Cerca nel blog

domenica 22 novembre 2015

Al Teatro Eliseo incontro con Gabriele Lavia: RE LEAR, la tragedia del potere. Venerdì 27 novembre 2015, ore 16.00



Eliseo Cultura
Venerdì 27 novembre 2015, ore 16.00
Teatro Eliseo

Incontro con
Gabriele Lavia

RE LEAR, la tragedia del potere



In collaborazione con il Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea (MLAC) de La Sapienza, Università di Roma


Eliseo Cultura in collaborazione con il MLAC (Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea) dell'Università La Sapienza di Roma diretto dal professore Giuseppe Di Giacomo, propone venerdì 27 novembre alle ore 16.00 l’ultimo appuntamento del seminario dedicato a Re Lear di William Shakespeare. 

Ospite d’eccezione Gabriele Lavia che all’Eliseo tornerà in scena dal 5 al 24 gennaio con Sei personaggi in cerca d’autore.

In questo incontro con Gabriele Lavia non c’è scena, non c’è regia, c’è un grande attore, il pubblico e il testo straordinario di una tragedia “Sono un attore che non ha mai scelto un testo perché volevo fare quella parte, ma cercando sempre la sfida, il confronto con i grandi problemi dell'esistenza che ti propongono i classici: la vita è troppo corta per perdere tempo facendo sciocchezze!”.

Il rapporto di Gabriele Lavia con Re Lear ha un sapore antico, risale infatti al 1973 la sua prima interpretazione della grande tragedia, sotto la direzione di Giorgio Strehler al Piccolo di Milano. Eppure a 73 anni tornare a fare Re Lear, la tragedia dell’ingratitudine filiale, resta il sogno nel cassetto, che non può più realizzare perché ce ne sono stati troppi negli ultimi tempi, tra gli altri quello di Michele Placido. «Chissà se riuscirò più a farlo - dice - perché Re Lear è anziano, ma non vecchissimo: è un uomo ancora in forze che deve riuscire a portare in braccio Cordelia, e se non ci riesce non può essere Re Lear».

L’incontro del Teatro Eliseo si costruisce intorno a una personale narrazione della grande tragedia, un percorso di lettura, di commento al testo e di pura recitazione. Lavia penetra il testo con tutto sé stesso e la sua forza, alla ricerca dell’essenza e di un significato della tragedia che ancora oggi è attuale, nella consapevolezza che «il teatro è un'arte inafferrabile, eppure il mondo, l'uomo sarebbe diverso se non ci fosse stato il teatro, l'unico luogo in cui l'essere umano assiste alla rappresentazione di se stesso, l'unico in cui quindi può riconoscersi e, nel bene o nel male, prendere coscienza, come del resto accade all'attore ogni volta che dice "io faccio un certo personaggio"».

Gabriele Lavia ha attraversato con il suo lungo lavoro – sia da attore che da regista – le più grandi tragedie di Shakespeare: Shakespeare è il più grande di tutti, perché in tutte le tragedie si limita a parlare del problema dell’essere e del non essere. Amleto l’essere ed il non essere. Macbeth, l’incertezza dell’essere. Otello, l’illusione dell’essere. Re Lear, il declino, la rinuncia dell’essere. Re Lear rinuncia ad essere re, ma poi vorrebbe esserlo.’’ Abbiamo visto nell’incontro sulla grande tragedia con Di Giacomo, Nadia Fusini e Massimo Cacciari (lunedì 5 novembre al Piccolo Eliseo) come il dramma di Re Lear sia che la rinuncia all’essere re porti al non essere, viceversa nel mondo devi pur essere qualcosa, altrimenti entri nel mondo della pazzia.




Venerdì 27 novembre 2015, ore 16.00
Teatro Eliseo
Ingresso libero

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI