CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

giovedì 28 gennaio 2016

The Space Cinema omaggia Ettore Scola. Nelle sale il 1° febbraio “Ridendo e scherzando”, il documentario di Paola e Silvia Scola che racconta il grande regista






Pif, narratore, lettore, agiografo, guida e spalla

Nessuna intervista ad altri che parlino di lui, ma un "auto-racconto" per immagini


Roma – 28 gennaio 2016 – "Ridendo e scherzando" è un documentario scritto e diretto dalle figlie di Scola: Paola e Silvia. Presentato alla Festa del Cinema di Roma, arriva nelle sale di The Space Cinema il 1° febbraio, prodotto da Palomar e Surf Film, distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution.  

Un ritratto biografico, artistico e umano del grande regista, realizzato attraverso materiale di repertorio, fotografie rubate dagli album di famiglia, disegni, e vignette.

Una lunga storia durata 50 anni, un amarcord che passa in rassegna tutto il cinema di Scola e dunque il meglio del cinema italiano. 

Scola si racconta in prima persona, parlando di cose serie, ma facendo ridere con film caratterizzati da ironia e leggerezza, alla scoperta del mondo artistico di un maestro del cinema italiano. I critici lo hanno definito "uno scrittore per il cinema".

Oltre alla regia, infatti, è stato uno degli sceneggiatori che hanno dato vita alla migliore commedia all'italiana. "Amo ambientare le mie storie in ambienti angusti, in piccoli spazi – spiega Scola – non faccio film d'azione e stare in un ambiente chiuso mi permette di stare più addosso ai miei personaggi e a quello che pensano". 

Lo scrittore Scola ci lascia frasi celebri che caratterizzeranno i suoi film. Marcello Mastroianni fu l'esempio più efficace: "Abbiamo parlato di tutto pur di non parlare di niente". "Un uomo non vale per quello che è, ma per quello che potrebbe essere". "Piangere si può fare anche da soli, ma ridere bisogna farlo in due". "Ho lasciato la famiglia perché non sopportavo la solitudine".

E infine Gassman in "La terrazza" si rivolge così a Stefania Sandrelli: "A che ora è la rivoluzione, signora? Come si deve venire? Già mangiati?". E infine un accenno al narratore: Pierfrancesco Diliberto, in arte Pif.

Sono aperte le prevendite nelle sale, sul sito e sull'app.



THE SPACE CINEMA The Space Cinema, nato nel 2009 dalla fusione di Warner Village Cinema e Medusa Multicinema, è il leader del mercato italiano dell'esercizio cinematografico. A fine 2014 la proprietà della società è passata da 21 Investimenti e Mediaset a Vue Entertainment International, il gruppo fondato nel 2003 nel Regno Unito da Timothy Richards e Alan McNail. Il controllo azionario è nelle mani di due fondi canadesi: Omers e Alberta Investment Management Corporation. Giuseppe Corrado, amministratore delegato di The Space Cinema dalla sua fondazione, è stato confermato alla guida della società anche dalla nuova proprietà. Vue è presente in Uk, Irlanda, Germania, Danimarca, Polonia, Lituania, Lettonia e Taiwan con un fatturato di 900 milioni di euro, pari a una volta e mezzo l'intero mercato italiano. La mission di The Space Cinema – 36 multiplex in ogni regione italiana e 79mila posti a sedere- è quella di porre al centro del proprio lavoro lo spettatore a cui offrire l'eccellenza sia per quanto riguarda il livello delle proprie strutture cinematografiche sia nell'offerta sempre più ampia di contenuti esclusivi. Proprio per questo nel 2012 è nato The Space Extra, un palinsesto di contenuti speciali dedicati a cultura, musica, scienza, sport, intrattenimento e arte. E dal 2014 ha preso inoltre il via The Space Movies, il nuovo marchio del circuito dedicato alla distribuzione dei prodotti cinematografici. www.thespacecinema.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *