CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

martedì 8 marzo 2016

Stefano Bollani e Valentina Cenni al Teatro di Cagli (PU)


Musiche composte ed eseguite dal vivo da Stefano Bollani


Teatro Comunale di Cagli - Sabato 11 marzo Ore 21.00 - Esclusiva Regionale



Parte dal Comunale di Cagli la tournée de "La Regina Dada", nuova versione dello spettacolo scritto e interpretato a due mani da Stefano Bollani e Valentina Cenni , con un andamento da fiaba,surreale e piena di musica.

Il lavoro che è giunto alla versione 2.0, come afferma lo stesso Bollani, sta prendendo forma definitiva proprio al Teatro di Cagli, dove la troupe è in residenza per una settimana e verrà presentato in anteprima ed esclusiva regionale venerdì 11 marzo alle 21.00.

La storia in sintesi è questa: la Regina Dada, sovrana di un universo immaginario è stanca del suo ruolo di potere e decide di abdicare e abbandonare il regno. Nella fuga trova rifugio presso il suo maestro di musica dove si ferma per cercare un senso diverso dellasua vita, un nuovo inizio lontano dagli obblighi regali. È l'inizio di una sarabande di vicende dall'andamento non lineare ma sempre guidate dalla musica.

La Regina Dada rappresenta il rifiuto di ogni limite allo spirito creativo. Con la sua fuga mette in dubbio tutte le convenzioni, facendo intendere che solo la rinuncia ai ruoli precostituiti indicherà la via autentica per trovare se stessa.

Stefano Bollani è musicista e artista poliedrico, che ha al suo attivo numerose e fortunate scorribande nei territori radiofonici e televisivi, ora con "La Regina Dada" arriva al debutto come autore e attore teatrale al fianco di Valentina Cenni, attrice e danzatrice. Insieme costruiscono uno spettacolo dall'andamento onirico e punteggiato dalla di musica. È un lavoro fiabesco che esplora i mondi della creatività, fuori da schemi oppressivi e senso comune.

Con lo spettacolo di Cagli prende il via un'intensa tournèe che porterà la Regina Dada nei teatri di tutta Italia.

Tutte le informazioni sul sito del Teatro di Cagli www.teatrodicagli.it
Platea e Palchi 20,00 € - Loggione 15,00 €
Botteghino - tel. 0721 781341 - 329 1663410 (Metella)


Valentina Cenni
Nata a Riccione nel 1982, ha studiato danza classica/contemporanea per 18 anni, conseguendo varie borse di studio e il diploma della Royal Academy of Dancing di Londra. Nel 2007 viene scelta per I racconti di Canterbury di Stefan Gabor, una produzione di teatro musicale in ungherese al Teatro Nazionale di Budapest. Nello stesso anno si diploma all' Accademia nazionale d'Arte Drammatica Silvio D' Amico. 
Frequenta laboratori con vari registi tra cui Carmelo Rifici, Luca Ronconi, Massimiliano Civica, MK, Massimiliano Farau. Prende parte a progetti molto diversi tra loro. Fra gli altri: Il compleanno di Pinter per la regia di Fausto Paravidino; Prenditi cura di me e Nessun luogo è lontano di Giampiero Rappa; Antigone di Sofocle per la regia di Cristina Pezzoli al Teatro Greco di Siracusa. 
Canta e balla in Aggiungi un posto a tavola, prodotto dal Teatro Sistina, nel ruolo da protagonista accanto a Gianluca Guidi (con il quale ha fatto anche radio, nel programma di Radiouno Gianvarietà). E' Rossana nel Cyrano di Bergerac di e con Alessandro Preziosi e Desdemona nell'Otello di e con Luigi Lo Cascio. 
E' autrice, regista e interprete, insieme a Stefano Bollani, de La regina dada, in tour nei teatri italiani da marzo 2016. Per Rai3 è protagonista di Babele di Letizia Russo, nato all' interno del progetto di teatro in televisione Atto unico e prende parte alla serie tv Non uccidere per la regia di Giuseppe Gagliardi. Al cinema, interpreta il ruolo di Micol nel film di Sergio Castellitto Nessuno si salva da solo.
Da una decina d' anni inventa e porta in scena spettacoli di danza col fuoco. Di recente insieme al violoncellista Enrico Melozzi forma il duo I fuochi di Bach. Porta avanti parallelamente una attività di fotografa realizzando copertine di libri (Mondadori) e dischi (ECM, Universal). Ha inoltre ideato e realizzato il videoclip del brano Arrivano gli alieni di Stefano Bollani.

Stefano Bollani
Musica come enorme gioco da re-inventare in continuazione, da solo o con i compari più diversi. Bollani sale sul palco per imparare ogni sera qualcosa e "perché è più conveniente che pagare uno psicanalista". 
Cerca stimoli ovunque, in tutta la musica del passato ma soprattutto esplora il presente, l'attimo, improvvisando a fianco di grandi artisti come il suo nobile mentore Enrico Rava, Richard Galliano, Bill Frisell, Paul Motian, Chick Corea, Hamilton de Holanda. 
Con lo stesso animo si insinua all' interno di orchestre sinfoniche come la Gewandhaus di Leipzig, la Scala di Milano e l'Orchestre National de Paris facendosi prendere per mano da direttori coraggiosi e entusiasti come Riccardo Chailly, Krjstian Jarvi, Daniel Harding. 
Insieme al bassista Jesper Bodilsen e al batterista Morten Lund, da 12 anni, cerca il modo di far vivere al pubblico lo stesso divertimento che provano loro ogni qual volta le voci dei loro strumenti si uniscono. Celebra la forma-canzone fianco a fianco con Caetano Veloso e Hector Zazou ma anche insieme a noti conterranei quali Irene Grandi, Fabio Concato, Elio e le storie tese. 
Quando non suona, scrive libri o inventa spettacoli teatrali come Primo Piano, con la Banda Osiris o La regina dada, scritto e interpretato insieme a Valentina Cenni, che oltre a essere una meravigliosa attrice è la donna che vive al suo fianco.
In radio, complice quel geniaccio di David Riondino, ha dato vita al Dottor Djembè, onnisciente musicologo che ha sparso semi di ironia e sarcasmo per svariati anni dai microfoni di RadioRai3. 
In tv, dopo l'esperienza alla corte di Renzo Arbore, si è lanciato per Rai3 in jam-session di parola e musica in due stagioni del suo Sostiene Bollani. Tutto sempre per comunicare gioia. Joy in spite of everything, come recita il titolo di un suo recente lavoro per ECM, prendendo in prestito una frase del grande Tom Robbins.


Teatro Comunale di Cagli Istituzione • Piazza Papa Niccolò IV, 61043  Cagli (Pesaro Urbino - Marche)
tel. 0721 780731 • Botteghino tel. 0721 781341 • www.teatrodicagli.it • Facebook Teatro Comunale di Cagli


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *