CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

martedì 29 dicembre 2015

TUTTI AL MACELLO di Boris Vian al Brancaccino il 9 e 10 gennaio

Accademia Platafisica, scuola di Teatro e Musical diretta da Maria Laura e Brunella Platania, in collaborazione con Le Temps d'une Pause, sbarca a Roma al Teatro Brancaccino il giorno 9 gennaio alle ore 20 e il giorno 10 gennaio  alle ore17,30 con l'ultimo regalo della stagione natalizia: "Tutti al macello" di Boris Vian.

Una serata di divertente, scintillante teatro canzone con la partecipazione straordinaria di una esilarante stralunata Brunella Platania nel ruolo della madre e un surreale inedito Enrico D'Amore nel ruolo del soldato americano, oltre a Mary Ferrara (la vicina)  e Andrea Paris(Jacques).

Imperdibile per gli amanti del grande Vian e per chi vuole chiudere in bellezza la stagione delle feste. 

Il Maestro Simone Martino   al pianoforte  accompagna gli artisti nell'esecuzione di celeberrime musiche di Boris Vian  che  aggiungono verve alla già frizzante pièce.

Biglietti prenotazione


http://www.ticketone.it/tutti-al-macello-biglietti.html?affiliate=ITT&doc=artistPages%2Ftickets&fun=artist&action=tickets&kuid=515018

Call Center TicketOne 892.101* LU-VE: 8-21, SA: 9-17,30, DO: chiuso
-----------------


Note di regia

L'absurdité des batailles qui sont des batailles de mots mais qui tuent des hommes de chair, Boris Vian

É l'alba del 6 Giugno del 1944 ad Arromanches, paesino della tranquilla Normandia.
Qualcuno lo chiamerà il giorno più lungo consegnandolo alla storia del mondo, ma per lo scorticatore e la sua bizzarra famiglia è solo un altro giorno da portare a termine tra cavalli da macellare insieme al suo mite garzone, figlie da sposare, vicine invadenti, mogli stralunate. Fuori il finimondo, tra le mura domestiche una apparente tranquillité, non fosse per quel fetore che impregna l'aria...
Arromanches, ultima spiaggia, improbabile Samarcanda scovata dall'avo dello scorticatore per fuggire via dalla pazza folla e diventata d'un tratto il cuore vivo di una follia devastante raccontata da Boris Vian con pennello noir intinto in una magnifica tavolozza surreale, perchè come lui stesso dichiara "Forse quello che spiega il rifiuto che manifestiamo di ciò che è serio, di ciò che non lo è, in quanto per noi, è esattamente la stessa cosa, è patafisica" .La patafisica, scienza delle soluzioni immaginarie, le uniche praticabili in un mondo a testa in giù senza anima, né sentimenti, infilato nella sgangherata casacca di un ordine inventato. Alla violenza della storia, lo scorticatore oppone l 'onestà, condita da vigliaccheria, del suo antico e tramandato mestiere...
Una denuncia della logica straniante dei potenti e delle "loro"inutili guerre, ma anche della viltà dei popoli, per questa pièce di teatro- canzone sostanziato dall'intrigante trama musicale dello stesso Boris Vian.
Divertente, esilarante, grottesca la storia, preziose le canzoni.
Un omaggio al timido stralunato ragazzo - aveva appena trentanove anni quando il suo generoso cuore cessò di battere - Boris Vian , musicista jazz, compositore, scrittore, l'altra faccia della Parigi esistenzialista post bellica, l'altra faccia della musica, l'altra faccia di un modo di ridere a bocca larga della peggiore delle vite masticando veleno.
Per sputarlo in faccia, ieri e ancor più oggi, a chi questo mondo lo vuole scorticare. Vivo.
----------------------

Cast

Il padre  Elsid Lumi
La Madre  Brunella Platania
La vicina  Mary Ferrara
Andrè  Giorgio Gentili
Jacques   Andrea Paris
Marie  Chiara Spernanzoni
Cyprienne  Elisa Graziosi
Heinz  Michele Mobbili
Catherine  Daniela Domizi
Impiegata  Giuseppina Salciccia
Il Pastore  Carlo Maceratini
Soldato Americano  Enrico D'Amore
Soldato Tedesco  Jacopo Pizzichini
Le Suore  Paola Reschini e Asia Angelini
Il Capitano  Fabio Caporaletti
Burlesquer  Claudia Ciccarelli

Musiche originali di Boris Vian eseguite dal vivo dal maestro Simone Martino

Coreografie Claudia Ciccarelli
Effetti scenografici Resio Reschini
Realizzazione Grafica Paola Reschini

Direzione artistica Maria Laura Platania


Adattamento e Regia Antonio Cervigni



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *