Cerca nel blog

Caricamento in corso...

sabato 16 aprile 2016

NATALIA GINZBURG (1916 – 2016), STORIA DI UNA VOCE | Torino, 4-10-18 maggio | Auditorium Grattacielo Intesa Sanpaolo

Toni Servillo, Anna Bonaiuto, Lella Costa:
tre straordinari interpreti per un grande scrittrice. 

4-10-18 maggio 2016, ore 21 - Auditorium Grattacielo Intesa Sanpaolo



Prende il via a maggio il programma di attività culturali che Intesa Sanpaolo offre alla città di Torino nell'auditorium del suo Grattacielo, in corso Inghilterra. Si tratta di un progetto articolato che consentirà alla città di conoscere gli spazi dell'edificio ideato da Renzo Piano non destinati all'operatività tradizionale della banca.

Si inaugura con un omaggio a Natalia Ginzburg nel centenario della nascita della scrittrice, cresciuta a Torino, che è figura di primo piano della letteratura italiana del Novecento. Progetto a cura di Giulia Cogoli.

Toni Servillo, Anna Bonaiuto e Lella Costa sono i tre straordinari attori della scena italiana che leggeranno alcune delle pagine più emozionanti di Natalia Ginzburg.

Mercoledì 4 maggio TONI SERVILLO leggerà Le piccole virtù
Scritta nel 1962, questa raccolta di testi autobiografici e saggistici, ripercorre la vita della grande scrittrice, i suoi modi di «sentire» fatti, cose, gesti, voci.
"Per quanto riguarda l'educazione dei figli, penso che si debbano insegnar loro non le piccole virtú, ma le grandi. Non il risparmio, ma la generosità e l'indifferenza al denaro; non la prudenza, ma il coraggio e lo sprezzo del pericolo; non l'astuzia, ma la schiettezza e l'amore alla verità; non la diplomazia, ma l'amore al prossimo e l'abnegazione;" (Le piccole virtù)

Martedì 10 maggio ANNA BONAIUTO leggerà alcune pagine di Lessico familiare (1963), il romanzo autobiografico con il quale vinse il premio Strega e che ha avuto uno straordinario successo internazionale di critica e di pubblico.
"Nella mia casa paterna, quand'ero ragazzina, a tavola, se io o i miei fratelli rovesciavamo il bicchiere sulla tovaglia, o lasciavamo cadere un coltello, la voce di mio padre tuonava: Non fate malagrazie! Se inzuppavamo il pane nella salsa, gridava: – Non leccate i piatti! Non fate sbrodeghezzi! non fate potacci! " (Lessico familiare)

Mercoledì 18 maggio LELLA COSTA leggerà due delle undici commedie scritte fra il 1965 e il 1991. Ti ho sposato per allegria e La parrucca sono testi teatrali solo apparentemente comici, che rivelano la multiforme curiosità intellettuale della scrittrice.
"…Prima di incontrare te, sono stato sul punto di sposarmi almeno diciotto volte. Mi son sempre tirato indietro. Perché scoprivo in quelle donne qualcosa che mi dava i brividi. Scoprivo, nel profondo del loro spirito, un pungiglione. Erano delle vespe. Quando ho trovato te, che non sei una vespa, ti ho sposato." (Ti ho sposato per allegria)

Le serate saranno introdotte da Domenico Scarpa, curatore delle opere di Natalia Ginzburg edite da Einaudi.

 
Sede incontri:
Grattacielo Intesa Sanpaolo, corso Inghilterra 3 – Torino
Ore 21.00
Ingresso libero

Ingresso gratuito su prenotazione.
Le modalità di prenotazione saranno comunicate nei giorni precedenti i singoli eventi.


Natalia Ginzburg
Natalia Ginzburg, di cui ricorre il prossimo 14 luglio il centenario della nascita, è una delle voci più belle e più amate del Novecento, non soltanto in Italia. Ha scritto opere memorabili, i cui titoli sono passati in proverbio e fanno ormai parte della nostra lingua, anzi, della nostra vita quotidiana: Le piccole virtù, Lessico famigliare, Ti ho sposato per allegria. Le stesse sue vicende private – le peripezie di una folta famiglia di antifascisti torinesi di origine ebraica, tra gli anni '20 e gli anni '50 del secolo scorso – sono divenute vicende che appartengono a ciascuno dei suoi lettori: e ciò si deve proprio al linguaggio di quella famiglia, al suo lessico e ai suoi accenti. Si potrebbe dire, anzi, che Lessico famigliare non sia altro che la storia di una voce che da bambina si fa adulta, e che tenendosi nella penombra restituisce – con ironia ed empatia – ogni sfumatura delle persone, delle loro vicissitudini e dei loro stati d'animo.
Era perciò naturale il desiderio di celebrare questa ricorrenza offrendo al pubblico per l'appunto la storia della voce di Natalia Ginzburg. Fin dal suo primo breve racconto, scritto all'età di diciassette anni, Natalia Levi (questo il cognome di nascita) ha attraversato oltre mezzo secolo di storia del nostro paese, sperimentando forme di espressione sempre nuove: dalla novella al romanzo alla commedia, dall'autobiografia alla cronaca a quelli che lei stessa definì «saggi morali», dalla traduzione di classici quali Proust, Flaubert e Maupassant, fino alla poesia in versi e all'intervento civile legato al suo impegno in Parlamento. Romanzi come Le voci della sera o Caro Michele, affreschi storico-narrativi come Tutti i nostri ieri o La famiglia Manzoni, un pamphlet di furente asserzione come Serena Cruz o la vera giustizia, hanno segnato il loro tempo.
Ecco perché i testi di Natalia Ginzburg meritano di essere riletti ad alta voce: affinché risuonino fisicamente, oggi, tra i suoi lettori antichi e nuovi


Auditorium sospeso
Il grattacielo offre al pubblico alcuni ambienti particolarmente suggestivi. Spazi permeabili alla vita della città, aperti agli appassionati dell'ingegno e della bellezza e a chi cerca nuove prospettive verticali. La hall del piano terra, aperta sul Giardino Grosa, completamente riqualificato nel 2014, conduce con due scale mobili all'Auditorium sospeso. Attraverso un sistema meccanizzato la sala, che può ospitare fino a 364 posti a sedere, assume in breve tempo tre diverse configurazioni: sala conferenze, concerto e spazio espositivo. La qualità acustica è assicurata da un sofisticato sistema di controllo dei rivestimenti a parete.




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI