CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

domenica 30 ottobre 2016

THE CONTAINER al Teatro Belli

Chiusi in un container che attraversa l'Europa, cinque profughi sono in viaggio con un obiettivo comune: arrivare in Gran Bretagna.
Ad accompagnarli un trafficante senza scrupoli.
in scena al Teatro Belli dal 30 ottobre al 5 novembre
tutti i giorni alle ore 18,00 e
 alle ore 21,00

 
dal 30 ottobre al 5 novembre 
tutti i giorni doppia recita alle ore 18,00 e alle ore 21,00

THE CONTAINER
di Clare Bayley
traduzione Carlo Emilio Lerici
con Hafedh Khalifa, Eslam Saeed,  Antoinette Kapinga,
Nadia Oulski, Saeid Haselpour, Jasmine Volpi
regia Carlo Emilio Lerici
produzione Teatro Belli / Ist. Studi dello Spettacolo Teatro Studio
con il patrocinio di Amnesty International Italia


Lo spettacolo si svolge interamente dentro a un vero container dove insieme agli attori viene fatto accomodare il pubblico. 

Le dimensioni del container consentono l'accesso a non più di 25 spettatori per recita. 

Spettatori che si troveranno così in mezzo agli attori a condividere la loro esperienza. 

Tutto rigorosamente nella semioscurità. Gli attori infatti avranno delle torce con cui illuminare i volti.

Questo testo ha vinto l'Amnesty Freedom of Expression Award nel 2007.


Chiusi in un container che attraversa l'Europa, cinque profughi sono in viaggio con un obiettivo comune. Arrivare in Gran Bretagna. 
All'improvviso si accende una torcia e i cinque profughi cominciano a parlare. Ognuno ha una storia diversa, da Mariam, che è fuggita dall'Afghanistan dopo aver visto il marito decapitato dai talebani per aver continuato ad insegnare alle ragazze nonostante il divieto, a Asha e Fatima, che hanno lasciato un terribile campo profughi in Africa. 
A Jemal, curdo, che cerca di raggiungere la famiglia. Gli immigrati non possono vedere dove stanno andando, e non sanno nemmeno se il camion in cui sono rinchiusi è in movimento o fermo. 
Uniche certezze la fame e la sete, e poco a poco anche qualche contrasto fra di loro. 
I contrasti si acuiscono quando il trafficante entra per dirgli che sono all'ultima tappa del loro viaggio, ma se vogliono arrivare nel Regno Unito, devono tirare fuori altri soldi. 
Tranne il ricco uomo d'affari afghano Ahmad, gli altri non hanno più soldi, ma solo qualche piccola cosa portata per sostenersi e farsi coraggio: un sacchetto di riso, un orologio, l'anello di un nonno, una pistola rotta. 
Basteranno per arrivare a destinazione?


Amnesty International Italia ha deciso di conferire il patrocinio all'opera The Container, con la seguente motivazione: "Per aver trattato il tema della migrazione in modo originale ma fedele alla realtà mettendo in risalto le diverse facce del fenomeno e delle violazioni dei diritti ad esso, purtroppo, legate."




Hafedh Khalifa
Sono un attore e regista tunisino. Mi sono laureato nel 1996 all'Istituto Superiore d'Arte Drammatica di Tunisi. In teatro ho lavorato con registi come Martone, Cobelli, Cherif. Ho partecipato a varie fiction e serie televisive e a diversi film tra cui "La passione di Cristo" di Mel Gibson. In Tunisia ho firmato la regia di una decina di spettacoli, ottenendo numerosi riconoscimenti e premi. 

Eslam Saeed 
Sono un giovane artista egiziano. Mi sono diplomato in recitazione e regia alla Academy of Arts del Cairo, e sono in Italia, ospite dell'Accademia d'Egitto, perchè ho vinto il National Creativity Award, il più importante riconoscimento nazionale. Non parlavo italiano sino a quando non ho cominciato a lavorare in questo spettacolo. E' la mia prima esperienza in Europa. 

Antoinette Kapinga
Vengo dal Congo ma sono ormai diversi anni che sono in Italia. Lavoro in cinema e in teatro. Con il Teatro Belli avevo già collaborato qualche anno fa in "Che fine ha fatto Baby Jane?" per la regia di Antonio Salines.

Nadia Oulski
Sono russo-marocchina. Vivo a Casablanca dove a 15 anni ho iniziato la mia carriera come modella. A 17 anni ho partecipato al mio primo film. La mia passione per il cinema mi ha portato a lavorare anche nel settore della produzione. Ho accettato questa occasione per il grande amore che ho per l'arte e la cultura italiana. Parlo molte lingue ma non l'italiano, che ho studiato durante le prove di questo spettacolo.

Saeid Haselpour
Sono arrivato 7 anni fa dall'Iran dentro a un container. Ero convinto di essere in Gran Bretagna e invece ero a Milano. Dopo varie peripezie sono arrivato a Napoli dove vivo e lavoro. Ho una grande passione per il teatro e la recitazione. Per questo partecipo costantemente a laboratori e workshop. La cosa più importante che ho fatto prima di questo spettacolo è il ruolo di Achille nel film-documentario "ILIADE" del regista Prospero Bentivenga.

Jasmine Volpi
Ho 21 anni e sono italo-marocchina. E' la mia prima esperienza da professionista dopo aver frequentato una scuola di recitazione che ho temporaneamente abbandonato per partecipare a questo spettacolo.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *