CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Le ultime news di Cinema e Teatro

Cerca nel blog

mercoledì 20 gennaio 2016

LUI CHE AMA MIO MARITO dal 21 gennaio in scena ad AMBRA GARBATELLA

"LUI CHE AMA MIO MARITO"

Commedia musicale per raccontare un disperato bisogno d'amore
di Maria Pia Liotta e Ennio Salomone
Regia di Maria Pia Liotta

Giovedì 21 gennaio 2016 alle ore 21,00 al Teatro Ambra Garbatella di Roma debutterà la commedia musicale "Lui che ama mio marito – un disperato bisogno d'amore", da un'idea di Maria Pia Liotta scritto con Ennio Salomone con la regia di Maria Pia Liotta.
Una storia basata su sentimenti forti, quella di "Lui che ama mio marito" e su eventi, circostanze e situazioni estreme.

L'obiettivo di questa  commedia musicale è quello di portare in scena, senza luoghi comuni, una storia di amore assoluto.  Nel nostro caso l'amore è quello tra Lara (Alma Manera) e Carlo (Salvio Simeoli). Lei è una famosa pop star internazionale, lui un affermato chirurgo plastico.

La loro unione, che giunge alle nozze, sembra perfetta, ma, come spesso accade, le apparenze celano segreti inconfessabili. A infrangere il sogno dei due sposi è il consueto triangolo, che però stavolta ha sembianze diverse, a  mettersi di traverso tra Carlo e Lara, è un uomo: Luca, affermato attore, (Sergio Arcuri), omosessuale.

Senza entrare in luoghi comuni e banalizzare concetti il racconto fa leva sull'amicizia, la solidarietà, il rispetto, la lealtà e l'onestà intellettuale che sono il punto di forza della vicenda. Ed ecco ciò che sembra scontato non lo è affatto, il normale diventa eccezionale.

La commedia non è solo un inno ai sentimenti e alla gioia di vivere, ma anche un invito ad abbandonare le maschere, che siamo soliti indossare, trovando il coraggio di affermare se stessi.

In scena accanto ad Alma Manera, Sergio Arcuri e Salvio Simeoli: Nadia Rinaldi, Beppe Convertini,  Marcia Sedoc e Francesco Forte,  con un corpo di ballo tutto al maschile di 6 ballerini. Le musiche sono di Paolo Limiti, Giovanna, Drupi, Maria Pia Liotta e Manolo Cristian Abbondati, le coreografie di Paolo Arcangeli,  i costumi del nuovo allestimento sono una sorpresa di Vanessa Foglia.

La formula adottate è quella della commedia musicale la durata di circa due ore ed  è un continuo fluire di colpi di scena conditi da forti emozioni. Il tutto raccontato con eleganza senza banalizzare un argomento che non sempre viene trattato con equilibrio.

"Si prende spunto da una storia d'amore tra Lui, gay, amico di Lei, Lei e l'Altro, il marito – afferma Maria Pia Liotta - per far emergere ciò che ogni coscienza tiene nascosto per egoismo, per paura o per vergogna. E cosa ne sarà... un finale inaspettato e travolgente.  L'obiettivo è la forza di affermare se stessi, senza paure, in cerca dell'amore tra umani. Nella nostra idea di sviluppo della storia sarà proprio questo il valore assoluto che si vuole evidenziare: un disperato bisogno d'amore. Si tratta di un allestimento multimediale e moderno  per  lanciare un messaggio di amore universale sensibilizzando soprattutto le platee giovani su un argomento che spesso viene strumentalizzato e reso ridicolo fino ad estremismi dannosi per l'intera società".

L'obiettivo della commedia musicale "Lui che ama mio marito" - aggiunge Ennio Salomone - è quello di portare in scena la storia di un amore, inteso come sentimento forte che investe i protagonisti, senza via di scampo, al fine di non diffondere messaggi sbagliati su una realtà che vivono tantissimi giovani, coinvolgendo intere famiglie, ed evitare il rischio di costruire drammi che alcune volte possono determinare la non stabilità dell'individuo. Proprio per questo motivo lo spettacolo vede nei giovani un punto di riferimento per ridare dignità assoluta a chi forse, per effetto della strumentalizzazione, perde di vista la propria identità. Indirizzare le generazioni future e, a quella parte in particolare di giovani, che si trovano ad affermare e a decidere la propria sessualità, al rispetto, innanzitutto di se stessi, alla lealtà, alla dignità umana  è un dovere di chi opera nel settore della cultura".

Lo spettacolo sarà in scena al teatro Ambra  Garbatella fino al 31 gennaio 2016.


LUI CHE AMA MIO MARITO
TEATRO AMBRA GARBATELLA
Piazza Giovanni da Triora, 15, Roma  
Telefono: 06 8117 3900 info@ambragarbatella.com
www.teatroambra.it
da giovedì 21 gennaio '16 ore 21,00 a domenica 31 gennaio '16  ore 17,00
da giovedì a sabato ore 21,00, domenica ore 17,00
prezzi: intero 20,00 Euro,  ridotto 15,00 Euro

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *