Cerca nel blog

Caricamento in corso...

domenica 27 novembre 2016

Carrozzerie n.o.t: Marco Quaglia e Stefano Patti in ECHOES di Lorenzo De Liberato


CARROZZERIE N.O.T
 
15 | 16 | 17 dicembre 2016
Marco Quaglia e Stefano Patti in
ECHOES
di Lorenzo De Liberato
regia Stefano Patti
voce di "Programma" Giordana Morandini
disegno luci Paride Donatelli
scene Barbara Bessi
costumi Marta Genovese
suono Samuele Ravenna
assistente alla regia Cristiano Demurtas
progetto grafico Simone Ferraro e Martina Mammola
social plan Cristiano Demurtas
progetto sostenuto da Carrozzerie n.o.t
residenza produttiva 2015/16 Teatro Studio Uno
regia e montaggio Teaser e interviste Federico Falcioni

cinematographer  Marco Reitano



Marco Quaglia e Stefano Patti saranno i protagonisti di ECHOES di Lorenzo De Liberato, per la regia di Stefano Patti, in scena a Carrozzerie n.o.t. dal 15 al 17 dicembre 2016. 

Un'utopia distorta, una speranza avariata, un'illusione di progresso che, invece di migliorarci, ci fa sprofondare dentro un baratro oscuro.   

Due personaggi e tante sfaccettature, infinite derive che rispondono alle tante degenerazioni di cui l'umanità si scopre capace. 

Se l'utopia è la prospettiva di qualcosa di meraviglioso, un ideale talmente perfetto da risultare poi irrealizzabile, la distopia è la sua copia carbone, ovvero la versione decadente di una società piena di contraddizioni

In ogni caso parliamo di scenari futuribili, di immaginari spinti verso un ipotetico domani, insomma di proiezioni. Un testo simile al plot di una serie avvincente che potremmo vedere su Netflix, una drammaturgia atipica nel panorama teatrale italiano.  

Uno spettacolo dal taglio cinematografico, un thriller che evoca la drammaturgia anglosassone. Questo e molto altro è ECHOES.

Sinossi
In un futuro distopico e vicino a noi la terra è ormai divisa in grandi blocchi governativi. Non esiste la democrazia come la conosciamo. Non esiste l’umanità come la intendiamo oggi. Una bomba è stata sganciata in un agglomerato urbano. Sono morti un milione di persone. 
Un giornalista, De Bois, intervista il responsabile di questa carneficina, il misterioso Ecoh. La domanda è semplice e precisa: Perché? I due personaggi sembrano molto lontani eppure forse non lo sono. 
Da un lato abbiamo chi rappresenta il potere e dall’altro chi lo combatte. Da questo incontro nascerà uno scontro che arriverà a far sì che i due protagonisti non si riconosceranno più in un buono e in un cattivo ma tenderanno a fondersi.
In un'epoca, simile a quella in cui viviamo, straziata da terrorismo e guerre, cosa possono dirsi due uomini coinvolti in prima persona ai vertici di questa crisi? Echoes offre al pubblico la possibilità di essere spettatori di un dialogo che probabilmente non ascolteremo mai.

Note di regia
Quello che mi ha colpito del testo di Lorenzo De Liberato è l’appassionata crudeltà con cui i due protagonisti (anche se preferirei definirli ‘mondi’) si studiano, si attaccano, si divorano all’interno della griglia drammaturgica del “thriller”: un bunker, una crisi economica, un’intervista, uno sterminio. 
La ricchezza di temi come l’Amore, il Potere, l’Economia e la Religione presenti in Echoes permette un’interessante analisi sull’uomo e soprattutto delle sue paure. 
La paura porta Ecoh a imporre il passaggio di testimone a De Bois: i due opposti diventano così tragicamente complementari. Il bunker, luogo affascinante e oscuro dove è ambientata la vicenda, rappresenta per me un ring, una scacchiera, un set televisivo dove avviene il massacro, principalmente dialettico. 
L’opera diventa così un avvicinamento pauroso verso un burrone durante il quale Ecoh e De Bois si interrogano su quale debba essere la “soluzione” a questa crisi; ma parliamo davvero di crisi economica? Oppure quello di cui si sta veramente parlando è una “crisi” di relazioni, di ideali e di obiettivi? Diveniamo così spettatori di un urlo disperato dove l’unico interlocutore è una eco fredda e distaccata.
Stefano Patti

Il progetto ECHOES e il crowdfunding
Quando abbiamo finito il primo studio di Echoes al Teatro Studio Uno (grazie a una Residenza produttiva) erano tutti contenti ma ero convinto di avere qualcosa di veramente interessante tra le mani e di non averlo sfruttato al meglio: un testo simile al plot di una serie che potremmo vedere su Netflix, una drammaturgia atipica nel panorama teatrale italiano. 
E mi sono detto: “Peccato, un bello spettacolo, e finisce qui, oggi”. I feedback di chi ha visto la prima fase di lavoro sono stati molto confortanti, si è sviluppato un grande interesse attorno a questo progetto e questo mi ha spinto a pensare al futuro di quest’opera. 
Mi sono detto che se avessimo avuto ancora del tempo, se avessi avuto le risorse per fare fino in fondo quello che avevamo in mente, senza doverci limitare, allora forse questo lavoro sarebbe potuto passare ad una fase successiva più grande e ambiziosa: trasformare uno spettacolo indipendente off in una produzione che avesse un futuro e una continuità. 
Questo è lo scopo del nostro crowdfunding: dimostrare che autonomamente si possa realizzare uno spettacolo teatrale in grado di competere all’interno di un settore in cui le piccole produzioni fanno fatica ad emergere. 
Per questo ci siamo appoggiati alla piattaforma Indiegogo. Lo spazio di ricerca e nuova drammaturgia Carrozzerie n.o.t ha deciso di sostenere il progetto Echoes ospitandolo all’interno della propria programmazione.
Stefano Patti


Scopri come sostenere lo spettacolo a questo link: 

Trailer spettacolo:


Carrozzerie n.o.t
Via Panfilo Castaldi 28/a (Ponte Testaccio)
Orario spettacoli: ore 21,00
Biglietti: intero: 12 Euro - Tessera Obbligatoria 3 Euro
Consigliata Prenotazione Telefonica - Ingresso Riservato ai Soci

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI