CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

giovedì 19 novembre 2015

GUERRA! concerto-spettacolo contro le guerre, in memoria del '15-'18 (Auditorium Parco della Musica, 23-24 novembre)


Lunedì 23 e Martedì 24 novembre 2015 - h 21
COSIMO CINIERI
in
GUERRA! '15/18
Drammaturgia e Regia: IRMA IMMACOLATA PALAZZO


Con LA BANDA MUSICALE DELL'ESERCITO ITALIANO diretta dal M° ANTONELLA BONA


E con CARMELA MAFFONGELLI, soprano; ANDREA FERMI, tenore;gli allievi attori della Scuola di Teatro FONDAMENTA e i danzatori della SCUOLA BAILA DANCE e OFFICINA DANZA.

Consulenza storico-bibliografica MICHELE D'ANDREA


AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA - SALA SINOPOLI
Viale Pietro de Coubertin 30 - Roma

La Prima Guerra Mondiale è una pagina fondamentale della nostra storia, senz'altro il primo momento, nella sua tragedia, in cui l'Italia si sentì unita, dal nord al sud, e per questo è necessario serbarne memoria.  L'Italia entra in guerra nel 1915, dopo un anno di neutralità, a fianco dell'Intesa, per chiudere la pagina risorgimentale con la conquista delle terre irredente di Trento e Trieste. Riuscirà a ottenerle sconfiggendo l'impero austro-ungarico al prezzo però di ingentissime perdite umane ed economiche.
Nell'ambito della seconda edizione del festival "Le Rose del Parnaso" Cosimo Cinieri e Irma Immacolata Palazzo, in collaborazione con La Banda Musicale dell'Esercito Italiano diretta dal M°Antonella Bona, daranno vita a Guerra! '15/18, un concerto di Poesia e Musica in Prima nazionale che si snoda lungo un tragitto di migliaia di pagine letterarie per elaborare l'orrore della guerra.
Privilegiando la narrazione del conflitto sul fronte italo-austriaco – il più difficile a detta di tutti, poiché prima di allora nessuno aveva combattuto a più di 3.000 mt d'altezza, vicino ai ghiacciai eterni -  lo spettacolo si svolge su un doppio binario narrativo: colto e popolare assieme. Da una parte la testimonianza dei grandi poeti: tra gli altri Ungaretti, Palazzeschi, Gadda, Alvaro, Rebora, D'Annunzio, Folgore, Soffici, Govoni, Boccioni e Marinetti, dall'altra le misere lettere in dialetto sgrammaticato dei soldati in trincea. In programma anche alcuni brani tratti dalle memorie di Malaparte, Caccia Dominioni, Frescura, Fabi, Lussu, Monelli, Salsa, Solmi; i contributi poetici di Majakovskij, Joyce, Apollinaire, Eliot; la sintesi ungarettiana, poesia scabra e dura come pietra carsica; la grande memorialistica italiana.
Accanto ai momenti salienti della guerra sugli Altipiani e sul Carso, si racconta la vita in trincea: l'attesa spasmodica dell'assalto, il battesimo del fuoco, il sonno della giovane vedetta, la paura della morte e l'orrore delle carneficine causate dalle nuove armi, la fame la sete il freddo e il caldo sofferti, gli atti di eroismo, la solidarietà, la curiosità per il nemico, a volte così vicino da sentirlo respirare e cantare e prendere il caffè. E ancora: la prigionia, le decimazioni, l'autolesionismo per disertare la guerra. Non mancano involontari pezzi comici, legati ai disagi: topi ammaestrati o espedienti per convivere con i cadaveri con cui bisogna 'affiatarsi'. Un affresco umanissimo.
Il rapsodo Cosimo Cinieri, nel costume di un semplice fante, appare come un reduce, pronto a spogliarsi delle sue reliquie: una stampella a cui s'appoggia e una maschera/protesi a risanare terribile ferite, per raccontarci la drammatica odissea. Il 'teatro di guerra' sta lì a ricordarci – come ha sottolineato Andrea Cortellessa - che per la prima volta l'uomo visse la guerra moderna come uno spettacolo grandioso, che avvince almeno quanto fa inorridire.
Le musiche della Banda spazieranno dai canti di guerra e di contestazione: nel repertorio La leggenda del Piave, Ta-pum, La campana di San Giusto, O Gorizia tu sei maledetta, fino alle canzoni napoletane dell'epoca, brani lirici e sinfonici (Mozart, Verdi, Gounod e Sibelius), oltre alle più acclamate canzoni di café-chantant, tra cui la celebre Frou frou del tabarin.

GUERRA! '15/18 è prodotto dall'Ass. Culturale "Vagabonda Blu", in collaborazione con la Regione Lazio e Musica per Roma. L'evento rientra nell'ambito de "Le Rose del Parnaso Festival itinerante" (2a Edizione) e gode del patrocinio di: Commemorazioni centenario I Guerra mondiale, Senato della Repubblica, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Stato Maggiore dell'Esercito Italiano, Regione Lazio, Comune di Roma, Biblioteche di Roma. Si ringrazia per la collaborazione la Cineteca del Friuli Venezia Giulia.
BANDA DELL'ESERCITO
La Banda dell'Esercito è stata fondata nel 1964. Sempre presente ai più importanti eventi istituzionali che hanno punteggiato la storia della nostra Repubblica nell'ultimo cinquantennio, ha avuto alla sua guida i Maestri Amleto Lacerenza, Marino Bartoloni, Domenico Cavallo e Fulvio Creux. Dal 2013 è sotto la guida tecnico artistica del M° Capitano Antonella Bona. È formata da esecutori diplomati al Conservatorio e reclutati attraverso selettivi concorsi nazionali. Svolge servizi istituzionali ed è impegnata in un'intensa attività concertistica, che l'ha vista presente in innumerevoli città italiane, dove ha suonato nelle principali piazze, sale e teatri. Tra le attività musicali più rilevanti degli ultimi anni ricordiamo le "Celebrazioni Nazionali Verdiane"(Parma), il "Festival Internazionale delle Bande Militari"(Modena), il "Concerto di Gala per i 90 anni di Giancarlo Menotti"(Spoleto Festival) ,il "Concorso internazionale Il Flicorno d'oro", "K Festival"(Roma),"Settembre Musica" (Torino),"Stagione sinfonica della GOG" (Genova), "Fondazione Festival Pucciniano" (Torre del Lago), "Festival Berlioz"(La Côte –Saint- André). Ha collaborato con solisti di fama internazionale quali Jacques Mauger e Steven Mead ed è il primo ed ancor unico complesso militare italiano ad aver avuto sul podio "direttori ospiti", tra i quali ricordiamo per tutti Riccardo Muti. La Banda dell'Esercito ha al suo attivo la presenza a numerose trasmissioni radio-televisive ed un intensa produzione discografica.
Il suo repertorio spazia da quello celebrativo a quello lirico sinfonico, con particolare predilezione per la musica originale per Banda, approfondita sia in pagine storiche sia in brani dalla più viva attualità.
In ultimo, degno di nota, la partecipazione alla serata finale del Festival di Sanremo insieme alla PFM che hanno eseguito una particolare versione dell'ouverture del Nabucco.

Maestro Cap. ANTONELLA BONA Direttore
Si è diplomata in "Strumentazione per Banda" ed in "Musica corale e Direzione di coro" presso i Conservatori de L'Aquila e di Bari. Ha seguito corsi con Daniele Carnevali, Jan van De Meij, Thomas Briccetti, Thomas Fraschillo .
Nel 2002 ha conseguito  presso la Scuola Superiore di Musica "Accademia Musicale Pescarese" il diploma in "Direzione di Banda" sotto la guida del M° Fulvio Creux. Ha scritto articoli per numerose riviste musicali ed è autore di composizioni e trascrizioni, pubblicate dalle edizioni Santabarbara, Ludo, Eufonia, Scomegna e Studio Music di Londra; molti suoi arrangiamenti sono stati inseriti nel repertorio di Steven Mead, che li ha incisi sul cd "Bella Italia". Come direttore ospite è stata sul podio del Corpo Musicale "C. Cusopoli" di Monterubbiano, dell'Orchestra di Fiati del Cilento, delle Orchestre di Fiati di Amantea, di Delianuova e di Melicucco, dell' "Unione Musicale Ciociara" e del Conservatorio di Lecce. Nella stagione 2003 è stata Maestro Direttore del "Gran Concerto Bandistico Città di Fisciano", col quale ha tenuto oltre 40 concerti in tutto il sud Italia. Negli USA ha collaborato con i "Tara Winds" di Atlanta e ha diretto all' Università del Southern Mississippi; in Svizzera ha diretto la Canobbio Wind Orchestra per la Fondazione "Roberta de Camerino". Nel 2007 ha vinto il concorso nazionale per Maestro Vice Direttore della Banda dell'Esercito Italiano, con la quale ha diretto in numerose località, tra cui ricordiamo Auditorium Parco della Musica , Accademia Americana, Teatro Olimpico(Roma), Festival verdiano (Parma), Veneranda Fabbrica del Duomo(Milano), "Festival Berlioz"(Francia).

Prezzi:
Intero: 15 euro
Ridotto: 10 euro (cral e centri anziani); 8 euro (ragazzi under 16)
 
Promozione e segreteria organizzativa: InventaEventi
Tel: +39 06 98188901 - progetti@inventaeventi.com      
www.inventaeventi.com
Ufficio Promozione Pubblico: Alt Academy
Tel: +39 06 4070056 +39 339 5932844  - altacademy@libero.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *