Cerca nel blog

Caricamento in corso...

lunedì 27 giugno 2016

Donne Perse(phone) - giovedì a Roma la prima rappresentazione assoluta alla Casa delle donne

DONNE PERSE(PHONE)
voci di donne contro la violenza sulle donne
di Annalisa Venditti
musiche di Bellini, Händel, Mozart, Purcel, Verdi, Vivaldi
 
PRIMA RAPPRESENTAZIONE ASSOLUTA
Casa Internazionale delle Donne
(via della Lungara, 19, Roma)
Giovedì 30 Giugno 2016 | ore 21,00
 
La Fanciulla del Lago  Melania Straffi La Sposa Bambina Erika Sharon Biancone
La Madre Incinta Raffaela Rusciano
Stella che Illumini i Vicoli Diana Forlani
Persephone Patrizia Scermino
Demetra Marisa Giampietro | Maria Grazia Teodori

CORO Anna Cucciari | Letizia Staccioli  | Maria Luisa Magnarelli  |
Laura Muzzupappa| Ada Seguino | Anna Silvestri
con la partecipazione dell'attore ANDREAS PLITHAKIS
regia Paola Sarcina
assistente alla regia e attrice tutor Diana Forlani
 
promosso dalla Comunità Ellenica di Roma e Lazio - organizzazione Elina Kasmeridu
incontri di approfondimento a cura della psicoanalista Mariella Linardos
si ringraziano
Vanessa Foglia Abitart, Fabrizio Pacifici riprese video, Livia Ventimiglia e Gianluca Fabi voci speaker radiofonici,
Cinzia Dal Maso costumi e oggetti di scena, Milena Barberis digital artist, Oriana Piccolini Domus Romana
L'associazione Music Theatre International e la Comunità Ellenica di Roma e Lazio, sono i promotori del progetto Donne Perse(phone), testo teatrale di Annalisa Venditti, che sarà presentato al pubblico, in anteprima nazionale, il 30 giugno 2016 alla Casa Internazione delle Donne.
 
Il progetto ha il patrocinio di Anima per il Sociale nei Valori d'Impresa, la collaborazione della Casa Internazionale delle Donne e Domus Romana, e la media partnership di Voce di Donna e Specchio Romano.
 
Donne Perse(phone) è un dramma moderno sulla violenza alle donne che si ricollega al mito classico: alla vicenda della dea greca Demetra e di sua figlia Persefone. 

Ispirato dalle cronache dei nostri giorni, alle storie di ragazze e donne uccise o abusate da un marito, un fidanzato o un compagno violento, questo recital dà voce alle vittime. 

Le figlie ritornano e lo fanno per raccontare alla madre gli ultimi momenti della loro vita e per ricucire quello strappo che – nonostante tutto - non potrà mai recidere un legame tanto forte e profondo. 

A differenza del mito antico, dove Demetra ottiene di poter riavere da Ade per sei mesi l'anno la figlia, nella tragedia dei nostri giorni questo non può accadere. 

La Persefone di oggi è morta, ma con lei sarà sempre sua madre. Il recital rappresenta un dialogo intimo tra madre e figlia, tra vita e morte, tra amore e violenza. 

Il linguaggio segreto e arcaico del mito si confonde con le atmosfere metropolitane evocate e con le parole della cronaca nera, in una parabola di emozioni che si infrange contro il fatale enigma dell'esistenza.
Tredici donne in scena, tutte non professioniste, tranne una. Hanno lavorato tre mesi, insieme alla regista Paola Sarcina e all'autrice Annalisa Venditti. Hanno costruito insieme lo spettacolo, attraverso un laboratorio, che ha previsto anche incontri di approfondimento con la psicologa Marinella Linardos. 

La performance, che sarà presentata alla Casa Internazionale delle Donne, è dunque il frutto maturo di un percorso di formazione e condivisione, tra emozioni e tensioni dell'anima e dell'intelletto.
 
Annalisa Venditti è giornalista professionista, scrittrice e regista. Dopo la Laurea con una tesi in "Archeologia e storia dell'arte greca e romana", ha conseguito un master in "Formazione e media". Dal 2003 collabora a programmi televisivi d'informazione e intrattenimento di Rai 1 e di Rai 3 come La vita in diretta, occupandosi di cronaca, attualità, costume, politica e sociale. Attualmente lavora nella redazione di Chi l'ha visto? (Rai 3).  Nel 2006 ha ricevuto in Campidoglio il "Premio Personalità europea" per la stampa e la TV.  Nell'agosto 2008 le è stato assegnato il premio sezione narrativa inedita del concorso internazionale "Omaggio a Giovanni Paolo II. Oltre la soglia della speranza" con il racconto 3 aprile 2005. Nel 2009, in occasione della Giornata mondiale per la Libertà di stampa, ha ottenuto dal Comitato promotore del Club Unesco di San Marco Argentano un riconoscimento per la sua attività. Tra le sue pubblicazioni, L'Albero di Millì (2010) e  Andrea Baroni. Il cavaliere delle rose e delle nuvole (2011). Il suo cortometraggio La Voce di S. Gerardo (Italia, 2013), ha ricevuto il riconoscimento del laboratorio filmico dell'Università degli Studi della Tuscia per "Amalfi... in corto".
 
Paola Sarcina. Dal oltre vent'anni si occupa di organizzazione e comunicazione per lo spettacolo dal vivo e la cultura. In questo ambito ha lavorato per diversi enti ed organizzazioni nazionali ed internazionali. Ha scritto su riviste specialistiche e partecipato a convegni internazionali in Italia e all'estero. Svolge attività didattica nel project management e comunicazione culturale. Ha una laurea in lettere moderne – musicologia e diversi master in management e marketing della cultura e dello spettacolo. Ha studiato canto lirico perfezionandosi in Italia, Germania e Spagna. Come cantante ha svolto e svolge tutt'ora, occasionalmente, attività concertistica in Italia e all'estero, affiancando anche l'attività di attrice, regista e autore teatrale. Come regista ha curato la regia di oltre trenta spettacoli, dal teatro classico, al contemporaneo, all'opera lirica. Nel 2000 ha fondato l'associazione culturale Music Theatre International-M.Th.I. di cui è presidente. È ideatore e direttore artistico del festival internazionale "Cerealia. La Festa dei Cereali. Cerere e il Mediterraneo".
 
 
Ingresso: 5,00 € (più tessera € 2 Casa Internazionale delle Donne)
 
Per informazioni e prenotazioni:
 
Music Theatre International – M.Th.I. 338 1515381 - info@mthi.it   www.mthi.it
Comunità Ellenica di Roma e Lazio - 338 1747301 - info@comunitaellenicaroma.it   www.comunitaellenicaroma.it




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI