CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

martedì 7 giugno 2016

PABLO e PEDRO arrivano al cinema con la commedia "Ciao Brother" (clip dal film)









GIANLUCA CURTI
presenta una produzione
con PABLO e PEDRO

BENEDICTA BOCCOLI         MIETTA      e con EMANUELA AURIZI

con la partecipazione di
FRANCESCA DELLA RAGIONE     CLAUDIA TOSONI

con la partecipazione straordinaria di
CLAYTON NORCROSS          MASSIMO CECCHERINI

e con l'amichevole partecipazione di
ROBERTO CIUFOLI


una distribuzione

direttamente da zelig,
la comicità di pablo & pedro arriva sul grande schermo:
ciao brother
dal 9 giugno al cinema!



Due dei comici di Zelig più apprezzati dal pubblico, una storia all'insegna degli equivoci e delle gag verbali, la magica cornice di Los Angeles: questi gli ingredienti dell'esilarante commedia Ciao Brother di Nicola Barnaba, che dal 9 giugno arriva al cinema grazie a Minerva Pictures, distribuito da Microcinema, e che rappresenta l'esordio da protagonisti sul grande schermo per Pablo e Pedro, che per l'occasione portano al cinema 20 anni di grandi successi, fatti di spettacoli teatrali e programmi televisivi amati da milioni di persone. 

Dopo essere emersi nel 1999 grazie al "Seven Show" e essere apparsi l'anno successivo a "Beato tra le donne" (dove affiancavano Natalia Estrada nei panni di due stravaganti bagnini), sono poi stati protagonisti di grandi trasmissioni come "Quelli che il calcio", "Colorado Cafè Live", "Maurizio Costanzo Show", "Buona domenica" e "Domenica In", per giungere nel tempio della comicità italiana: "Zelig".

E proprio gli amanti di quest'ultima trasmissione, non potranno perdere le esilaranti vicende dei due "fratelli" di Ciao Brother, in cui è possibile ritrovare tante situazioni che rappresentano perfettamente la loro comicità. Se in "Zelig" Pablo e Pedro fornivano le loro 'ineccepibili' lezioni di italiano, in questo film aiuteranno tutti quelli che hanno bisogno di imparare l'inglese e comunicare al meglio fuori dai confini nazionali. Si aggiungeranno fantasiosi consigli di economia e un'impeccabile prova in cucina, con la ricetta dei bucatini all'amatriciana preparata ad hoc per una coppia di "burini texani". Non mancheranno inoltre i loro amati 'Dio e Gabriele', personaggi ben noti al pubblico di Zelig, qui impegnati in un'apparizione molto speciale...

Pablo e Pedro definiscono questo loro primo film da protagonisti sul grande schermo "un'esperienza adrenalinica, vissuta con entusiasmo e quel giusto di apprensione che ti fa dare il meglio. La nostra è una storia di "live show", di teatro, a diretto contatto col pubblico e la sua risposta; girare un film è tutt'altro modo di lavorare senz'altro interessante, faticoso e stimolante." "Un'avventura che ci ha portato oltre oceano, a Los Angeles per la precisione, dove abbiamo girato con una troupe americana e sperimentato il loro modo di lavorare." "Ciao Brother è stata un'esperienza pazzesca …"

Ad impreziosire la pellicola anche i due brani di Mietta "Another Dream" e "Non Sei Solo".

Sinossi
Angelo (Pablo), un quarantenne simpatico e un po' truffaldino, si ritrova a dover fuggire a Los Angeles dopo aver venduto dei quadri falsi. Giunto in California senza un soldo e con le carte di credito bloccate, si arrangia come può, dormendo anche per strada.
Un giorno, scopre che un ricco imprenditore italoamericano è morto, lasciando un'enorme eredità al figlio George (Pedro), e nota che il caro estinto gli somiglia moltissimo. Così, Angelo si presenta a casa di George, sostenendo (senza fornire alcuna prova) di essere suo fratello. Tra gag, colpi di scena e situazioni folli, i due fratelli acquisiti finiranno per diventare amici per la pelle.


--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.