Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 31 ottobre 2016

Ultimo ciclo di repliche de Il Marchese di Ruvolito con replica straordinaria l' 1 Novembre.

Dopo lo strepitoso successo che si  è confermato ad ogni chiusura di sipario con un grandissimo riscontro di pubblico, Il Marchese di Ruvolito, commedia in tre atti del grande autore siciliano Nino Martoglio, ritornerà in scena con una replica in via del tutto straordinaria Martedì 1 Novembre alle ore 21. 

Questa sarà anche l'ultima settimana che includerà l'ultimo ciclo di repliche della commedia che vi ricordiamo andrà in scena nei seguenti giorni: giovedì alle 21, venerdì alle 17.30, sabato alle 17.30 e 21, per concludersi il 6 novembre alle 17.30.

L'astuto Marchese, maestro nell'arte di arrangiarsi, grazie alla profonda conoscenza dell'aristocrazia, riesce a far guadagnare a questi nuovi signori un titotlo nobiliare, anche laddove  non vi sono origini di sangue blu.  

Grazie anche all' occhio sarcastico di Martoglio, il Marchese di Ruvolito riuscirà attraverso una serie di esilaranti siparietti a dimostrare la propria nobiltà d'animo.                                                                                                                                                       
Sul palco di via Sabotino, accanto all'applaudissimo Tuccio Musumeci: Rossana BonafedeTuri Giordano, Maria Rita Sgarlato, Riccardo Maria Tarci, Roberta Andronico, Fabio Costanzo, Antonio Castro, Donatella Liotta, Enrico Manna, SavìManna, Claudio Musumeci, Luigi Nicotra, Marina Puglisi, Raniela Ragonese, Giovanni Strano. Regia Giuseppe Romani, costumi Mela e Rosa Rinaldi, scene Susanna Messina, movimenti coreografici Silvana Lo Giudice.

"Vario nei temi e nei motivi, ricco di colore, vitalistico e brioso, il teatro di Nino Martoglio raggiunge gli esiti più felici quando rappresenta gli aspetti peculiari e autentici della sua terra mediante personaggi  che celano le intime ferite dietro una maschera ironica, canzonatoria: civitoti chiassosi, poveri ingegnosi e ciurmatori, ingenui o scaltri scampoli di umanità bonaria, ilari e bizzarre figure, aristocratici e politici decaduti e spiantati, creature sordamente disperate. 

Un microcosmo volutamente semplice ed elementare, popolato di archetipi collettivi, buoni e cattivi, furbi e sciocchi, dove signorotti squattrinati e popolani trafurelli vivono di espedienti per sbarcare il lunario, dispensando agli ingenui e agli illusi gli uni titoli nobiliari e radici illustri, gli altri consigli legali e numeri del lotto. 

Vecchio aristocratico in miseria fra parvenus smaniosi di nobiltà, Il Marchese di Ruvolito sbarca il lunario inventando radici illustri a famiglie plebee. 

Per lo spasmodico desiderio del blasone donna Prazzita Timurata, "ex rivendugliola" zeppa di denari (fatti con l'olio ed il formaggio) con "tutte le spocchie delle nuove arricchite", ha deciso di dare in sposa la figlia Immacolata ad un cacciatore di dote, il "baronello di Mezzomondello", cinico, spiantato, borioso. 

Sarà il Marchese di Ruvolito a sventare gli interessati progetti del baronello adottando il giovane Adolfo Giesi, anch'egli pieno di soldi (fatti col sapone e la potassa) ma privo di blasoni, e consentendogli così, divenuto Marchese di Gebbiagrande, di sposare Immacolata, di cui è innamorato corrisposto, con l'entusiastico consenso finalmente di donna Prazzita, divenuta madre nientemeno che di una marchesa "di curuna cch' 'i gigghia, non con le palle!". 

Dal canto suo il Marchese di Ruvolito otterrà di restare usufruttuario nel palazzo avito, riscattato dal figlio adottivo, dal quale rischiava di essere sfrattato.

La prima della commedia in tre atti in dialetto siciliano Il Marchese di Ruvolito ha luogo al "Teatro Nazionale" di Roma il 23 dicembre 1920, "Compagnia Angelo Musco", interpreti Angelo Musco (il Marchese di Ruvolito) e Rosina Anselmi (donna Prazzita). 

È l'ultima commedia del belpassese che scomparirà di lì a poco, il 15 settembre 1921, precipitando nella tromba dell'ascensore in costruzione dell'Ospedale Vittorio Emanuele di Catania."

Sarah Zappulla Muscarà



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI