CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

martedì 8 marzo 2016

TEATRO GHIONE "MEDEA" dal 15 al 24 marzo

dal 15 al 24 marzo 2016

Teatro Garage
presenta

Barbara De Rossi
in
MEDEA
Di Jean Anouilh


Traduzione di Giulio Cesare Castello
 
 con

Tatiana Winteler (la nutrice),  FrancescoBranchetti (Giasone),
Lorenzo Costa (Creonte), Fabio Fiori(ragazzo, guardia)

Regia Francesco Branchetti

musiche  Pino Cangialosi -  scene e costumi Clara Surro


Distribuzione pigrecodelta  

Note di regia
Mettere in scena oggi "Medea" di Jean Anouilhsignifica non solo rendere omaggio ad uno dei piùgrandi autori del teatro francese del Novecento, maanche e soprattutto riscoprire un testo straordinarioda ogni punto di vista, un testo in cui regna unpersonaggio come quello di Medea dalla enormeforza tragica, nella sua solitudine straziante, nellasua sensualità dolorosa, nel suo essere votata ad un amore che non conosce limiti, nella suadisperazione, nel suo essere travolta da unsentimento incontrollabile e nella sua rivolta alleregole. La "Medea" di Anouilh ha una strutturadrammaturgica molto forte e caratteristichespecifiche ed originali che la rendono unica. Inpochi testi come in questo ho trovato la perfezionedella drammaturgia unirsi alla costruzione dipersonaggi teatrali dalla potenza tragica strepitosae ad un'indagine psicologica straordinaria.

Anouilh, mirabilmente, rende sentimenti e rapportisempre più assoluti e universali, nella loro più scoperta quanto complessa umanità. La tragedia ela vicenda umana ed esistenziale di Medea assumono nel testo significati appunto universali edi straordinaria attualità.

La regia e lo spettacolo ricostruirannoscenicamente, visivamente, musicalmente, il mondo della protagonista e dei suoi sentimenti "straordinari", "estranei", da "emarginata", la suaanima straziata e dolente, capace di piegarsi al dubbio, alla debolezza, addirittura alla tenerezza più struggente, che, secondo me, tanto ci parleràdella condizione universale della donna, pur seindagata in un esempio estremo ed eccezionale.

In scena Medea dolorosamente emarginata vive,insieme alla Nutrice, una condizione di disperatasolitudine e, ancora di più, la sua condizione diestraneità dovuta al suo essere "barbara" e"diversa" in una lotta feroce per la sua dignità didonna e per un amore che non conosce limiti.Quando la sua dignità di donna le verrà negata, la vendetta sarà terribile e inaudita con l'uccisionedei figli. Medea sarà emblema dell'amore einsieme della morte e la tragedia vivrà tutta in lei enella sua sfaccettata e travolgente personalità;accanto le sarà, in una sorta di controcanto, laNutrice, personaggio di straordinaria importanza; e poi Giasone, mirabilmente disegnato da Anouilh nei suoi accenti e aspetti più "umani" ; un Giasone stanco degli eccessi e del peso di una passione ormai per lui troppo grande. 

Creonte sarà, infine, l'incarnazione di un potere fatto di regole che nientee nessuno può mettere in discussione, pena la rottura di equilibri troppo importanti e ladissoluzione di tutto un mondo. La regia e lo spettacolo hanno l'intento e l'obbiettivo di restituireal testo la straordinaria capacità, attraverso la vocedi Medea e degli altri personaggi, di parlare, dievocare, di "far apparire" un mondo di passioniestreme, di paure, di incubi, di umane debolezze, disolitudine, di lotta disperata per la propria dignità, diforze oscure, misteriose, magiche ed arcane, dipulsioni innominabili, di violenza, in cui tutti noifiniremo per trovare, attraverso la parola di Anouilh,il nostro presente più dilaniato, il nostro oggi cositravagliato, sia che si parli di rapporti umani, che diguerre, che di contrapposizione fra culture, che di"esuli", che di lotta per il potere, che di eventi"straordinari" di violenza oppure di dolore o disofferenza, che sembrano talvolta evocare il mito egli straordinari personaggi mirabilmente disegnati dalla penna di Anouilh.
                                                                                                                             
Francesco Branchetti





Tutta la programmazione sarà accessibile anche a spettatori non vedenti e sordi che, grazie al Ghionepossono da alcuni anni, vivere l'esperienza del teatro.


info: Teatro Ghione, via delle Fornaci 37, 00165 Roma

tel. 06 6372294 – 06 39670340, fax 06 39367910 – info@teatroghione.it

Direzione artistica: Roberta Blasi



--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *