Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 24 giugno 2016

HITCHCOCK e TRUFFAUT: geni a confronto. Dall'1 al 14 luglio Spazio Oberdan Milano

Presso Spazio Oberdan Milano dall'1 al 14 luglio 2016Fondazione Cineteca Italiana presenta il documentario Hitchcock/Truffaut, che, attraverso rare immagini d'epoca, il parlato originale e preziose testimonianze di alcuni dei più grandi registi contemporanei (da Martin Scorsese, David Fincher, Arnaud Desplechin, Wes Anderson, a James Gray, Olivier Assayas, Richard Linklater, Peter Bogdanovich, Paul Schrader), racconta la lunga intervista di François Truffaut ad Alfred Hitchock fatta nell'estate del 1962 negli Stati Uniti.

Il regista Kent Jones è riuscito a cogliere lo spirito più autentico di quell'incontro, dal quale emerge tutta la passione, la vivida intelligenza, l'intesa e la stima reciproca dei due maestri. Emoziona e quasi commuove cogliere sul volto di Truffaut (allora trentenne, mentre Hitchcock ne aveva 63) il gioioso stupore di trovarsi al cospetto di un autentico mito cinematografico, suo e di tutta la Nouvelle Vague.

A corredo del documentario sono in programma due film di Hitchcock (L'uomo che sapeva troppo, versione del 1934, Paura in palcoscenicoe due di Truffaut (I 400 colpiL'uomo che amava le donne), testimonianze indiscutibili dell'arte cinematografica dei due registi.



Venerdì 1 luglio h 18
Hitchcock / Truffaut
R.: Kent Jones. Sc.: Serge Toubiana, K. Jones. Int.: Alfred Hitchcock, François Truffaut, Olivier Assayas, Peter Bogdanovich, Wes Anderson, Martin Scorsese, Paul Schrader, David Fincher, Arnaud Desplechin, Richard Linklater. Francia/USA, 2015, 80'.
La più grande lezione di cinema di tutti i tempi che ci porta direttamente nel mondo del creatore di "Psycho", "Uccelli" e "La donna che visse due volte". Quando François Truffaut intervistò Hitchcock su ogni film della sua carriera ebbe un'intenzione molto chiara: mostrare ai critici americani che si erano sbagliati a sottovalutare i film di Hitchcock, che per loro erano solo film di intrattenimento e leggerezza. La visione singolare di Hitchcock viene riproposta nel film di Kent Jones da alcuni tra i più grandi registi d'oggi: Martin Scorsese, David Fincher, Arnaud Desplechin, Kiyoshi Kurosawa, Wes Anderson, James Gray, Olivier Assayas, Richard Linklater, Peter Bogdanovich e Paul Schrader. La conversazione tra i due uomini cambiò profondamente la critica nei confronti dell'approccio del cinema di Hitchcock nel mondo, ma non solo. Da allora il concetto stesso di "cinema" cambiò per sempre.

Sabato 2 luglio h 15
I 400 colpi
R.: F. Truffaut. Sc..: F. Truffaut, Marcel Moussy. Int.: Jean-Pierre Léaud, Albert Rémy, Claire Maurier, Patrick Auffay, Jacques Monod. Francia, 1959, b/n, 101', v. o. sott. it..
Antoine Doinel, dodici anni, non sopporta i soprusi della scuola e di una famiglia che non lo ama. Il suo spirito ribelle lo condurrà in riformatorio. Da cui fuggirà, correndo incontro alla libertà e ad altri formidabili film.

Sabato 2 luglio h 21.15
Hitchcock / Truffaut Replica

Sabato 2 luglio h 17
L'uomo che sapeva troppo
R.: Alfred Hitchcock. Sc.: Emlyn Williams, Edwin Greenwood, Albert R. Rawlinson. Int.: Peter Lorre, Leslie Banks, Edna Best, Frank Vosper. UK, 1934, 84', v.o. sott. it.

Bob e Jill Lawrence, in vacanza in montagna, in Svizzera, insieme alla loro figlia adolescente Betty, fanno la conoscenza di Louis Bernard, un francese, che verrà assassinato mentre balla con Jill. Prima di morire l'uomo rivela ai coniugi Lawrence l'esistenza di un complotto ordito per uccidere un membro del parlamento inglese.

Ma gli assassini, prima che la coppia possa far saltare il loro piano, rapiscono Betty e la portano a Londra. I Lawrence li seguono, nel tentativo di liberare la figlia ed impedire che il crimine sia commesso.

Martedì 5 luglio h 18
Hitchcock / Truffaut Replica

Mercoledì 6 luglio h 18
Paura in palcoscenico
R.: Alfred Hitchcock. Sc.: Alma Reville, Whitfield Cook. Int.: Marlene Dietrich, Jane Wyman, Michael Wilding, Richard Todd. WUK, 1950, 110', v.o. sott. it.

Il marito di Charlotte, nota stella del music-hall, viene ucciso. Johnny, l'amante della diva, viene subito sospettato. Braccato dalla polizia, Johnny cerca aiuto nella sua amica Eve, alla quale racconta di essere stato messo in mezzo da Charlotte, la vera colpevole. Eve gli crede e decide di aiutarlo. Gli trova un nascondiglio sicuro e cerca di far confessare Charlotte. 

Ma è tutto inutile. Johnny, ancora innamorato della donna, una sera sfida la sorte e va a cercarla fino in teatro. Lì capisce che Charlotte non l'ha mai amato e che si è soltanto servita di lui. La polizia lo trova e inizia un inseguimento mozzafiato nei sotterranei del teatro. Eve accorre a salvarlo, ma l'innocenza di Johnny non è poi più così lampante. E lei stessa sarà poi al sicuro?

Giovedì 7 luglio h 18
L'uomo che amava le donne 
R.: F. Truffaut. Sc.: F. Truffaut, Michel Fermaud, Suzanne Schiffman. Int.: Charles Denner, Brigitte Fossey, Nelly Borgeaud, Geneviève Fontanel, Nathalie Baye. Francia, 1977, 118', v.o. sott. it.

Bertrand fa l'ingegnere, ha quarant'anni e una sola passione, ma divorante: le donne. A incontrarle dedica la sua vita, finché non decide di scrivere un libro in cui raccontarsi e riflettere su di sé. Riuscirà a darlo alle stampe appena in tempo, prima di morire in un ultimo, disperato tentativo di raggiungere il suo eterno oggetto del desiderio.

Giovedì 7 luglio h 21.15
Hitchcock / Truffaut Replica

Venerdì 8 luglio h 18
L'uomo che sapeva troppo Replica

Sabato 9 luglio h 19
I 400 colpi Replica

Sabato 9 luglio h 21.15
Paura in palcoscenico Replica

Giovedì 14 luglio h 18
L'uomo che amava le donne Replica



MODALITÀ D'INGRESSO
Biglietto d'ingresso intero: € 7,00
Biglietto d'ingresso ridotto con Cinetessera: € 5,50
Cinetessera annuale: € 6,00, valida anche per le proiezioni all' Area Metropolis 2.0 – Paderno Dugnano.
I biglietti possono essere acquistati in prevendita alla cassa di Spazio Oberdan da una settimana prima dell'evento nei giorni e negli orari di apertura della biglietteria.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI