprete, un autore teatrale fuori dal coro, acuto e attento, abilissimo nel dipingere e ironizzare sui comportamenti umani di una certa Italia conformista e rampante. Andrea Brusa fa parte di una razza in via di estinzione, quella di coloro che pensano con la propria testa. Ha scritto poesie libri e monologhi teatrali che costituiscono un materiale prezioso per capire l'evoluzione della società italiana.
La lettura spettacolare della scorsa serata realizzata dallo stesso autore a Torino ha proposto una scorribanda emozionante e toccante sul meraviglioso Universo Femminile come la cultura popolare (e non solo) di un tempo ancora vicino, insieme prossimo e remoto, se lo è immaginato e confezionato. E poi deliri, amori frustrati, piccole e grandi manie ed autoironia, il tutto presentato in maniera lieve ed estremamente suggestiva.
Amare è un atto di pieno sacrificio dell'ego. Quella parte che desidera e brama e che è legata alla soddisfazione di sé o alla riproduzione naturale, in un vero atto di amore si dissolve totalmente. Amare è un atto di profondo coraggio perché è sinonimo di totale affidamento alla Vita Presente, senza attaccamento verso il passato o aspettativa verso il futuro. Amare è un atto di piena libertà verso noi stessi e verso l'altro nel quale non ci sono forme di compromesso o speranze di una costante presenza fisica, ma di un totale godimento del nostro respirare insieme in questa vita e in questo mondo come parti l'uno dell'altro. Immaginate ora una vita passata ad amare e ad essere amati davvero e in cui non vi impongano mai di scegliere una strada o l'altra ma vi chiedano semplicemente di essere liberi di godere e respirare come volete. Immaginate una realtà nella quale vi arricchite dell'unicità di chi vi sta intorno e di mille albe e tramonti osservati senza vincoli in terre lontane. Non vale forse la pena di cambiare la nostra prospettiva per arrivare ad una esistenza così? Quella di oggi potrebbe essere l'ultima giornata che passate in questo mondo, sicuri di voler continuare a credere che il dare e l'avere ( catene ) sia un gioco necessario e utile? Ebbene tutto sembra esemplificare la vita dell'autore piemontese che è totalmente votato all'amore della sua vita… sua moglie Chiara per la quale dichiara "sarei pronto a tutto… anche a donarle la mia stessa esistenza".
Come dice una celeberrima canzone, vi posso assicurare che dopo avergli parlato "sembra davvero un angelo caduto dal cielo… com'è vestito quando entra al sassofono blu ma si annoia appoggiato a uno specchio tra fanatici in pelle che lo scrutano senza poesia … sta perdendo, sta perdendo, sta perdendo tempo… una sera incontrò una ragazza gentile, lui quella sera era un lampo e guardarlo era come uno shock e tornando a casa lei ballerà tra le stelle accese e scoprirà l'amore… l'amore disperato". Che personaggio!!!! È stato un incontro con un uomo impoverito che, comunque, sa che la vita vale, che spera in un mondo migliore, che lo desidera anche se non sa quando arriverà.
Inizialmente si è affacciato al mio cuore un senso di profonda impotenza ed ingiustizia, prima di rendermi conto che non siamo certo chiamati a salvare il mondo, ma a diventare fratelli per queste persone come lo stesso scrittore meno fortunate che, dietro all'aspetto umile e povero, hanno un mondo grande da donarci. E la reciprocità dello scambio col povero mi ha fatto capire come dignità e povertà non siano incompatibili. Tutto ciò rappresenta per me uno stimolo di crescita, un'esperienza fondamentale per impostare la mia vita futura. Credo di avere incontrato un vero Angelo!!!

FABRIZIO PANOZZO
Editor

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *