Cerca nel blog

martedì 15 dicembre 2015

artestudio al Carcere di Regina Coeli presenta FRANCESCO IL SANTO. Roma, 16 dicembre 2015


PER IL GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

Artestudio
presenta
FRANCESCO IL SANTO
Performance a cura di  
RICCARDO VANNUCCINI

realizzata coi detenuti del carcere di Regina Coeli
e con CATERINA GALLONI  ALBA BARTOLI  MARIA SANDRELLI GABRIELE GUERRA ALICE CIANGOTTINI  

CARCERE di REGINA COELI, ROMA
Mercoledì 16 dicembre 2015 Ore 15.30

In occasione del GIUBILEO DELLA MISERICORDIA, ARTESTUDIO presenterà il 16 dicembre lo spettacolo FRANCESCO IL SANTO, a cura di Riccardo Vannuccini coi detenuti del carcere di Regina Coeli di Roma. In un momento cruciale e necessario del dialogo fra tradizioni e religioni diverse, Francesco qui diventa ogni uomo sulla terra e prende il volto di un giovane detenuto musulmano.

La performance è il frutto di un lavoro continuo e stabile di ArteStudio dentro il carcere giudiziario romano che prosegue da oltre dieci anni, ma è anche il risultato di un laboratorio scenico dedicato alla figura del santo di Assisi. La misericordia e la pace perseguiti attraverso una ricerca sulla povertà sono i temi raccontati dallo spettacolo che utilizza liberamente materiali poetici dello stesso Francesco e sulla sua vita.

Lo spettacolo ci introduce in una parte della seconda rotonda del carcere romano come ne "la porziuncola", la piccola chiesa abbandonata e restaurata da San Francesco. In questo spazio, secondo un cartello scenico medievale, allegorico e semplice allo stesso tempo, così come san Francesco scoprì la sua vocazione dopo un anno passato nelle carceri di Perugia, la performance vuole intrecciare teatro e carcere attraverso e il tema della povertà, intesa come presenza essenziale, e il gioco, inteso come sapiente azione scenica.  

Il giullare qui si oppone al testo tomba, al teatro giudiziario del testo e della letteratura, e propone invece un teatro del contagio, dell'esempio. L'allegoria diviene gesto che trascina un secondo gesto misterioso ma autosufficiente, che non descrive alcunché ma che nella sua essenzialità si fa azione poetica di conoscenza.

Questa performance non appartiene al teatro delle forme ma alle azioni esperienziali, più vicine alla buffonerie di strada che alle lezioni dei sapienti. Pensando allo storico Carlo Ginzsburg su san Francesco, lo spettacolo è fatto di immagini e non di parole. I quadri scenici che raccontano la povertà, i viaggi in oriente, santa Chiara, l'elemosina, l'incontro col Papa, le predicazioni agli uomini e agli uccelli, la malattia e la morte del santo, sono piccole storie sconclusionate, estatiche, che non intendono rappresentare qualcosa o educare qualcuno, ma propongono semmai un modo di agire, un modo di essere presenti sulla scena come nella vita. 

I due termini, TEATRO E CARCERE sono qui ravvicinati per essere lontanissimi uno dall'altro. FRANCESCO IL SANTO propone in carcere un teatro che vive nella situazione in cui si trova e che non istruisce ideologicamente. Il teatro vuole essere in questo caso, in carcere come fuori dal carcere, un'occasione di accesso per attori e spettatori ad un altro luogo, ad un altro stato di coscienza. La libertà allora, evitando ogni facile retorica, è essere protagonisti della propria esistenza, anche in carcere.
atto unico di 40' circa.


Artestudio
 lavora  
in carcere, nei centri di accoglienza per richiedenti asilo, nelle zone di guerra, con le Università di Roma La Sapienza e RomaTre, nelle Università di Hebron, Beirut, Berlino a favore di un teatro che vive e si nutre della situazione in cui si trova. Riccardo Vannuccini, regista della compagnia, tornato dall'Iran dove ha realizzato un laboratorio teatrale, a giugno ha realizzato lo spettacolo Sabbia con i rifugiati del Cara di Castelnuovo di Porto al Teatro Argentina di Roma e a dicembre firma questa regia all'interno del carcere giudiziario romano.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI