CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

venerdì 4 marzo 2016

"Il giro del mondo in 80 giorni": a teatro il viaggio e l'avventura per tutta la famiglia




Domenica 6 marzo al Teatro Astra di Vicenza la Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani di Torino con l'adattamento del capolavoro di Verne 1873.

"IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI": A TEATRO IL VIAGGIO E L'AVVENTURA PER TUTTA LA FAMIGLIA

Per "Famiglie a Teatro" uno spettacolo dinamico, ricco di suggestioni coreografiche, gestuali e musicali provenienti da vari continenti.



(Vicenza, 04.03.2016) Il londinese Phileas Fogg e il suo cameriere francese Passepartout hanno fatto una scommessa di 20.000 sterline con i compagni del Reform Club: circumnavigare il globo terrestre in soli 80 giorni, utilizzando ogni mezzo di trasporto, antico e moderno. Ma il loro non sarà un viaggio tranquillo! Chissà quali trabocchetti studierà l'ispettore Fix per ostacolare l'incredibile impresa… È una grande favola moderna quella che la compagnia Fondazione Teatro Ragazzi e Giovani porterà in scena al Teatro Astra di Vicenza domenica 6 marzo (ore 15 e 17) con "IL GIRO DEL MONDO IN 80 GIORNI".

L'appuntamento fa parte della rassegna "Famiglie a Teatro 2015 2016" organizzata da La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale per il Comune di Vicenza con il sostegno del Ministero dei Beni Culturali, Regione Veneto, Provincia di Vicenza, Banca Popolare di Vicenza e Askoll.

La compagnia torinese, che il pubblico vicentino ha già avuto modo di apprezzare due stagioni fa con l'indimenticato "Marco Polo e il Viaggio delle Meraviglie", torna a Vicenza con l'adattamento del romanzo d'avventura pubblicato da Jules Verne nel 1873. Scritto e diretto da Luigina Dagostino, lo spettacolo vede in scena Claudio Dughera, Daniel Lascar e Claudia Martore (autrice anche delle scenografie), impegnati ad accompagnare grandi e piccini attraverso terre lontane e luoghi misteriosi, in un caleidoscopio di situazioni e personaggi, tra cui l'affascinante principessa indiana Auda.

Il gusto per il viaggio e per l'avventura, il piacere della scoperta e della conoscenza sono così i temi centrali di uno spettacolo che vive grazie ad un inesauribile gioco di teatro d'attore, al quale si aggiungono le sorprendenti trasformazioni della scenografia attraverso cui prendono vita di volta in volta i vari quadri della vicenda, e i suggestivi giochi di luce che permettono di calarsi nelle atmosfere del viaggio.

"Il romanzo di Verne – spiega il regista - è considerato una favola della modernità attraverso il quale l'autore ha voluto trasmettere ai giovani del suo tempo la grandezza del mondo e, conseguentemente, il valore del viaggio come strumento attraverso il quale ampliare i propri orizzonti in modo da conoscere e familiarizzare con i differenti popoli verso un'educazione interculturale. Una favola avventurosa – scientifica, dove "il c'era una volta" può scomparire".

E così, anche una scommessa che i membri del Reform Club giudicano "stupida e folle" - gettare al vento 20.000 sterline al semplice scopo di provare che la terra non è più vasta come un tempo e che percorrerla è il massimo dell'eccentricità per gli aristocratici di quel periodo – appare alla fine sotto una luce completamente diversa: come dirà alla fine Phileas Fogg, ciò che modifica realmente la vita è l'arricchimento delle relazioni umane: "l'amore e l'amicizia… vale la pena di attraversare tutto il mondo per trovare qualcosa di tanto prezioso!!".

Lo spettacolo è consigliato a partire dai 5 anni di età.

Biglietti: intero 6,50 euro, ridotto 5 euro, bambini 4 euro (diritto di prevendita 0,50 euro).

A partire da un'ora prima dell'inizio dello spettacolo è a disposizione gratuita del pubblico il parcheggio Tennis Palladio 98. Inoltre nei fine settimana il parcheggio della Provincia (di fronte al Teatro) è aperto alla cittadinanza. Entrambi hanno capienza limitata, si consiglia di arrivare in anticipo. Prima e dopo lo spettacolo è attivo il punto di ristoro Equobar con i suoi prodotti di caffetteria, pasticceria e snack equosolidali, biologici e a km zero.



Informazioni per il pubblico: Ufficio Teatro Astra, Contrà Barche 55 (Vicenza), telefono 0444 323725, info@teatroastra.it, www.teatroastra.it




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *