CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

sabato 19 dicembre 2015

Il Cinema della Modernità: Michelangelo Antonioni e Marco Ferreri dal 7 gennaio 2016 allo Spazio Oberdan Milano


Spazio Oberdan
Viale Vittorio Veneto 2, Milano

Il Cinema della Modernità:
Michelangelo Antonioni e Marco Ferreri
Dal 7 al 26 Gennaio 2016

Presso Spazio Oberdan Milano dal 7 al 26 gennaio 2016 Fondazione Cineteca Italiana propone una rassegna che mette a confronto due dei più grandi registi della storia del cinema non solo italiano, Michelangelo Antonioni e Marco Ferreri, autentici innovatori del linguaggio filmico, punti di riferimento essenziali della modernità cinematografica.

Fin dal suo esordio (Cronaca di un amore, 1950), il ferrarese Michelangelo Antonioni ha saputo rinnovare l'estetica neorealista, per poi inserirsi, dalla seconda metà degli anni Cinquanta, con stile assolutamente personale, nella grande onda di sperimentazione linguistica che vide coinvolte varie cinematografie europee. Quello di Antonioni possiamo definirlo un cinema del "vuoto": il vuoto interiore dei protagonisti (spesso afasici nei gesti e nelle parole, come ammutoliti, sopraffatti), i vuoti nella struttura drammatica (i celebri "tempi morti" che regolarmente interrompono e dilatano la progressione narrativa attraverso lunghe inquadrature o intere sequenze in cui l'azione è rarefatta fino a scomparire) e il vuoto degli spazi, quando lo sguardo del regista indugia su luoghi, paesaggi, edifici, periferie che si ergono a protagonisti della visione.

Altrettanto rivoluzionario è stato il milanese Marco Ferreri, ma in modo diverso. Anche le sue opere sono profonde e caustiche analisi socio-antropologiche sulla condizione esistenziale dell'individuo moderno, sulla sua alienazione prodotta da un sistema consumistico che ne azzera progressivamente l'umanità, ma lo stile è qui più provocatorio, venato di humor nerissimo, vicino alla lezione del surrealismo storico (si pensa a Buñuel) nella costruzione di universi di kafkiana incomprensibilità. Segnaliamo che fra i film di Ferreri in programma, proponiamo in più passaggi, grazie alla collaborazione della Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca nazionale, un'opera rarrissima: quel Break-Up – L'uomo dei cinque palloni che il regista realizzò nel 1968 a partire da un corto inserito nel 1965 nel film collettivo Oggi, domani e dopodomani e che già all'epoca ebbe una distribuzione assai sporadica per poi essere praticamente dimenticato.


SCHEDE DEI FILM E CALENDARIO

Break-Up - L'uomo dei cinque palloni
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, Rafael Azcona. Int.: Marcello Mastroianni, Catherine Spaak, William Berger, Ugo Tognazzi, Marco Ferreri. Italia/Francia, 1968, 86'.
Un geniale apologo sulla solitudine e l'alienazione nella società moderna attraverso la storia di un industriale alla vigilia delle nozze che si scopre ossessionato dal desiderio di verificare scientificamente quale sia il punto di rottura dei palloncini pubblicitari.
Copia proveniente da Fondazione Centro Sperimentale di Cinematografia – Cineteca nazionale.
In proiezione: Mercoledì 13 gennaio h 21.15 / Sabato 16 gennaio h 15 / Domenica 17 gennaio h 21 / Giovedì 21 gennaio h 19

La cagna
R.: M. Ferreri. Sc.: Ennio Flaiano, Jean-Claude Carrière, M. Ferreri. Int.: Marcello Mastroianni, Catherine Deneuve, Michel Piccoli, Corinne Marchand. Italia/Francia, 1972, 100'.
Abbandonata la società, un disegnatore di fumetti si ritira a vivere su un'isoletta sarda in compagnia del cane Melampo. Lo raggiunge una donna, che finirà per uccidere il cane e ne prenderà il posto come compagna muta e fedele dell'uomo.
In proiezione:  Giovedì 7 gennaio h 17 / Sabato 23 gennaio h 15

Dillinger è morto
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, Sergio Bazzini, da un'idea di Rafael Azcona. Int.: Michel Piccoli, Anita Pallenberg, Annie Girardot, Gino Lavagetto, Carla Petrillo, Carol André, Adriano Aprà. Italia, 1969, col., 95'.
La "giornata particolare" di un maturo professionista, ricco, di successo e sposato. Rientra a casa un po' tardi, mangia qualcosa, vaga in giro, guarda dei vecchi super8, ritrova una pistola, la pulisce con cura, fa un salto nella stanza della cameriera… Poi va dalla moglie, che sta dormendo, e la uccide.
In proiezione:  Domenica 10 gennaio h 21 / Venerdì 22 gennaio h 17

La donna scimmia
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, R. Azcona. Int.: Ugo Tognazzi, Annie Girardot. Italia/Francia, 1964, b/n, 90'.
Un cinico impresario convince una donna resa mostruosa dalla fitta peluria che la ricopre a sposarlo. L'uomo ha capito di poterla sfruttare esibendola nelle fiere.
In proiezione:  Sabato 9 gennaio h 16.45

La grande abbuffata
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, R. Azcona. Int.: Ugo Tognazzi, Marcello Mastroianni, Michel Piccoli, Philippe Noiret, Andrea Ferréol. Italia/Fr., 1973, col., 123'.
Agghiacciante metafora di una società che tende all'autoannientamento, il film racconta di come 4 amici decidono di suicidarsi rinchiudendosi in una casa e mangiando fino a scoppiare.
In proiezione:  Lunedì 25 gennaio h 21

Marcia nuziale
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, Rafael Azcona, Diego Fabbri. Int.: Ugo Tognazzi, Catherine Faillot, Gaia Germani, Tecla Scarano, Alexandra Stewart, Gianni Bonagura. Italia/Francia, 1965-'66, 83'.
Film in 4 episodi di tono grottesco sulle frustrazioni della vita a due: da uomini che preferiscono le bambole, a coppie il cui rapporto è ormai simile a quello dei cani o è iperprogrammato all'interno di una disumanizzante routine
In proiezione:  Venerdì 15 gennaio h 17

Una storia moderna - L'ape regina
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, Rafael Azcona, da un'idea di Goffredo Parise (l'atto unico La moglie a cavallo). Int.: Ugo Tognazzi, Marina Vlady, W. Giller, L. Sini, Riccardo Fellini, G. Polidoro. Italia/Francia, 1962, b/n, 91'.
Feroce apologo contro la concezione cattolico-borghese della famiglia attraverso la storia di un uomo che, sposatosi con una brava ragazza di sani principi religiosi, la vedrà trasformarsi in un'assatanata che gli succhierà la vita pur di rimanere incinta.
In proiezione:  Lunedì 11 gennaio h 19

Storie di ordinaria follia
R.: M. Ferreri. Sc.: M. Ferreri, Sergio Amidei, dall'omonimo libro di racconti di Charles Bukowski. Int.: Ben Gazzara, Ornella Muti, Tanya Lopert, Susan Tyrrell, Katya Berger, Carlo Monni. Italia/Francia, 1981, 101'.
Il protagonista è un poeta che, a dispetto dell'età, continua a vivere da artista maledetto: alcol, donne, rabbiosa solitudine. Poi incontra una ragazza, Cass, che fa la prostituta e conduce a sua volta una vita da inventare ogni giorno.
In proiezione Lunedì 11 gennaio h 19




Le amiche
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Suso Cecchi D'Amico, Alba De Cespedes, dal racconto Tra donne sole (in La bella estate) di Cesare Pavese. Int.: Valentina Cortese, Eleonora Rossi Drago, Madeleine Fischer, Yvonne Forneaux, Gabriele Ferzetti, Franco Fabrizi. Italia, 1955, b/n, 90'.
La storia di un gruppo di donne, con qualche uomo di mezzo, dell'alta borghesia torinese. Intrighi amorosi, futili rivalità, chiacchiere e colpi bassi: fino all'esito tragico.
Leone d'argento al festival di Venezia 1955.
In proiezione:  Venerdì 8 gennaio h 17

L'avventura
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Elio Bartolini, Tonino Guerra. Int.: Monica Vitti, Gabriele Ferzetti, Lea Massari, Dominique Blanchard, Lelio Luttazzi. Italia/Fr., 1959, b/n, 140'.
La gita di un gruppo di amici alto-borghesi alle Eolie termina con la scomparsa di una donna, Anna. Ha così inizio una ricerca sempre più svogliata da parte del fidanzato Sandro e dell'amica Claudia, fra i quali nasce una relazione.
Premio speciale della giuria al festival di Cannes 1960.
In proiezione:  Giovedì 7 gennaio h 21 / Martedì 19 gennaio h 17

Blow-Up
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Tonino Guerra (con la collaborazione di Edward Bond), dal racconto di Julio Cortàzar La bava del diavolo. Int.: David Hemmings, Vanessa Redgrave, Sarah Miles, Peter Bowles, Verushka. Italia/GB, 1966, col., 110'.
Thomas è un giovane fotografo inglese di successo. Ricco e circondato di bellissime modelle, l'uomo conduce una vita in realtà solitaria, un po' annoiata, ma sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Un giorno, sviluppando delle foto scattate un po' a caso in un giardino pubblico, è colpito da strani dettagli impercettibili nella visione diretta e dai quali crede riesce a ricostruire una vicenda misteriosa con al centro un probabile omicidio.
Palma d'oro al festival di Cannes 1967.
In proiezione:  Domenica 17 gennaio h 14.45 / Martedì 26 gennaio h 18.45

Cronaca di un amore
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Daniele D'Anza, Silvio Giovaninetti, Francesco Maselli, Piero Tellini. Int.: Lucia Bosé, Massimo Girotti, Ferdinando Sarmi, Gino Rossi. Italia, 1950, b/n, 110'.
Paola, sposata per interesse a un anziano capitano d'industria, è giovane, bella e infelice. Quando ritrova Guido, amato anni prima, la passione si riaccende. Ben presto i due cominciano a pensare a come liberarsi dello scomodo marito, la cui morte tornerà però a separarli.
In proiezione:  Mercoledì 13 gennaio h 16.45

Il deserto rosso
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Tonino Guerra. Int.: Monica Vitti, Richard Harris, Carlo Chionetti, Xenia Valderi, Aldo Grotti. Italia/Fr., 1964, col., 120'.
Infelicemente sposata e con un amante, Giuliana si dibatte in modo confuso nella crisi della sua esistenza, vuota come la città in cui vive, Ravenna.
Leone d'orol festival di Venezia 1964.
In proiezione:  Domenica 24 gennaio h 14.45

L'eclisse
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Tonino Guerra, con la collaborazione di Elio Bartolini e Ottiero Ottieri. Int.: Alain Delon, Monica Vitti, Francisco Rabal, Lilla Brignone. Italia/Fr., 1962, b/n, 125'.
Terzo capitolo dell'ideale trilogia sulla incomunicabilità che comprende i precedenti L'avventura e La notte, il film racconta il breve incontro senza futuro fra una donna appena uscita da una relazione e un giovane e rampante agente di borsa. Sullo sfondo, sempre il deserto metropolitano di Milano.
Premio speciale della giuria al festival di Cannes 1962.
In proiezione:  Domenica 10 gennaio h 14.30

Il grido
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Elio Bartolini, Ennio De Concini. Int.: Steve Cochran, Alida Valli, Dorian Gray, Betsy Blair, Lyn Shaw. Italia, 1956, 102'.
Aldo è un operaio che vive da anni con una donna sposata. Dopo l'ennesimo litigio, l'uomo abbandona la casa e, tirandosi dietro la piccola figlia, si abbandona a una drammatica deriva fra le terre desolate della pianura padana.
In proiezione:  Lunedì 11 gennaio h 17 / Martedì 26 gennaio h 16.45

La notte
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Ennio Flaiano, Tonino Guerra. Int: Jeanne Moreau, Marcello Mastroianni, Monica Vitti, Bernhard Vicki. Italia/Fr., 1961, 122'.
Concentrata nell'arco di poche ore - dal tramonto all'alba -, la descrizione della crisi lenta e inesorabile in cui scivola il rapporto sentimentale fra due persone, lui scrittore di successo tormentato dai dubbi, lei bella ed elegante ma disillusa dalla vita. Fra una visita in ospedale a un amico gravemente malato e una festa mondana di ricchi borghesi, i due si aggirano come fantasmi in una Milano livida e vuota.
In proiezione:  Sabato 9 gennaio h 18.30 / Giovedì 14 gennaio h 16.45

Professione reporter
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Mark People, Peter Wallen. Int.: Jack Nicholson, Maria Schneider, Jenny Runacre, Ian Hendry . Italia/Fr./Sp., 1975, col., 124'.
David Locke, reporter di successo, lanciatissimo nella professione ma ormai sazio e annoiato dalla vita, scopre durante un viaggio di lavoro in Africa l'opportunità di ricominciare tutto daccapo: rinvenuto il cadavere di un uomo che gli somiglia, inscena la propria finta morte e assume l'identità del defunto. Mal gliene incoglie: l'uomo era un trafficante d'armi che riforniva il movimento di ribellione a un piccolo dittatore africano. David si ritrova così a essere braccato dai killer del despota, decisi a farlo fuori.
Palma d'oro al festival di Cannes 1967.
In proiezione:  Sabato 23 gennaio h 21.15 / Lunedì 25 gennaio h 16.45

Zabriskie Point
R.: M. Antonioni. Sc.: M. Antonioni, Tonino Guerra, Fred Gardner, Sam Shepard, Clare People. Mont.: M. Antonioni, con la collaborazione di Franco (Kim) Arcalli. Int.: Mark Frechette, Daria Halprin, Rod Taylor, Harrison Ford. Italia/USA, 1970, col., 110'.
Ambientata in un deserto americano, la storia d'amore, libertà e ribellione di due giovani, il cui sogno profetico è quello di veder esplodere la società borghese e capitalistica.
In proiezione:  Martedì 12 gennaio h 18.45 / Domenica 24 gennaio h 21


MODALITÀ D'INGRESSO:
Biglietto d'ingresso intero: € 7,00
Biglietto d'ingresso ridotto con Cinetessera: € 5,50
Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni all' Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.
I biglietti possono essere acquistati in prevendita alla cassa di Spazio Oberdan da una settimana prima dell'evento nei giorni e negli orari di apertura della biglietteria.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *