Cerca nel blog

domenica 6 dicembre 2015

RON in concerto al Teatro Civico di Vercellisabato 19 dicembre 2015

 



RON IN CONCERTO
TEATRO CIVICO DI VERCELLI
SABATO 19 DICEMBRE ORE 21.00
biglietti da € 30,00 a scalare
Info: 349 8409911

“La musica è fatta di tante parole, di tante note. Condivisa, diventa  ancor più una straordinaria energia”.

Questa frase di RON viene rivolta a Vercelli e al Piemonte: il celebre artista sarà infatti presente sabato 19 dicembre  2015 alle ore 21.00 al Teatro Civico di Vercelli,  via Monte di Pietà.

Un invito ufficiale, per far sì che il  Civico diventi quella sera “una città per cantare”, come recita una sua nota canzone.

Altra gradita novità, il prezzo del biglietto:  si parte dai trenta Euro in giù. Una bella notizia per chi, soprattutto, è abituato a ben altri esborsi, pur di assistere a qualche concerto di artisti del suo calibro.

Del resto,” una città per cantare non deve essere il privilegio di pochi”, sostiene Ron. Affinché si canti tutti insieme il suo  repertorio,  fra suggestive emozioni  e la voglia di cantare.
Ron è nato in provincia di Pavia, figlio di un commerciante di olio d'oliva di origini pugliesi, cresciuto a Garlasco, si avvicina alla musica grazie al fratello Italo, pianista. Comincia a prendere parte ad alcuni concorsi musicali e viene notato  da uno scopritore di talenti della RCA italiana con la quale, seppur ancora minorenne, sottoscrive il primo contratto.
Nel 1970 è  già sul palco di Sanremo, ancora con il nome d'arte di Rosalino, in coppia con Nada nella celebre canzone: "Pa' diglielo a ma'". L'anno seguente ottiene successo con "Il gigante e la bambina",  uno dei primi brani scritti per lui da Lucio Dalla.

"Un disco per l'estate" lo vede ancora in cima alle hit grazie alla cover  della canzone di Cat Stevens “ Father and son”. Nello stesso periodo scrive "La storia di Maddalena" per un film di Mario Monicelli, cantata niente meno che da Sophia Loren.
Nel 1971 scrive con Lucio Dalla "Piazza Grande", che lo stesso Dalla porta a Sanremo l'anno successivo.  La sua carriera prosegue con un elenco infinito di successi, fra cui vanno citati il singolo scritto da Mogol "Evviva il grande amore", "Occhi verdi mari calmi", con cui partecipa al  "Festivalbar", nonché la sua collaborazione per curare gli arrangiamenti di “ Banana Rupublic” tour acclamatissimo  di Francesco De Gregori e Lucio Dalla.
Il 1980 è l'anno di "Una città per cantare",  primo disco in cui nasce lo pseudonimo di Ron. Nello stesso periodo pubblica "Q concert", realizzato con Ivan Graziani e Goran Kuzminac, con i quali intraprende anche una tournée.
Nel 1982 vince il Festivalbar con la canzone "Anima" , in seguito pubblica il disco "Tutti cuori viaggianti", cover di "I can't go for that".
Nel 1984 il singolo "Joe Temerario" viene scelto come sigla di "Domenica In" , oltre a entrare nella colonna sonora del film "Speriamo che sia femmina”, in cui Ron appare peraltro nei panni di se stesso.  Nel 1988 torna a Sanremo con  "Il mondo avrà una grande anima". Anche come produttore fa centro con:  "Sono cose che capitano", primo disco di Biagio Antonacci.
Nel 1990 scrive "Attenti al lupo",  uno dei capolavori più belli di Dalla. In seguito esce l'album "Apri le braccia e poi vola". Segue "Le foglie e il vento", all'interno del quale c’è "Non abbiam bisogno di parole". Nel ‘96  vince il Festival di Sanremo con "Vorrei incontrarti fra cent'anni". Torna a Sanremo nel 1998 con "Un porto nel vento",  nel 2000 festeggia  trent'anni di carriera  con la trasmissione tv "Una città per cantare".
Nel 2002 è in tour con Fiorella MannoiaFrancesco De Gregori e Pino Daniele e nel 2007 pubblica  "Rosalino Cellamare - Ron in concerto" e, l'anno successivo, l'album "Quando sarò capace d'amare".
Si susseguono  le  partecipazioni a Sanremo, i tour, i bellissimi brani… ma non vogliamo citarli tutti. Si potranno cantare insieme a lui, il sabato 19 dicembre al Teatro Civico di Vercelli.
 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI