CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

domenica 11 dicembre 2016

REBIBBIA CITYFEST: proiezione di “Naufragio con spettatore” e “Fiore”

REBIBBIA CITYFEST
Auditorium di Rebibbia N.C. “R. Cinotti”
ROMA 20 dicembre 2016, ore 16,00

L’Auditorium del Carcere di Rebibbia si apre ancora al Cinema di qualità con due appuntamenti speciali il 20 dicembre, nell’ambito del Roma Cityfest. 

Claudio Giovannesi, sarà in sala per presentare la proiezione aperta ai detenuti e al pubblico esterno del suo ultimo bellissimo film, “Fiore”.  

Un film sulla realtà, che racconta il mondo dei ragazzi in modo tutto particolare: l’adolescenza, l’amore, la difficoltà di vivere in equilibrio, ambientata nel contesto più difficile, quello di un carcere minorile. Josh e Daphne sono due ragazzini che le complicazioni della vita emarginata portano a delinquere e a scontare una condanna. 

L’incontro fra detenuti e detenute in carcere è proibito dai regolamenti penitenziari, e nessuna relazione personale è consentita. Nonostante gli ostacoli i due ragazzi si innamorano attraverso il gioco degli sguardi da lontano, brevi conversazioni rubate, bigliettini fatti filtrare fra le celle. 

Nel carcere - nonostante il carcere - Daphne e Josh riusciranno a scoprire la libertà di amare. Un film che vivrà tanto più dell’emozione della platea di Rebibbia.

La proiezione sarà preceduta dal cortometraggio di Fabio CavalliNaufragio con spettatore”, Menzione Speciale della Giuria del Premio Migrarti alla 73° Mostra del Cinema di Venezia. Il corto di quindici minuti è stato girato fra il carcere di Rebibbia e quello di Cassino; i protagonisti sono ancora una volta i detenuti-attori della Compagnia che diede vita a Cesare deve morire. 

Ora sono impegnati nel difficile compito di descrivere cosa significhi il reclutamento in carcere dei fondamentalisti islamici e come, attraverso la libertà dell’arte, possa essere abbandonato e sconfitto ogni estremismo. Ovviamente il cast dei detenuti sarà presente in sala al completo.

Presentano l’evento Mario Sesti per Fondazione Cinema per Roma e Laura Andreini Salerno per il Centro Studi Enrico Maria Salerno, ancora una volta sotto l’egida della Direzione della C.C. Rebibbia N.C., col sostegno del Mibact e della Regione Lazio – Assessorato alla Cultura e Politiche giovanili, e col patrocinio di Roma Capitale e del Dipartimento di Filosofia, Comunicazione e Spettacolo dell’Università Roma Tre, per dare futuro al progetto di rendere l’Auditorium di Rebibbia un vero centro di cultura e arte aperto alla città.


PERCHE’ IL CINEMA VA A REBIBBIA
Se il carcere può avere il senso di un cammino a ritroso dalla “malavita” alla “buona vita”, diventare un’occasione di riscatto per chi ha sbagliato, il tempo vuoto della pena va riempito di opportunità: istruzione, formazione, lavoro. C’è anche spazio per l’arte. Il Cinema, che in 24 fotogrammi al secondo fa muovere la realtà e la vita, illumina l’oscurità. 

Nell’Auditorium di Rebibbia ogni anno, a migliaia, dai 15 anni in su, entrano per assistere agli spettacoli dei detenuti. Poi, da quando le macchine da presa si sono affacciate sempre più spesso oltre le sbarre, i detenuti si sono appassionati al “dietro le quinte” dell’arte cinematografica che di solito si conosce solo a cose fatte. 

Da qui il desiderio di vedere buone pellicole, incontrare i protagonisti, confrontarsi. Il Cinema sa unire i destini più diversi. Almeno per qualche ora, liberi o reclusi, sogneremo lo stesso sogno.


L’evento è ad ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria fino ad esaurimento posti. 

Per info e prenotazioni contattare il sito: www.enricomariasalerno.it.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *