Cerca nel blog

lunedì 23 novembre 2015

"Finalmente sola" di Paola Giglio: l'Amore, tra dipendenza, incoscienza e consapevolezza, dal 3 al 6 dicembre al Teatro Studio Uno di Roma

LUNARIA

presenta

FINALMENTE SOLA
di e con Paola Giglio

regia di Marcella Favilla
disegno luci Francesco Bàrbera

Dal 3 al 6 dicembre 2015 | Sala Specchi
Teatro Studio Uno 
Via Carlo della Rocca, 6


''Quando tu giuri che sei sua, / Con brividi e sospiri, / E lui giura che la sua passione è / Infinita, immortale - / Signora, segnatelo: / Uno di voi mente''.
(Dorothy Parker)

Il 3 Dicembre debutta al Teatro Studio Uno di Roma, 'Finalmente Sola' di e con Paola Giglio e la regia di Marcella Favilla, un originale assolo teatrale che ha  vinto il Premio per monologhi inediti 'Anima e Corpo del Personaggio Femminile' all'interno della manifestazione culturale "Candoniadi 2015" di Udine.

"Finalmente Sola" affronta con pungente ironia il tema della dipendenza amorosa attraverso la storia di P., giovane donna che si ritrova improvvisamente intrappolata in un rapporto sentimentale malato, nel quale è vittima di violenza psicologica da parte del suo compagno.

P. è sempre stata fidanzata. Sempre, dall'età di 5 anni. La sua vita è stato un turbinio di relazioni, è saltata da una storia all'altra senza soluzione di continuità, schiava dell'amore e di uomini che, non si sa perché, appena conosciuti si sono subito innamorati di lei. Ora che P. è sola, finalmente, ripercorre con ironia e sarcasmo il suo passato sentimentale, prendendosi gioco con leggerezza ed una invidiabile capacità di analisi delle dinamiche di coppia, dei meccanismi che si innescano nella mente degli uomini e delle donne quando sono innamorati.

Non c'è bisogno di avere un uomo accanto per sentirsi completa. Banale? Non quanto si possa pensare. C'è voluta una relazione con un uomo violento per farglielo capire.  Come è successo a P, è possibile uscirne indenni, senza segni di mani strette sul collo o costole fratturate? C'è la possibilità di evitare una relazione violenta che espone ad una massacrante pressione psicologica esercitata da compagni decisamente non risolti? Se lo chiede anche P., che la sua esperienza l'ha avuta e sa, al contrario di noi, come è andata a finire. Ce lo racconterà, certo. Ci dirà tutto, dall'inizio.

Finalmente sola non è un monologo sul femminicidio; è un testo che si propone, guardandole attraverso le lenti dell'ironia e del sarcasmo, di indagare le dinamiche amorose, partendo da quelle un po' scontate e che fanno sorridere, fino ad arrivare a quelle malate e potenzialmente pericolose.

La riflessione della protagonista si concentra sulla comprensione del confine tra normale e anormale. Quando una relazione difficile diventa malata, quando è stato che la sua ha superato il limite? C'è stato un momento che ha segnato l'inizio della fine? C'è un modo, in mezzo alla tempesta, per restare lucidi e salvarsi dall'onda lunga che si avvicina inesorabile, alta come un edificio di otto piani, prima che si abbatta sulla propria testa?

'Finalmente Sola' va in scena dal 3 al 6 dicembre al Teatro Studio Uno di Roma, nell'ambito delle iniziative organizzate in occasione della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre.

"Finalmente sola" dal 3 al 6 dicembre 2015 | Sala Specchi
Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 (Torpignattara). Ingr. 10 euro.
Giov – Sab ore 21.00, Dom. ore 18.00


Per info e prenotazioni: 3494356219- 3283546847
www.teatrostudiouno.com –  info.teatrostudiouno@gmail.com

2 commenti:

  1. Un Caro in Bocca al Lupo di <3 sarei venuta con molto piacere, purtroppo non sono nello stato D'animo !!! sono in Lutto x la Perdita di mio Fratello ti Auguro tutto il Bene del Mondo augurando che posso farti le mie complimenti alla prox abbracci di <3

    RispondiElimina

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI