Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 30 ottobre 2016

Il migliore dei mondi possibili 2-6 nov Teatro Filodrammatici di Milano

Come accade che in ogni regime, in ogni luogo e tempo della storia, singoli uomini o sparute minoranze riescono a dominare e asservire le masse? (E. de la Boétie)


Ogni sera quattro attrici/cortigiane si esibiscono al servizio della loro esigente padrona, Madame. In scena le avventure de il Candido di Voltaire, giovane ottimista metafisico a spasso nel peggiore dei mondi possibili: il nostro. 

In una gara di asservimento volontario le quattro competono per compiacere Madame. 

Quando Madame viene decapitata nel suo giardino, senza una padrona per cui esibirsi e con un nuovo potere alle porte, le quattro dovranno decidere cosa fare delle loro esistenze. 

Il Candido di Voltaire è una battaglia sferrata dal suo autore all'ottimismo e alla metafisica del suo tempo, una feroce critica ai teologi e ai filosofi della provvidenza che pensavano che tutto accadesse per un fine ultimo e giusto.

Le questioni sono antiche: una volta scoperta la natura indefinibile, antifinalistica del male, come ci dobbiamo comportare davanti agli orrori del mondo? 

Se questo è il peggiore dei mondi possibili (e non certo il migliore come sarcasticamente Voltaire fa spesso ripetere ai suoi personaggi), allora vivere significa soffrire? 
E in questo tetro scenario può esistere la felicità? E se esiste, cos'è

Nel sovversivo "Discorso sulla servitù volontaria", Etienne de la Boétie,  quasi duecento anni prima di Voltaire, si chiedeva come potesse accadere che in ogni regime, che in ogni luogo e tempo della storia, singoli uomini o sparute minoranze riuscissero a dominare e asservire le masse

De la Boétie, paladino ante litteram del movimento della disubbidienza civile, ha lasciato con questo scritto una traccia importante sul terreno del pensiero politico d'Occidente. 

La libertà è un bene così grande e dolce che una volta perduto sopravvengono tutti i mali possibili, come succede a Candido e ai suoi amici. Candido è un'opera sulla schiavitù umana, eterna, micidiale, imbattibile nella mente e negli spiriti degli uomini.



Magdalena Barile vive a Milano dove lavora come autrice teatrale e televisiva. 
Per il teatro scrive testi e collabora come dramaturg per diverse compagnie fra cui Animanera(Milano), Accademia degli Artefatti (Roma), CharioteerTheatre (Scozia). Fra i suoi testi recenti: Fine Famiglia(2011), Un altro Amleto (2012),  Piombo  (2013),  La Moda e la Morte (2015).  
I suoi testi sono stati tradotti in inglese, francese, tedesco, catalano, svedese e russo.  Con il testo Light Killer debutta al Fringe Festival di Edimburgo 2014,  va poi in scena al Piccolo Teatro di Milano. 
Collabora stabilmente come autrice e sceneggiatrice con la RSI Televisione Svizzera Italiana e ha partecipato alla scrittura di diversi programmi di drama e comedy per la televisione italiana.  
È docente di scrittura drammaturgica alla civica scuola di teatro Paolo Grassi di Milano.


2 – 6 novembre 2016 Teatro Filodrammatici di Milano
Il migliore dei mondi possibili
ispirato a Candido di Voltaire 
 di Magdalena Barile | regia Simona ArrighiSandra Garuglieri 
con Simona ArrighiLuisa BosiLaura CroceSandra Garuglieri
collaborazione al progetto Massimiliano CivicaSilvano PanichiFrancesco Migliorini 
 primo spettatore Massimiliano Civica| coproduzione Attodue/Murmuris



durata spettacolo: 70′
DATE E ORARI DI RAPPRESENTAZIONE
mercoledì 2, giovedì 3 e sabato 5 novembre 21.00  
venerdì 4 novembre 19.30
domenica 6 novembre 16.00

BIGLIETTI
Intero: 22.00 euro | ridotto convenzionati: 18.00 euro | ridotto under 30: 15 euro | ridotto over 65 e under 18: 11 euro



Teatro Filodrammatici di Milano
via Filodrammatici 1, 20121 Milano 



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI