Cerca nel blog

Caricamento in corso...

mercoledì 12 ottobre 2016

@TeatroArciliuto – Dal 22 Ottobre al 6 Novembre 2016: Se la legge non ammette ignoranza, l’ignoranza non ammette la legge

Se la legge non ammette ignoranza,
l’ignoranza non ammette la legge”
di Mimmo Mancini e Paolo De Vita
Regia di Gisella Gobbi Costumi Cesare Tanoni Luci Paolo Macioci
call-to-action2
Dal 22 Ottobre al 6 Novembre 2016 Ore 21,15
(dalle ore 20:15 aperitivo/cena facoltativa con prenotazione)
Teatro Arciliuto
Piazza Montevecchio, 5 – Roma (adiacenze Piazza Navona)
call-to-action3-1
Le date
Ottobre
sabato 22, domenica 23
giovedì 27, venerdì 28, sabato 29, domenica 30
Novembre
giovedì 3, venerdì 4, sabato 5, domenica 6
Ore 20:15 aperitivo/cena facoltativa con prenotazione
Ore 21,15 – Spettacolo nella sala teatro
Ingresso Intero euro 15,00 – Ridotto euro 12,00
Gruppi (minimo 10 pz) 10,00
FaceBook Teatro Arciliuto  /   FaceBook Fratelli Capitoni
***

Se la legge non ammette ignoranza,
l’ignoranza non ammette la legge”
Uno specchio deformato della storia di quel popolo italiano, furbetto, pavido e approfittatore
Un’aula di tribunale o almeno così sembrerebbe…
Al centro una fatiscente scritta: “La legge è uguale per tutti”. Mancano delle lettere.
Un paravento dietro al quale non s’intravede nessun imputato in attesa d’interrogatorio o di una sentenza.
Carlo e Cosimo Capitoni, due fratelli pugliesi più che cinquantenni, disoccupati e veterani, che si definiscono “esodati in prima linea”, vestiti da fanti della Grande Guerra raccontano, come due cavalieri erranti, il loro fantastico viaggio alla disperata ricerca di una soluzione. Ipotetici eroi di un romanzo senza fine nella continua lotta per difendere i loro diritti di emarginati e riparare i torti subiti dal loro eterno nemico: “l’assessore”. La visionaria ostinazione verso questa figura istituzionale, incarnazione di tutti i mali di uno Stato assente, della mala politica e di tutto ciò che non funziona, li spinge a leggere la realtà con occhi diversi, a inventare ipotetici complotti, a vedere nemici dappertutto. Combatteranno come possono risultando sempre sconfitti e suscitando ilarità in chi assisterà alle loro folli imprese. I fratelli Capitoni, due eterni Don Chisciotte, non avendo la capacità di vedere la realtà per quella che è, decidono di portare in giudizio l’Italia, gli italiani, isole comprese, e loro stessi, in una fantomatica aula di tribunale, rivelando alla Corte di essere entrati in possesso di un archivio segreto trovato in una “magica grotta”, dove sono racchiusi tutti i misteri italiani. Proclamandosi autentici italiani onesti si autodenunciano, pretendono di essere testimoni protetti, pentiti, a loro volta collusi e colpevoli, pur di ottenere un tetto e un tozzo di pane possibilmente in galera, almeno per trenta anni! La Corte si ritira per deliberare, ma la sentenza non arriva mai. Ricordando la loro storia, la loro infanzia, che parte da una Puglia lontana, i due fratelli rievocano nella memoria collettiva anni ed episodi lontani: li vedremo coinvolti nei primi sbarchi degli albanesi a Brindisi e Bari, lottare per più di 15 anni contro una cartella pazza di Equitalia o come disoccupati dimenticati che si congelano in una cella frigorifera colma di pesce, sperando in un futuro migliore che tarda ad arrivare. Una guerra continua, quella dei fratelli Capitoni, da combattere contro un nemico invasore, dove i nemici sparano anche alle spalle.
In attesa di una sentenza che non arriva, sarà il pubblico ad emettere il suo verdetto.
***
TUTTE LE ULTERIORI INFO SUL SITO UFFICIALE DEL TEATRO:http://www.arciliuto.it/it/programmazione/spettacoli/371-se-la-legge
***
Teatro ARCILIUTO
Piazza Montevecchio, 5 – 00186 Roma (Italy)
Tel. +39 06 6879419 (dalle ore 17,00 in poi)
– mobile 333 8568464 (calls&sms)
– mobile 336 789349 (calls&sms)
info@arciliuto.it
http://www.arciliuto.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI