CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

giovedì 17 novembre 2016

FEMMINICIDIO A TEATRO: STORIE VERE E FATTI DI CRONACA DI VIOLENZA SU DONNE E BAMBINE. IL 19 e 20 NOVEMBRE A ROMA

In attesa della "Giornata Internazionale dedicata alla eliminazione della violenza contro le Donne", uno spettacolo teatrale porta in scena storie vere e fatti di cronaca di violenza di genere.

Il 19 e 20 novembre l'Associazione Donna e Politiche Familiari, attiva presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma, propone "URAGANO", atto unico teatrale in cui la violenza domestica è raccontata "dal di dentro". Presso l'Antica Stamperia Rubattino (Roma - Testaccio).




L'Associazione Onlus "Donna e Politiche Familiari"
presenta

URAGANO

Storie di Donne raccontate dalle Donne

Regia di Stefano De Stefani
Musiche di "Morgan con la I"
Ideazione di Teresa Dattilo

19 e 20 novembre
Antica Stamperia Rubattino
Via Rubattino, 1 - Roma


"Spaccarono la tua bellezza e rimane uno scheletro d'amore
che però grida ancora vendetta e soltanto tu riesci ancora a piangere,
poi ti volgi e vedi ancora i tuoi figli,
poi ti volti e non sai ancora dire
e taci meravigliata e allora diventi grande come la terra
e innalzi il tuo canto d'amore" (Alda Merini).



 "A tutte le donne" è il titolo di questa poesia dell'indimenticabile Alda Merini. A tutte le donne è dedicata e si rivolge "Uragano", "l'opera collettiva teatrale" nata dal progetto dell'Associazione Onlus "Donna e Politiche Familiari", attiva presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma, impegnata da molti anni contro la violenza domestica e di genere.

La rappresentazione di "Uragano", alla quale le donne dell'Associazione hanno lavorato per più di un anno con grande impegno e passione, andrà in scena sabato 19 (ore 21.00) e domenica 20 novembre (ore 17.00) alla "Antica Stamperia Rubattino", nel quartiere Testaccio di Roma.

Le storie raccontate in "Uragano" sono state scritte dalle donne che collaborano con 'Associazione impegnate  da molti anni sui temi della violenza di genere, guidate dal regista Stefano De Stefani. E sono sempre loro, attrici non professioniste, a portarle sul palcoscenico.


SINOSSI:
Una giornata come tante altre, in un ufficio al pubblico. Qualcosa di insolito scuote chi, con pazienza, aspetta il proprio turno. Qualcuno interrompe quella normalità annunciando un evento del tutto imprevisto. Talmente assurdo e impensabile da far pensare a una burla! Invece non è uno scherzo: meglio rimanere lì, al sicuro, ad aspettare che il pericolo passi o che, magari, alla fine non succeda niente. Invece, qualcosa di particolare accade, ma non è ciò che si temeva: la situazione eccezionale spinge le persone presenti, tutte donne, ad aprirsi, a svelare fatti personali, intimi e forti. Ognuna di loro racconta una storia di violenza, vissuta in prima persona o da qualcuno molto vicino o che le ha coinvolte emotivamente. Dopo queste confessioni si sentiranno più vicine, complici, amiche... sorelle.

In "Uragano", la violenza domestica è raccontata "dal di dentro". Non ci sono i classici stereotipi sull'argomento, nessuna scena truculenta o di gratuita rappresentazione di raptus di follia. "Semplicemente" storie di donne, mamme, bambine qualsiasi che, come tante altre purtroppo, hanno vissuto la violenza, in forme diverse, tra le mura domestiche. I testi di "Uragano", ispirati appunto a storie vere e a fatti di cronaca di violenza di genere, sono stati scritti da Eufemia Panattoni, Marcella Delle Donne, Rossana Tosto, Vanna Palumbo e da Stefano De Stefani che ne ha curato anche la regia.

Le interpreti sono Carmela Pignataro, Clara Paggi, Concetta Alvaro, Daniela Dolente, Dolores Pignataro, Laura Di Tommaso, Marcella Delle Donne, Sandra Salerno, Stefania Cosentini, Vanna Palumbo. Le musiche sono del musicista "Morgan con la I", che le esegue dal vivo. L'ideazione del progetto è di Teresa Dattilo.

"Assistere allo spettacolo - dichiara Teresa Dattilo, presidente dell'Associazione "Donna e politiche Familiari" - sarà un modo per stare vicino a tutte quelle donne e a quei bambini che si rivolgono a noi in cerca di un aiuto. Aiuto che viene fornito gratuitamente, e non potrebbe essere altrimenti, dato che i finanziamenti pubblici per questo tipo di interventi sono bloccati. Associazioni come questa possono contare solo sulle donazioni private o le raccolte fondi legate a mostre, corsi e, appunto, spettacoli. Ci auguriamo un'ampia partecipazione di pubblico con il desiderio e la speranza che assistere a "Uragano" aiuti a capire meglio il problema della violenza sulle donne e sui bambini. Perché questa piaga sia debellata per sempre e si possa, pur non senza dolore, un giorno solamente ricordarla."

"Secondo una ricerca condotta dall'Organizzazione Mondiale della Sanitàspiega ancora Teresa Dattilo - il 70% delle donne vittime di omicidi sono state uccise dai loro partner. I dati forniti da Telefono Rosa mostrano che nei primi sei mesi del 2016 le donne che hanno avuto questa sorte sono state 98. Dal gennaio 2015 ben 155 e, nello stesso periodo, almeno 8.856 donne sono state vittime di violenza e 1.261 di stalking. Dati purtroppo riduttivi, poiché il 90% di loro non denuncia le violenze subite. Abusi di natura fisica, sotto forma di percosse e lesioni di vario grado, fino alla morte; psicologica, fatta di minacce, intimidazioni, persecuzioni, coercizioni, umiliazioni; sessuale, nel caso in cui la donna rifiuti gli approcci del partner. Tutto questo accade molto e troppo spesso fra le mura domestiche, in presenza dei figli. La violenza sulle donne non può considerarsi quindi un fatto privato, un'emergenza da controllare. è diventata un fenomeno strutturale di primaria importanza, le cui cause sono anche politiche, oltre che culturali."

"Anche per questo – conclude Teresa Dattilo – iniziative come quella intrapresa dalla Onlus "Donna e Politiche Familiari" possono contribuire a sensibilizzare tutti verso questo fenomeno drammatico. Perché la violenza contro le donne va combattuta tutti i giorni dell'anno: i rossi del calendario non valgono.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *